Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2014

la Clean economy per uno sviluppo sostenibile e possibile del Molise

Immagine
La Clean Economy Molise, l’idea progettuale di uno sviluppo possibile per il domani del Molise, procede sulla strada tracciata anche quando c’è da rimuovere un ostacolo pesante e non facile, qual è quello di una regione senza programmazione e, quindi, nell’impossibilità di poter essere, anche se non un momento di traino, almeno un punto di riferimento e di dialogo sul da farsi.

A questo quarto incontro nella bella sala del Comune di Casacalenda ancora una volta mancava la Regione. Il Presidente Di Laura Frattura, inserito nel programma per tirare le conclusioni, non ha partecipato perché anche questa volta, purtroppo, malato.
In pratica, si è giocato il solito tressette a tre, quello con il morto, che vale solo il tempo di attesa del quarto per completare le coppie contendenti che sono l’anima di questo gioco a carte molto bello.
Un quarto contendente, il più importante, visto la centralità del suo ruolo, sia per ottenere l’inserimento nel programma nazionale, una volta che viene c…

i miei mezzadri

Sì al suolo di Ruta

Immagine
La mozione presentata da Ruta e Caleo, e sottoscritta da altri 54 senatori, che chiede a Renzi, nella sua veste di presidente del consiglio dell’Ue, di attivarsi presso la commissione di una nuova proposta di direttiva quadro sul suolo, è, secondo il mio modesto parere, da ritenersi comunque una buona azione. Essa mette in luce un problema di straordinaria importanza e, come tale, di grande attualità, che ha bisogno di interventi urgenti se non si vuole arrivare a chiudere la stalla quando i buoi sono già scappati.
A Ruta raccomando - se me lo posso permettere quale ex collega, -di non fermarsi alla sola gestione o tutela, ma soprattutto alla preservazione di un bene che l’Italia perde con un ritmo di 100 ettari al giorno e che, grazie a “Sblocca Italia”, verrà accelerato. Un bene finito che, ripeto, ha forte bisogno (soprattutto in Italia) di essere preservato per essere tutelato e valorizzato. La sola tutela non basta, soprattutto ora che il suolo più fertile (vedi pianura padana), è…

Il paesaggio è la risorsa delle risorse

Immagine
Città e territorio » Temi e problemi » Toscana Il paesaggio è la risorsa delle risorse di Giuseppe Pandolfi e Rossano Pazzagli19 undefined 2014 1081 Chi si oppone al Piano Paesaggistico fa una battaglia di retroguardia: è l'opinione che Giuseppe Pandolfi, contadino e  Rossano Pazzagli, storico, entrambi della Società dei Territorialisti, esprimono in questo scritto. Ed è la convinzione di eddyburg e di quanti collaborano a questo sito.

Il paesaggio è la risorsa delle risorse:
chi si oppone al Piano Paesaggistico
fa una battaglia di retroguardia

In Toscana si è aperta sui media regionali la cosiddetta “guerra del vino”, che vede diverse associazioni di categoria del settore vitivinicolo unite in un attacco frontale contro il Piano Paesaggistico proposto dall’assessore all’Urbanistica Anna Marson. Quali sono le accuse mosse al Piano? Dirigismo, astrattezza, vincolismo, intenti punitivi nei confronti di una categoria agricola che ha bisogno invece di mani libere per proce…

Molise tra storia e paesaggio

Immagine
Io domani ci sarò alle ore 17.00 al Palazzo comunale di Ferrazzano per ascoltare i dotti relatori. Troppo importante il tema e di grande attualità. Il paesaggio è di fondamentale importanza per capire il suo legame con il territorio, la biodiversità, l'agricoltura. Un valore straordinario da spendere per dare un futuro alla nostra terra e alle nuove generazioni.

Il paesaggio è identità

Immagine
da Teatro Naturale Si dice – ed io sono d’accordo – che nei periodi di grande crisi la bellezza è la prima a essere maltrattata.

La crisi sistemica che viviamo lo sta dimostrando con un attacco crescente a questo straordinario valore, che c’è sottratto proprio nel momento in cui ne abbiamo più bisogno per viverlo, soprattutto come antidoto a un mondo che ci deprime con i suoi risultati sempre più negativi. Tanto più se questo valore, la bellezza, è un bene comune legato a quel patrimonio unico che è il territorio.

