Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2014

Finalmente in scena il mercato

Immagine
Affollato incontro quello avvenuto nella sede della Safe Partners in contrada Piane di Larino, con le tre soluzioni al servizio delle imprese la Confidi rating Italia, la Cit e la Comark, che sono in grado di coprire la domanda, i bisogni di un’impresa a 360°.
Finalmente un incontro che ha visto il mercato protagonista con la Comark in grado di prendere per mano ed accompagnare aziende, singole o associate, nel processo di internazionalizzazione con la individuazione dei mercati e, all’interno di essi, i giusti canali di distribuzione.
Di grande interesse l’intervento del dr. Gaspare Tocci, responsabile del servizio competitività dei sistemi produttivi Regione Molise, che - dopo aver rimarcato la priorità del mercato per le aziende che hanno bisogno di smerciare quello che producono ed avere il giusto profitto che serve per affrontare nuovi investimenti e possibilità di crescita, soprattutto in questa fase di pesante crisi - ha bene illustrato le tante opportunità offerte dalla Regione…

La cooperativa olearia larinese e il suo ruolo di esempio per l’olivicoltura molisana

Immagine
Nel tempo è riuscita ad essere quel frantoio moderno dove regna l’ordine e la pulizia, punto di riferimento di pullman pieni di turisti, che hanno così modo di capire il processo di trasformazione delle olive in olio, degustarlo e apprendere il valore e il significato di una coltivazione che, da sola, è tornata a far rivivere a Larino il suo ruolo di capitale, due millenni fa del popolo frentano, e da vent’anni dell’Associazione nazionale delle città dell’olio.

Sta qui, in questo ruolo moderno di una Larino capitale e nella distesa olivicoltura, la centralità della cooperativa olearia larinese, che ha guidato e stimolato il processo di ammodernamento dell’olivicoltura molisana. Essa ha dato molto e più di altri alla fama che vive oggi una delle 18 varietà autoctone del Molise, la più diffusa e, come tale, la più importante, la Gentile di Larino, fra le più quotate a livello nazionale per le sue caratteristiche organolettiche e la indiscussa qualità.

Una Larino capitale dell’olio anche …

Casalciprano, la terrazza delle Terrazze Miranda

Immagine
Questo Molise non lo finisci mai di scoprirlo soprattutto quando ti dai l’aria di conoscerlo tutto e nei minimi particolari. Poi scopri che ti sei distratto o che non hai valutato in pieno il valore di una pietra viva o di un angolo di paesaggio, di una fonte o di una piccola chiesa, di una stradina o di una vigna a alberello, un oliveto secolare, un castagneto, una faggeta, un ruscello o un fiume ombreggiato.
A questo pensavo quando l’altra sera sono ripartito dal piccolo, delizioso centro, che guarda dall’alto e da vicino il “fiume pazzo”, come soleva chiamare il Biferno il figlio di un traghettatore di questi parti, proprio perché imprevedibile il mutamento tra uno scorrere lento e la piena che arriva all’improvviso.
Una visita veloce, sufficiente per capire l’ordine e la pulizia, il valore dei muri dipinti e del percorso di un museo all’aperto dedicato alla vita da un passato non lontano delle genti molisane. Sufficiente per ammirare un Palazzo signorile, dalle belle e ampie terrazz…
Immagine
da ZACC&BELINA

Homo Ridens


ZACC: Crolla la base della democrazia
BELINA: e lui applaude!

Dieci anni ai margini della politica e della società. L'agricoltura è la cenerentola dell'Italia

Immagine
Perché la politica non si occupa del settore primario? Si continua, non da oggi, a divorare terreni e mari a ritmo crescente. La verità è che l’agricoltura, sotto l’aspetto teorico e, soprattutto, pratico, non viene considerata da chi governa

Sono anni ormai (2004) che l’agricoltura ha assaggiato il morso della crisi e sono anni che vive nel limbo di una realtà che lascia poche speranze al futuro, nelle mani com’è della finanza e delle multinazionali, spietate nei confronti del pianeta e dei suoi territori vitali, sia quelli riferite alla terra ferma che quelli marini.
Continuano, non da oggi, a divorare terreni e mari a ritmo crescente e queste loro azioni non sono più sostenibili per una terra che, già dalla fine di agosto, ha dato tutto quello che poteva dare per l’intero anno 2014 che chiuderà il 31 di dicembre.
In debito con la terra, cioè con la natura, grazie allo spreco delle sue risorse e solo per saziare la fame di potere e di denaro di queste società che hanno acquisito nel…

Il Ramitello di Di Majo Norante tra i Top 100 di Wine Spectator

Immagine
La bella notizia, la più attesa dal mondo del vino, da me letta su WinwNews di ieri. Il merito di questa grande attesa è sicuramente dell’autorevole, il più autorevole, mensile del vino al mondo.
Sono 19 (tre in più dello scoro anno) i vini italiani inseriti in questa prestigiosa lista e, tra questi diciannove vini che hanno il merito di emozionare il degustatore, c’è anche il Ramitello 2011 doc “Molise rosso” dell’azienda Di Majo Norante di Campomarino.
Un successo che onora il Molise, la regione che anche WineNews non conosce, visto che non la cita, e premia un territorio vocato alla vitivinicoltura di qualità.
E’ proprio il Ramitello ad aprire la strada della qualità ai vini molisani poco dopo la nascita lungo la fascia litoranea della vitivinicoltura moderna del Molise che, oggi, ha altri importanti testimoni protagonisti di un percorso che può portare a questi ed altri prestigiosi riconoscimenti.
Il Ramitello, il vino che ha tutta la mia gratitudine, per aver dato a me, in tempi or…

