Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2016

Il concetto problematico della morte

di Umberto Berardo



Non c'è niente di più umano, a nostro avviso, che dedicare il giorno della commemorazione dei defunti al ricordo di quanti hanno lasciato fisicamente la vita ed al senso che essa può avere.
Sappiamo che molti, considerandolo nella sua negatività come eliminazione degli elementi biologici, cerebrali, psicologici e sociali che costituiscono la vita come l'insieme delle relazioni umane, tendono a rimuovere l'evento della morte.
C'è chi, come ad esempio J. P. Sartre, lo considera un "puro fatto" e ne ha una concezione legata al termine dell'esistenza ed al suo concludersi nel nulla, mentre altri, legati ad un'escatologia religiosa cristiana, lo vedono come una separazione dell'anima dal corpo per l'inizio di una nuova vita in un mondo ultraterreno o, come nell'Induismo, in una reincarnazione o ancora, come nel Buddhismo, nella "rinascita" ovvero il persistere in eterno della vita di ogni essere vivente come parte dell…

Renato Testa con il cappello della Guida “I Ristoranti d’Italia 2017”  de L’Espresso

Immagine
Onore e tanti applausi alla Risorta Locanda del Castello di Civita di Bojano e al suo animatore in cucina e in sala, il bravissimo Renato Testa, che, in quel luogo stupendo che domina la valle ombrosa dal quale parte il fiume tutto molisano, il Biferno, scioccamente abbandonato dalle istituzioni, riesce a far parlare del Molise sulla più titolata Guida, quella dell'Espresso, "i Ristoranti d'Italia 2017". Un eroe, in mezzo a 502 insigniti di cappello (5 per i supercampioni e a scalare fino a 1 per quelli bravi come Renato) che, non si capisce perché, sono per la quasi totalità (118 su 502) sparsi nelle Regioni del Centro Nord di questo nostro stupendo Paese.

Se penso che il Molise ha un solo rappresentante con un solo cappello e la Puglia tredici, devo pensare che il mio metro di giudizio di un piatto o di un locale è sbagliato o - ed è possibile - quelli che selezionano al sud sono più esigenti o, anche, che sono molto pochi i ristoranti del Centro Sud selezionati. E…

La politica degli annunci

Immagine
di Umberto Berardo



Crediamo sia lapalissiano riconoscere che la rete stradale di una regione e la sua efficienza in termini di percorribilità rappresentino elementi fondamentali per la qualità della vita di una popolazione.
Le strade sono utili per raggiungere, soprattutto dai borghi delle aree interne, servizi fondamentali quali quelli sanitari, scolastici, burocratici, economici, culturali, ricreativi, ma anche per i movimenti di natura commerciale e turistica.
Nel Molise i collegamenti interni e con le altre regioni sono difficilissimi, se non addirittura ardui, a causa di un tracciato delle strade tortuoso, determinato prevalentemente dall'orografia e migliorato in parte negli scorsi anni solo sulle direttrici principali che riguardano principalmente le S.S. Bifernina, Trignina e quella che mette in collegamento Campobasso con San Vittore, mentre le comunicazioni con la Campania, con l'Abruzzo interno e con la Puglia rimangono davvero lente o addirittura precarie.
Tutte le str…

Agricoltura italiana: Fine o inizio di un sogno?

Immagine
di Giorgio Scarlato

il settore agricolo nazionale, contadini compresi, visto nell'ottica produttiva è più morto che vivo. Pensare, lottare nel poter cambiare qualcosa, in ultima analisi è servito a poco, forse neanche a sognare. Quello che è avvenuto negli ultimi 15 anni nel nostro Paese nei confronti del mondo agricolo è impressionante, sa dell'inverosimile. Ministri, forse l'ultimo, quello vero, è stato Giovanni Marcora (l'uomo del fare), e rappresentanze sindacali non hanno rappresentato che solo chiacchiere. Forse a quello che dicono non credono manco loro. Un mondo agricolo per sempre diviso (voluto) in balia del... chi può arraffa e "usato, depredato e svenduto," sempre come merce di scambio per altri fini dalla politica; da tempo immemore a vantaggio della speculazione finanziaria.
Una puntualizzazione. Le importazioni nel 2015, sempre maggiori, hanno riguardato il 56% di latte, il 45% di grano duro, il 73% di grano tenero, il 60% di carne bo…

OBLIVION Ovvero la parafrasi della emigrazione

Immagine
di Franco Cianci
La struggente bellezza della musica di un vecchio organetto a bottoni, bando neon, di cui, disperando nel successo, vorrei tanto riprodurre il suono, come speravaanche Saramago dal suo rifugio di Lanzarote (Canarie), costruito dai prodigiosi, come sempre, artigiani germanici per le ardite cattedrali gotiche della Germania, esportato dagli emigranti nelle Americhe e in particolare in Argentina, attecchì potentemente in quelle società e divenne subito il simbolo e l’elemento rapsodico di tutte le emigrazioni europee transatlantiche.

Questo strumento, dai suoni effettivamente umani, il più delle volte strazianti, trovò un cantore formidabile in Astor Piazzolla; un genio della musica contemporanea tra i più grandi in Europa, anch’egli di origini italiane (di Barletta il padre, toscana la madre), che approdò nei sobborghi di Buenos Aires.

Astor nasceva nel 1921, esattamente negli anni in cui la emigrazione verso l’Argentina degli emigranti italiani fu la più intensa.

