Pane e olio con i bambini e i ragazzi del campo estivo di Campobasso Nord


Questa mattina l’incontro, magnificamente organizzato, all’auditorium della Chiesa di San Giuseppe Apostolo, nel quartiere Cep di Campobasso un interessante, con una cinquantina di bambini protagonisti di un campus estivo. Si è parlato di cibo e di stili di vita, l’importanza dell’alimentazione e la centralità del territorio con la ricchezza della biodiversità.

Chiamato a parlare di Olio e a guidare il gruppo a una minidegustazione di questo re della tavola, subito dopo l’intervento, davvero bello e interessante, di Dioniso Cofelice di Matrice. Il racconto dei cereali, delle farine e delle semole, del pane - quel pane che l’altro giorno, a Roma, è stato dichiarato il migliore in Italia ( quindi, nel mondo) – siamo tornati indietro di qualche anno con la memoria. In particolare, quando la Di Vaira, la grande azienda agricola che allora dirigevamo, in meno di un anno era diventata una straordinaria fattoria didattica, con quasi duemila bambini a viverla con le visite guidate e le varie feste dedicate al latte, all’olio, alla trebbiatura, alla vigna, alle stalle, con il toro Rovente grande protagonista.

A ogni gruppo di bambini, dopo la visita dell’azienda, venivano preparati, dalle brave collaboratrici, vassoi con pane e olio, caciocavallo e mozzarelle, ed erano quelli con pane e olio che venivano presi d’assalto, così com’è stato questa mattina, dopo i saluti di Don Vittorio, di Antonio Di Battista, il sindaco della Città e del presidente della Provincia di Campobasso, Rosario De Matteis. Una presenza e  un’attenzione importanti, sottolineate dalle belle parole che i due rappresentati istituzionali hanno rivolto a un pubblico molto attento, quello dei bambini, tutti seduti sul pavimento dell’auditorium.

Mi sono ricordato della grande curiosità dei bambini per l’olio e il piacere di sentire i profumi che l’olio di oliva extravergine, con la qualità legata all’origine, esprime. Poi l’abbinamento di due bontà, pane (i diversi tipi di pane del Molino Cofelice, che ormai i molisani e non solo conoscono) e olio, in particolare della varietà “Gentile di Larino”, la più diffusa e nota del Molise, prodotto con metodo biologico, L’Olio di Flora.
L’assalto ripetuto di questa mattina – come alla Di Vaira - alle fette di pane unto di olio, per noi solo la conferma che ai bambini  piace l’olio e, di questo prodotto sublime per l’alimentazione dell’uomo, i caratteri più salienti, l’amaro e il piccante propri di un fruttato medio.
Un’indicazione importante e utile per le mamme che non vogliono sprecare soldi e, con essi, la salute dei loro figli, ma vederli crescere sani: colazione e merenda con pane e olio, due bontà del territorio e dell’agricoltura del Molise, ma olio vero, quello noto come extravergine di oliva, che ha i profumi e sapori che ai bambini piacciono davvero. Tempo perso se l’olio è senza profumi e sapori, insipido, quasi dolciastro, quando non espressione di difetti gravi, cioè un olio manipolato che non ha nel territorio la sua origine e, come tale, non in grado di esprimere la qualità.
E’ per questo che l’iniziativa, promossa e organizzata dal sempre dinamico e poliedrico Maurizio Varriano, sarebbe da ripetere in ogni parrocchia e, alla riapertura di settembre, nelle scuole del Molise, invitando anche i genitori a essere presenti in modo da poter capire che il rapporto dei loro figli con i prodotti della nostra terra è un rapporto naturale cioè espressione di identità.
il Sindaco Antonio Di Battista
presentato da Maurizio
con Francesco all'organetto
il presidente De Matteis e, in primo piano,
Dioniso Cofelice.
Due ore bellissime passate anche ad ascoltare le saporite suonate all'organetto del piccolo Francesco Scarselli, il campione del mondo di Campochiaro, e, con i protagonisti di un domani, che noi vogliamo migliore, e  che sarà tale anche grazie a una sana e corretta alimentazione, al rispetto della sacralità della terra e del cibo, che essa dona come energia primaria per l’uomo e gli animali, del territorio, quale fonte di valori e di risorse, le sole che ci permettono di programmare il futuro.
pasqualedilena@gmail.com

Commenti

  1. Direi semplicemente "COMPLIMENTI"! E sono sicuro che l'amico Pasquale DI LENA comprende il mio grande apprezzamento. Voglio però aggiungere qualcosa solo per suscitare qualche altro commento. Mi rivolgo soprattutto alle figure politiche che bene hanno fatto a presenziare una così interessante iniziativa, per fargli un plauso ed invitarli a creare un coordinamento tra diverse manifestazioni che durante l'anno si svolgono qua e là, magari solo per richiamare l'attenzione su un fatto locale. Lo stesso vale per il poliedrico Maurizio Varriano che opera nel solco degli incentivi alla comunicazione sotto lecita della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Se il tema è, e secondo me deve essere, il rispetto e la considerazione della sacralità della terra e territorio, in quanto fonti di nutrimento e ricchezza per il futuro e luogo di assunzione di consapevolezza per le future classi dirigenti, dobbiamo tutti contribuire a creare un filo conduttore ed un metodo che faccia scuola attraverso progetti e manifestazioni coordinate. La Fondazione Anchise ONLUS, al suo progetto che si svilupperà il 12,13,14 Agosto p.v. ha dato il titolo "NON SOLO NOSTALGIA"
    Carmine Lucarelli

    RispondiElimina
  2. come sempre attento e puntuale. Condivido e riferiò di questo tuo commento a Maurizio Varriale. Devo ancora dare una risposta al tuo messaggio che parla del progetto che si svilupperà a Agosto "non solo nostalgia". Un caro saluto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Oleocantale, la componente fenolica dell'olio extravergine che distrugge le cellule tumorali.

Onore all'Università del Molise e a due suoi ricercatori, i proff. Biagi Angelo Zullo e Gino Ciafardini

Il Comitato Scientifico del Biodistretto Laghi Frentani ha scelto il Dr. Pasquale Di Lena come suo coordinatore.