I giovani talenti per una Larino che ha bisogno di rinascere

Immagine
L’altro giorno la bella notizia del giovane larinese, Gianni Antonacci, che ha ristilizzato la nuova Ducati Panigale 1299, che gli amanti dei motori e delle moto dicono avveniristica. Ieri sera, la piacevole sorpresa, di incontrare, insieme con Manuela Mancino (giornalista esperta di enogastronomia), Fabrizio Fazzi (promoter olio e vino molisani) e Sebastiano Di Maria, alla Masseria Grande di Montecilfone, un altro larinese capace nel suo lavoro, Antonello Di Pilla.
Un giovanissimo chef che, con i suoi piatti legati alla tradizione e magnificamente rivisitati, ti prende per la gola, dalle idee molto chiare su cosa vuole fare da grande. Scelto dal nuovo gestore di questo delizioso albergo ristorante, Claudio Florio di Casa Florio, il salumificio del luogo che da quarant’anni produce salumi senza conservanti, che ha, con questa nuova gestione di un albergo ristorante ricavato dalla Masseria Grande della famiglia Moccia, una struttura del 1700, chiuso il suo piccolo ristorante nel centro …

Oleificio cooperativo di San Martino in Pensilis: una realtà importante

Immagine
Una visita volante, quella di ieri sera, al frantoio cooperativo di San  Martino in Pensilis, ma interessante per capire il momento non facile per i produttori singoli e associati. Non facili certo con la perdita di raccolto, che, però, se ben gestiti possono risultare utili per il futuro.

 Il tempo di salutare il Presidente Giovanni Di Matteo, fargli gli auguri di buon lavoro e approfittare del giro in frantoio per scambiare due parole sulla raccolta e il futuro del comparto olivicolo, il più importante dell'agricoltura molisana, tanto più in questa area del Basso Molise dove domina la Gentile di Larino e, a seguire, la Rosciola di Rotello e la Oliva nera di Colletorto e la Cerasa di Montenro di Bisaccia.

La fila dei clienti in attesa di riempire i bidoni di acciaio e le lattine è stato il primo impatto positivo con questa realtà, nata nel 1967, ricca di trecento olivicoltori associati, che coltivano ben 80.000 piante di olivi, in gran parte varietà "Gentile di Larino&quo…

IL MOLISE E LE 8 GUIDE ENOLOGICHE 2015

Immagine
(prima parte)
Con la consegna, ieri a Merano, delle due “Corone” delle 419 assegnate dalla Guida Vini Buoni d’Italia 2015 del Touring club italiano, a due “Tintilia del Molise” Doc, la Sator riserva 2010 dell’Azienda di Vincenzo Cianfagna di Acquaviva Collecroci e quella, annata 2011, di Terresacre di Montenero di Bisaccia nelle abili mani di Alfredo Palladino.
C’è da dire, in premessa, che non è dato sapere quante aziende molisane hanno partecipato con quanti e quali vini, ciò che fa capire che i vini non inviati non possono essere stati oggetto di giudizio e, come tali, non presi in considerazione dalle guide.
In pratica, sono uscite tutt’e otto le guide enologiche che assegnano stelle, bicchieri, bittiglie, corone ai migliori vini, quelli eccellenti e che guidano (non tutti sono d’accordo) le scelte del consumatore italiano e straniero. Se devo tener conto della mia esperienza di titolare dell’azienda “La Casa del Vento” in Larino che produce L’Olio di Flora, posso dire che le tan…

Un girotondo intorno al mondo degli oppressi e alla schiavitù globale

Immagine
Ci sono due limiti che non permettono agli oppressi di capire chi sono gli oppressori: la povertà e il benessere. Due mondi contrapposti, caratterizzati, l’uno dal buio della fame che non permette di vedere la luce e l’altro dalla luce che abbaglia e non permette di vedere la realtà. Eppure i padroni dell’uno e dell’altro mondo sono gli stessi ed hanno lo stesso volto coperto da maschere che rappresentano banche, holding, denaro, bocche aperte perché insaziabili, corpi senz’anima e senza cuore nel momento in cui distruggono, solo per denaro, quel bene comune, il più prezioso, il territorio.



E’ questo il pensiero che mi sono portato dietro tornando a casa da Termoli dove, ieri pomeriggio, nella sala degli incontri della Parrocchia Sacro Cuore di don Silvio, avevo lasciato gli amici che ascoltavano, seduti in un girotondo, Daniel Pascual Hernández raccontare il suo Guatemala e la sua America latina, “le mani sulla terra” dei padroni del mondo e la schiavitù globale, cioè anche la nostr…

Uniti per vincere la sfida del domani

Immagine
L’incontro del mondo del vino e dell’olio, che c’è stato a Termoli venerdì scorso, ha prodotto primi importanti risultati, che lasciano sperare nella costruzione di un percorso nuovo all’insegna dell’unità con obiettivi da indicare e, insieme, raggiungere, nell’interesse dei comparti produttivi dell’agricoltura molisana e dell’immagine e il futuro del Molise.

Nella Sala consiliare del Comune di Termoli c’era il vicesindaco Maria Chimisso, preside dell’Istituto alberghiero, che ha portato il saluto del sindaco Angelo Scrocca e della città, entrando nel merito del tema in discussione con le competenze di una persona di cultura dirigente di una scuola che mostra sempre più la sua centralità nel campo del turismo. Lo fa con la formazione degli operatori di un’attività che, se organizzata, programmata e integrata con le altre importanti risorse che caratterizzano il Molise, in particolare la ruralità quale impronta del suo territorio, può dare risposte sicure alle tante domande che si pongo…