La emigra…

Dove va la legislazione sul sistema prostitutivo

di Umberto Berardo



Della prostituzione come fenomeno sociale ci siamo già occupati diffusamente nel romanzo "Il senso dei giorni" pubblicato nel 2007 e in una ricerca dal titolo "Misurarsi con il tema della prostituzione" sulla rivista Il Ponte nel maggio del 2008.
Ancora oggi nella maggior parte dei Paesi del mondo essa è illegale, in altri è completamente legale, mentre altrove è permessa, ma se ne sanzionano lo sfruttamento ed il favoreggiamento.
Sugli aspetti di carattere umano continuiamo a dissentire sull'idea della prostituzione come un diritto, convinti invece che l'accettazione del fenomeno sia legata, come abbiamo scritto già con chiarezza, ad un'idea molto negativa del sesso e ad una logica crudele e talora perversa di stampo maschilista e neoliberista che trasforma un essere umano in uno strumento per il piacere sessuale di chi paga.
Noi pensiamo che l'esercizio della prostituzione non abbia alcun legame con la libertà personale di chi vi r…

IL VINO MOLISANO, IN UN ANNO PERSO IL 20% DEL MERCATO ESTERO!

Immagine
- 19% di vino molisano esportato è un dato pauroso anche per un realtà piccola come il Molise vitivinicolo. Gli errori si pagano e quando, due anni fa, ho commentato, con l'articolo qui riportato, che era sbagliato non utilizzare i fondi dell'Ogm vino e perdere l'occasione d'impostare una strategia sui mercati terzi (pensavo alla Svizzera e al Canada), ricordo bene la risposta dell'assessore all'agricoltura che, diceva, erano i produttori ad aver deciso di mettere le risorse (400mila euro) sui progetti di ristrutturazione dei vigneti e, l'altra (davvero sorprendente) che m'invitava  a non disturbare il manovratore impegnato a fare cose grandi per l'agricoltura molisana.Invito non accolto, visto che lotto da una vita per portare alti alcuni valori, in particolare la libertà di dire, anche se basso, grasso e pelato, com'è nella mente dell'assessore della mia regione.
Un dato, quello del crollo dell'esportazione, che dovrebbe preoccupare la…

GIORNATA MONDIALE DELL’ALIMENTAZIONE E DELL’AGRICOLTURA

Immagine
Non una festa ma, oggi e domani, momenti di riflessione sul valore e il significato del cibo, che l’agricoltura produce utilizzando il territorio. Il bene comune più prezioso che raccoglie, dentro un paesaggio modellato dal coltivatore, la terra con la sua poca o grande fertilità.
Sta qui la sacralità del territorio che è, anche e soprattutto, espressione della nostra identità, della diversità e di ciò che è vita, la biodiversità.
Lo sfruttamento esagerato del pianeta, specialmente negli ultimi decenni, ha portato a concentrare la ricchezza sempre più in poche mani e ad allargare la fascia delle povertà (anche in Italia) con miliardi di persone, soprattutto bambini che muoiono di fame o che piangono la fame per il cibo che non hanno.
Combattere le politiche che hanno dato vita ad un sistema, e, che continuano ad alimentarlo nonostante il suo totale fallimento e la pesantezza della crisi, è un dovere di ogni cittadino, soprattutto delle madri e dei padri che vogliono davvero un futuro mi…

Dalla gentile di Larino… un olio divino!

Immagine
Enopanetteria “I Sapori della Tradizione” – Venerdì 14 Ottobre 2016



Piacevole e gustosa serata in compagnia degli Enodegustatori Campani, che ha visto protagonista l’olio extra vergine di oliva DOP Molise dell’Azienda Agricola “Le grotte di tufo”di Mariagrazia Giardino.


Si tratta di un olio davvero buonissimo che nasce nel territorio del comune di Larino, città  ricca di storia e tradizioni… fondata ben cinque secoli prima di Roma, l’antica “Frenter” (era questo il suo nome etrusco) fu poi distrutta e ricostruita in età repubblicana con il nome di “Ladinod” (che significa dimora); il nome attuale “Larino” (dal latino “Larinum”), deriva secondo alcuni da successive corruzioni linguistiche, secondo altri dal fatto che gli antichi Romani volevano indicare con quel nome il luogo dove i Frentani ebbero i loro Lari.


Ad ogni modo, Larino è stata una città importante sin dall’antichità, come testimoniato dai resti dell’anfiteatro romano e dai bellissimi mosaici ritrovati; anche in età medievale…

Le innovazioni che mi piacciono

Immagine
Comunicato stampa Sciami di droni a lavoro con gli agricoltori
14/10/2016 Il drone sviluppato all'interno del progetto Saga sarà dotato di algoritmi per la visione artificiale e per il coordinamento con altri droni La tecnologia in aiuto dell’agricoltura. In un futuro molto prossimo sciami di robot e droni saranno diffusamente impiegati nei campi per individuare ed eliminare le piante infestanti ed aumentare la produttività. È quanto promette il progetto europeo ‘Saga: Swarm Robotics for Agricultural Applications’, coordinato dall’Istituto di scienze e tecnologie dell’informazione del Consiglio nazionale delle ricerche (Istc-Cnr) e presentato oggi a Roma nel corso di Maker Faire, che punta a far interagire i droni in sciami, secondo una logica simile a quella delle api.
“Tra pochi mesi sarà pronto il test per il primo prototipo di drone programmato per osservare un campo coltivato e rilevare con precisione la presenza di piante infestanti attraverso algoritmi di visione artif…