Parlo del paesaggio, cioè della rappresentazione del territorio che ha in sé la memoria del lavoro delle generazioni passate.
Penso a un piccolo borgo, con il suo campanile nella parte più alta e intorno le minute case perfettamente in armonia con il territorio; i campi coltivati, ma anche a quella parte che l’uomo ha salvaguardato non toccandola.

Alla bellezza di un paesaggio corrisponde di solito un territorio di qualità, quale insieme di valori e di risorse come la storia…

C'è il Molise a MUNDUS VINI 2014

Immagine
Pasqualedilenainforma
Tre medaglie d’oro delle 216 assegnate all’Italia sono andate a tre vini molisani, entrambi di Campomarino, la città del vino per antonomasia, due, un “Biferno” Doc, Gironia rosso 2007 e un “Molise” Falanghina 2013, dell’azienda “Borgo di Colloredo” dei fratelli di Giuglio e uno, “Ramitello” 2011, dell’azienda Di Majo Norante di Alessio di Majo Norante.
Grandi vini che onorano la vitivinicoltura molisana e le due aziende produttrici che, non da oggi, si stanno facendo conoscere nel mondo grazie a importanti riconoscimenti, come quello di MUNDUS VINI, uno dei rinomati concorsi, conosciuto in tutto il mondo, fondato da Christoph e Andrea Meiningere e che si svolge ogni anno a Neustadt in Germania.
L’Italia con 445 medaglie (9 Gran medaglie d’oro, 216 medaglie d’oro e 220 d’argento, è risultato il primo Paese tra i 35 rappresentati, davanti alla Germania ed alla Spagna.
Un bell’applauso ai Di Giulio e a Di Majo Norante che con i loro grandi onorano la vitivinicoltura m…

Dal mercato la libertà del poduttore e il futuro dell'azienda agricola

Immagine
I dati, riferiti ai valori, dei primi sei mesi dell’esportazione dei nostri vini nel mondo accusano rallentamenti significativi tra il primo e il secondo trimestre 2014 e un mantenimento di fronte allo stesso periodo dello scorso anno.                                                                  Fonte: Corriere Vinicolo su dati Istat Non per tutte le Regioni, visto che ce ne sono alcune che migliorano significativamente come il Friuli Venezia Giulia (21,4%) e l’Abruzzo (11,4%)e altre che peggiorano come la Calabria (- 43,5%), la Sicilia (-36,3%), l’Emilia Romagna (-22,4%) o il Molise (-17,5%) che incassa 550mila euro in meno, cioè 2.596 euro di fronte ai 3.161 dello scorso riferito al primo semestre.
Una perdita notevole se rapportata al valore complessivo dell’esportazione e al periodo breve di un anno, che rende ragione al mio articolo di qualche settimana fa dove mettevo in evidenza l’azzeramento da parte dell’assessorato all’agricoltura della regione Molise dei 466mila euro desti…

VENDEMMIA NELLE CANTINE D'UVA

Immagine
C’ero anch’io questa mattina alle Cantine D’Uva di Larino a vivere una giornata all’insegna della vendemmia con Cantine aperte, l’iniziativa del Movimento del Turismo del vino. Come in altre occasioni attento a seguire Angelo nelle sue dotte spiegazioni sulle uve di Montepulciano, tra vitigni, portainnesti, terreno, vigoria vegetativa, foglia, grappolo, acino, buccia, polpa, semi o vinaccioli. E poi a degustare con Enrica il succo dell’uva appena macinata, priva di ogni fermentazione, e, ancora, in cantina a seguire il discorso sulla fermentazione nei vasi di acciaio con il cappello formato dalle bucce che sale e non appena cominciano ad aprirsi, di nuovo in basso perché possa risalire a grumi e poi ricompattarsi di nuovo. Nella bottaia a seguire i processi di maturazione e di affinamento dei vini che si affidano al legno ed alla capacità che questo ha di farli respirare e vivere prima di essere imbottigliati per un loro ulteriore affinamento, pronti per deliziare gli occhi e la bocca …

LA CIVETTA

Immagine
La civetta mi ha riportato a quando ragazzo, grazie al mio compagno di scuola e di strada, Gino Battista,  ho visto solo i suoi grandi occhi illuminati su un albero dell'orto del mio amico nella curva di Marchione a Larino.




