IL CLIMA, IL PROBLEMA DEI PROBLEMI - post 1

Italia Bio, No Ogm
Leggo su Qualeformaggio, 5-12 febbraio, che ci sono tendenze positive delle vendite al dettaglio in Cina, talmente positive, soprattutto nell’agroalimentare e, in particolare, il latte. Se la crescita del consumo di questo prodotto va avanti così, senza un adeguamento delle efficienze produttive, la Cina ha bisogno, nel 2050, del triplo di latte prodotto nel 2010.  La conseguenza è di un +35% di emissioni di gas serra dovuto ad un +32% della superficie destinata all’allevamento delle bovine da latte e un + 48% di inquinamento delle falde da deiezioni.

 Mi viene in mente la Grande Stalla di 12.000 manze della Granarolo e ai suoi 100 ettari di superficie, alle necessità di antibiotici, alla massa di deiezioni, all’inquinamento di una parte importante del Molise, in particolare il suo mare. Un pensiero che mi riporta alla grande vittoria, tutta del territorio, che ha rimandato al mittente e ai governanti del Molise questo progetto folle.

A pensare che i cinesi non hanno  mai avuto una preferenza per il latte alimentare vaccino, tant’è che il consumo pro-capite negli anni ‘70 era di 1,5 litri procapite. Oggi è 25 volte in più

La necessità, più che possibile, di fare ricorso alle importazioni di foraggio o di latte trasferirebbe il problema ambientale alle nazioni produttrici.


Commenti

Post popolari in questo blog

Oleocantale, la componente fenolica dell'olio extravergine che distrugge le cellule tumorali.

Onore all'Università del Molise e a due suoi ricercatori, i proff. Biagi Angelo Zullo e Gino Ciafardini

Il Comitato Scientifico del Biodistretto Laghi Frentani ha scelto il Dr. Pasquale Di Lena come suo coordinatore.