Post

Non per caso

Immagine
Nel Dicembre del 1994 la nascita, a Larino, dell’Associazione Nazionale delle Città dell’0lio quale riconoscimento dovuto a un testimone ultramillenario, l’olivo, di tanti e importanti territori, tutti del Mediterraneo. Il Molise rappresentato dalla varietà più diffusa, la “Gentile di Larino”, accompagnata da altre due varietà, la “Salegna o Saligna” e la “San Pardo”, anch’esse legate al nome della città Frentana. Ricordo l’emozione e l’orgoglio dei protagonisti di quest’eccezionale evento, i presidenti delle due Amministrazioni provinciali e delle due Camere di Commercio e, in particolare, dell’allora sindaco di Larino, il compianto Alberto Malorni, e dei trenta più sindaci fondatori del Molise, della Liguria, delle Marche, della Toscana, dell’Umbria, della Sardegna, dell’Abruzzo, della Puglia e della Campania intervenuti. Una giornata quella del 17, indimenticabile anche per il freddo gelido improvviso. Un giorno propizio, però, c he ha portato fortuna alla neonata Associazione, og

un problema fondamentale: distinguere il vero e il falso.

Immagine
Nicola Picchione commenta il mio articolo "I veri falsi", pubblicato tre giorni su questo bloge, e lo fa allegando la foto dello scimpanzè pensante. Una riflessione che merita di essere condivisa con voi lettori che avete la pazienza di leggere quello che pubblico. Caro Pasquale, hai posto sul tuo blog un problema fondamenttale: distinguere il vero e il falso . Tu lo risolvi, riguardo a temi specifici e concreti, dando per scontati alcuni principi. Infatti è necessario partire dai principi per stabilire il vero e il falso, il giusto e l’ingiusto. Purtroppo sui principi non c’è accordo universale. I talebani muoiono per i loro principi che noi rifiutiamo; Hitler era certo che aveva un mandato divino per far emergere la razza migliore. Anche Putin forse è persuaso che svolge un ruolo giusto per il suo Paese. Dai principi adottati si giudicano le azioni. Hitler bombardava Londra uccidendo civili per raggiungere il suo “giusto” scopo; gli alleati distrussero Dresda in nome de

Associazione nazionale Città del Vino

Immagine
CONVENTION 2022 DELLE CITTÀ DEL VINO A DUINO AURISINA Il presidente Angelo Radica punta sul coinvolgimento dei comuni in modo sinergico, fare rete per iniziative a sostegno della viticoltura di qualità nei vari comuni italiani associati. Aderiscono quasi 500 associati. I coordinatori regionali punto di riferimento per tutti i sindaci. i sindaci devono essere custodi e gestori dei distretti delle produzioni DO-IG in dialogo con le funzioni di ogni Regione. Pantelleria al centro del dibattito su iniziativa del sindaco Vincenzo Campo: adesione delle Città del Vino. Nel 2023 Menfi (Sicilia) pende il testimone di città italiana simbolo del vino. L’enoturismo al centro dell’agenda. Giampietro Comolli ha sollecitato una azione politica della associazione per riportare le amministrazioni comunali nell’ambito decisionale delle Regioni per i riconoscimenti Doc-Dop alla luce della transizione ambientale, riuso produzioni, polizia rurale, uso e no spreco del suolo, prevenzione calamità

Riappropriarsi del diritto alla salute

Immagine
di Umberto Berardo Dopo diverse manifestazioni e incontri di riflessione organizzati sul territorio del Molise da parte di singoli o di associazioni di volontariato, già dal 2013 un gruppo di soggetti operanti nel settore della sanità e dell’informazione ha iniziato a vedersi a Campobasso in confronti abbastanza allargati sul tema della situazione sanitaria in regione. Questo lavoro ha condotto nel 2016 alla fondazione del Forum per la Sanità Pubblica del Molise che si è avuta con l’approvazione dell’Atto Costitutivo e con l’elezione del Consiglio direttivo, del Presidente e delle altre cariche previste. Il Forum ha subito prodotto incontri allargati, assemblee e moltissimi documenti di analisi sulla grave situazione dei servizi sanitari nella regione cercandone con meticolosità e con puntuali documentazioni le cause e le responsabilità soprattutto di natura politica che hanno determinato gravi danni per la salute dei cittadini a causa della mancanza di adeguati Livelli Essenziali di

I veri falsi

Immagine
1. Ultimamente mi chiedo se non è l’accumularsi dei miei anni che mi porta a rendere sempre più difficile il mio rapporto con un mondo nelle mani di chi lo sta facendo impazzire e, nel contempo, renderlo sempre più incattivito e pronto a vendicarsi. Nei confronti, però, dell’intera umanità e non degli artefici e protagonisti di un sistema nelle mani della finanza, quali le banche e le multinazionali. Il neoliberismo del consumismo e del denaro, che continua nella sua opera di depredazione e distruzione dei valori e delle risorse della terra, come la sua biodiversità e fertilità. Il clima è il bubbone più evidente di una terra sempre più malata, ed è anche il tema che i Grandi utilizzano per i loro incontri, ma che subito dopo dimenticano per renderlo occasione di nuovi incontri e primo punto all’ordine del giorno, quello che apre e chiude la discussione. Dopo l’incontro di Parigi del 2015 la situazione del clima è peggiorata a tal punto che gli esperti, anche i molti negazionisti

All'Itas di Larino un concerto per celebrare la giornata contro la violenza sulle donne

Immagine
Bella e significativa la “Giornata internazionale di lotta contro la violenza sulle donne” - ricorrenza istituita nel 1999, dall’Assemblea generale delle Nazioni Unit - organizzata dalla Dirigente scolastica Emilia Sacco nella sala incontri dell’Istituto Tecnico Agrario Statale “San Pardo”, con gli studenti anche dell’Istituto per Geometri. All’insegna de “La scuola è memoria” un Concerto per archi a cura dell’Orchestra dell’Orchestra sinfonica del Molise diretta dal maestro Pasquale Veleno, che ha presentato e illustrato agli studenti presenti gli strumenti e i suoni , nell’intervallo delle opere, fra le più note, dirette. La grande musica per celebrare una ricorrenza significativa e ricordare che serve lottare per eliminare contro una violenza , vera e propria violazione dei diritti umani, che si consuma ogni giorno contro le donne Ne hanno parlato la dirigente Prof.ssa Sacco, l’assessore alla cultura Comune di Larino Iolanda Giusti. Presente il sindaco Giuseppe Puchet

Le Città del Vino

Immagine
Una geniale idea di Elio Archimede, editore e direttore di Barolo&Co. e Rosmarino, l'impegno mio e di due miei collaboratori (d.ssa Silvana Lilli e dr. Giancarlo D'Avanzo), che, grazie all'Ente Mostra Vini- Enoteca Italiana di Siena e all suo presidente Sen. Riccardo Margheriti, è stato possibile organizzare e promuovere questa prima Associazione Nazionale d'identità, nei suoi primi cinque anni di vita. Una realtà bella e importante, dopo la tragica vicenda del metanolo, che, con le tante altre iniziative portate avanti dall'Enoteca Italiana, ha dato - con i titolari pro-tempore dei territori, i sindaci dei comuni vitati, i grandi protagonisti - un grande contributo per la Rinascita del vino italiano. Notevole il suo impegno dato in questi 35 anni all'immagine di qualità dei nostri 526 vini a Denoominazione di origine (75 Docg, 327 Doc e 118 Igt) o, anche, Indicazione geografica Dop e Igp,, che, sommati ai 318 prodotti agroalimentari Dop, Igp e Stg, danno a