Poi me l'hanno fatta sempre pensare come l'uccello che portava sfortuna quando cantava (chi sa do cante e pe chi cante).





Di recente ho avuto il piacere di tre visite in casa attraverso il camino. Una grande emozione ed un piacere rivedere da vicino i suoi grandi occhi che da ragazzo mi avevano impressionato.








Ve la presento prima di ridare a lei la libertà persa per colpa della curiosità o, lo voglio credere, della voglia di venirmi a trovare.





Comunque questa sua falsa nomea è servita a salvarla da quanti diversamente la potevano cacciare, ammazzare con la stessa facilità con cui si sono e si ammazzano tutti gli altri animali.






Prima di lasciarla e farla tornare a volare veloce con le sue grandi ali verso gli olivi e i cipressi, le ho racco…

L'ARCA DI NOE' E LA BIODIVERSITA'

Immagine
Parlare di biodiversità e, soprattutto, delle perdite che ogni giorno intaccano questo straordinario patrimonio, è un dovere perché da questo patrimonio dipende la vita del pianeta, quindi, la nostra vita. Il processo di degrado è andato molto avanti tanto da far dire agli scienziati che stiamo per raggiungere il limite, quello che segna il non ritorno.

Nessun governo è in grado di fermare questo processo perché ognuno di essi è guidato non dalla politica ma dall'economia, cioè banche, finanza, multinazionali.

Intanto, per cominciare a riflettere insieme riporto a chiusura di questa mia premessa un articolo che parla dei semi, cioè della vita, che non sono più patrimonio di chi questi semi li ha sempre avuti, i coltivatori, i produttori, soprattutto di orti, ma di multinazionali che hanno avuto la possiilità, con la complicità dei governi, di appropriarsene, impoverendo tutti noi che siamo i veri e soli proprietari.

Ogni giorno, dicevo, in un modo o in un altro veniamo derubati da…

MENO TERRITORIO, PIU' INQUINAMENTO

La mia carriera politica è nata, a cavallo degli anni ’70, sull’immondizia di Firenze nel mezzo dei quartieri S. Quirico, Il Ronco e Le torri, in via Baccio da Montelupo, là dove c’era la Sede dell’A.S.N.U. (Azienda Speciale Nettezza Urbana), che, in mancanza di rinnovo del contratto con il comune di San Piero a Sieve, aveva trasformato il suo piazzale in una discarica a cielo aperto. Una montagna di “monnezza” in una zona di nuova espansione edilizia dove arrivavano i fiorentini del centro e di altri quartieri di Firenze, non lontano dall’Isolotto che, in quel periodo, viveva la fama di Don Mazzi.
In pochi giorni la montagna di “monnezza” aveva raggiunto l’altezza delle case, che da poco tempo si andavano riempiendo di famiglie. La sezione del Pci di San Quirico e Legnaia mi ha invitato a partecipare, come suo rappresentante, a un’assemblea pubblica nella Casa del Popolo de Le torri, dove c’era la sede di una forte cellula della sezione stessa. Il mio intervento, a nome della sezione, h…

LARINO HA BISOGNO DI METTERE INSIEME LE SUE ANIME PER NON MORIRE

Immagine
Oggi sono andato inBanca, Monte dei Paschi di Siena, agenzia di Larino, ed ho appreso dal cassiere la soppressione della sede, e, quale persona gentile, mi ha consigliato di rivolgermi alla filiale di Termoli per il futuro.

Una Banca, soprattutto in questa fase di crisi, ha il polso della situazione di una realtà e, quindi, è da credere che sa che non ha più senso, oggi e ancor più domani, spendersi per Larino, una città che muore ogni giorno.

Muore con la chiusura dell’ospedale, decisa da tempo e accelerata dalla scelta di una sanità privata a scapito di quella pubblica; la perdita del Tribunale, grazie a Renzi e ad un suo Ministro che usa le forbici al posto del cervello; il declassamento del polo scolastico per giochi di potere locale e scelte politiche provinciali e regionali; l’annunciata chiusura della Riveco per mancanza di commesse; la crisi dell’agricoltura. Una crisi, quella del settore primario dell’economia, per la verità non di finanziamenti, ma di uso errato degli stessi, …