Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2018
Immagine
L'Alto Adige ha deciso: passo indietro sulla zootecnia intensiva
La zootecnia intensiva non deve prendere il sopravvento sul mondo rurale, e la sua mentalità deve rimanere fuori dal maso del contadino. È questa in estrema sintesi la nuova prospettiva verso cui protende la politica agricola della provincia di Bolzano, oggi più sensibile al successo del modello austriaco dell'Heumilch Stg che irretita - come lo è stata in passato - dalle prospettive produttiviste dell’agroindustria padana. In sostanza, il "sistema latte" altoatesino ha deciso di guardare ad un futuro in cui gli allevatori tornino tutti a limitare il carico dei bovini per ettaro, laddove negli anni passati questo fondamento della buona agro-zootecnia era stato colpevolmente perso di vista. Solo in questo modo la produzione sostenibile potrà essere garantita, in maniera tale da soddisfare le esigenze della società, che chiede prodotti “puliti” e del mercato, che dimostra quanto le produzioni ecosostenibili…

La pentola

Immagine
Nicola Picchione
Una grande pentola piena d’acqua. Dentro vivono esseri microscopici. L’acqua è la loro abitazione E’ fredda ma sotto è accesa una fiamma. L’acqua inizia a scaldarsi dal basso. I più capaci e veloci vanno a godere il tepore. Poi l’acqua si scalda sempre più. I più veloci e capaci si spostano verso l’alto. L’acqua è sempre più calda e chi è in basso si agita e si ribella. Nasce una lotta. I più capaci dicono di essere arrivati per primi e non vogliono cedere il posto. Gli altri non sentono ragione, vogliono sopravvivere. Nessuno si chiede perché l’acqua si scalda troppo. Nessuno pensa che bisognerebbe ridurre la fiamma e mantenere tiepida l’acqua in tutta la pentola. Alla fine muoiono tutti mentre stanno lottando gli uni contro gli altri. Muoiono prima i più deboli poi anche gli altri.
Credo di aver letto di questa pentola, non ricordo dove e quando. Piccole cose nascoste nella nostra mente che tornano a galla. La nostra pentola meravigliosa comincia a bollire (sovr…

Mala tempora currunt

Immagine
di Umberto Berardo


Gli eventi politici dopo le elezioni del 4 marzo hanno portato dopo settimane d'indecisioni ed accordi di potere ad un governo il cui programma è molto lontano dalle esigenze delle fasce più deboli della popolazione.
La flat tax, i condoni fiscali lasciati passare come "pace sociale", l'assoluta carenza di un serio progetto di rilancio dello sviluppo economico e dell'occupazione, ma anche l'assenza di una programmazione sulla cultura, sull'istruzione e l'educazione come su un'idea di sanità pubblica a garanzia della tutela della salute per tutti i cittadini sono gli elementi che già dall'inizio hanno dato l'idea di un'approssimazione e di una superficialità assoluta nell'affrontare i gravi problemi sociali che il Paese vive.
In questo governo verde-giallo dominano le peggiori idee della destra salviniana realizzabili tra l'altro quasi a costo zero, mentre nel Movimento Cinquestelle ha prevalso l'anima che v…

Agricoltura biologica: il regolamento della discordia

Immagine
da Agronotizie Normativa europea: entrerà in vigore dal 2021
Uscito il regolamento che disciplina la produzione agricola biologica
Fonte foto: © asferico - Fotolia
Finalmente è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale L150 del 14 giugno 2018 il regolamento 2018/848 relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici che a partire dal 2021 manderà in pensione il precedente provvedimento 834/2007, che a sua volta aveva congedato il celeberrimo 2092 del 1991.

I comunicati stampa delle varie organizzazioni di settore, probabilmente stremati dai quattro anni di trattative tra Commissione, Parlamento e Consiglio Ue, parlano di una sostanziale tenuta dei principi fondanti dell’agricoltura biologica, anche se nel testo pubblicato abbiamo notato passaggi di sano realismo, specialmente per quanto riguarda l’utilizzo dei mezzi tecnici per la difesa della produzione biologica dalle avversità.

Molto significativo l’articolo 24, rimasto peraltro invari…

Open Day dei Caseifici Agricoli: la svolta della consapevolezza

Immagine
da QualeFormaggio
Il mondo del formaggio ha in sé tante e tali complessità e variabili da essere oggettivamente il più ricco e affascinante segmento di cui l’agroalimentare si componga. Di questo i suoi stessi artefici sembrano ancora poco coscienti, nonostante tutto, purtroppo. Ma un segnale di cambiamento pare giungere, finalmente, attraverso l’iniziativa “Caseifici Agricoli Open Day”, fortemente voluto dalla nuova gestione del’associazione delle Casare e dei Casari di Azienda Agricola. Un “Open Day” che si prefigge di accorciare le distanze tra il mondo dei consumi e quello dei piccoli produttori, che è in calendario sabato 15 e domenica 16 settembre, e che la nostra testata giornalistica ha abbracciato con entusiasmo, ricevendo nei giorni scorsi l’incarico di “Official Media Partner”. Un settore straordinario in continuo fermento Ma cos’è che rende così ricco e affascinante il mondo dei piccoli caseifici di azienda agricola? A guardar bene sono un’infinità di fattori, che rappresenta…

Olivicoltura alle corde, urgono interventi di largo respiro

Immagine
da Agronotizie L'allarme del Cno: prezzi in altalena, prospettive nere per gli aiuti Pac, mentre Xylella e avversità meteo potrebbero dimezzare il raccolto 2018 di Mimmo Pelagalli
Intanto il mercato mondiale dell'olio di oliva è in espansione e l'Italia rischia di continuare a perdere quote di mercato
Fonte foto: © Giovanni Cancemi - Fotolia
“Il ministero ha preso a cuore il dossier e già da lunedì (oggi 18 giugno 2018), durante il primo consiglio europeo Agrifish, proporrà di rafforzare le risorse del comparto agroalimentare, di puntare sulla semplificazione delle regole e delle procedure, e di riconoscere maggiore valore ad alcuni settori trainanti per l'economia italiana, tra cui l'olivicoltura".ha detto venerdì 15 giugno 2018 a Viterbo la sottosegretaria alle Politiche agricole Alessandra Pesce, alla sua prima uscita ufficiale, intervenendo alla tavola rotonda"+Europa, Valore, Opportunità", organizzata dal Consorzio nazionale d…

Città del vino e Città dell’olio: «Buona idea il Ministero di Agricoltura e Turismo»

Immagine
Italiaatavola Pubblicato il 19 giugno 2018 | 11:1I presidenti delle due associazioni stanno concordando azioni comuni per promuovere l’incoming turistico nei territori rurali custodi delle eccellenze made in Italy. Presto la firma di un protocollo d’intesa. «Unire le competenze del ministero delle Politiche agricole e del Turismo? È una buona idea». Lo affermano Floriano Zambon ed Enrico Lupi, presidenti rispettivamente dell’Associazione Città del vino e dell’Associazione Città dell’olio, che si sono incontrati ieri a Roma per programmare una serie di iniziative comuni per dare più forza all’azione delle due associazioni che, complessivamente, riuniscono circa mille Comuni italiani. 

Floriano Zambon ed Enrico Lupi «L’idea di aggregare le competenze dell’Agricoltura e del Turismo, che da alcuni giorni circola negli ambienti del neonato Governo - affermano entrambi i presidenti - la riteniamo più che positiva, tenuto conto che da anni le due nostre associazioni stanno portando avanti m…

A Vinòforum esplode l’olio-mania

Immagine
Italiaatavola Pubblicato il 20 giugno 2018 | 14:42Boom di visitatori nella nuova Oleoteca della Vinòforum Academy, realizzata in collaborazione con il progetto Oleonauta. Sono centinaia le persone che finora hanno partecipato alle attività proposte. C’è tanto entusiasmo, ma anche curiosità e voglia di conoscere l’affascinante mondo dell’olio extravergine di oliva a “Vinòforum - Lo Spazio del Gusto”, di cui Italia a Tavola è media partner. Non a caso la nuovissima Oleoteca della Vinòforum Academy fa incetta di successi, registrando un vero e proprio boom di visitatori e il tutto esaurito sul fronte dei seminari e delle degustazioni guidate.


foto: Pasquale Alabastro
A sei giorni dall’apertura della manifestazione, in corso a Roma fino al 24 giugno (Lungotevere Maresciallo Diaz - zona Farnesina), nella neonata area dedicata alle migliori espressioni dell’oro verde italiano è letteralmente esplosa infatti l’olio mania. Appassionati, neofiti, ristoratori, esperti assaggiatori e sommelier: …