29 agosto 2012

Pasquale Gianquitto mi ha appena inviato copia di un articolo di Ernesto Galli Della Loggia che merita di essere letto e, volendo facilitare il compito agli amici che seguono questo blog, ho ritenuto utile incollarlo su questa pagina.
Che io ricordi non sono mai stato in sintonia con questo illustre commentatore politico, eppure sono passati molti anni e di articoli di Della Loggia e, nel corso di questo lungo periodo, ne ho letti tanti, soprattutto nel periodo più lontano da quello ultimo, quando vivevo la politica quotidianamente.
Lo spettacolo è davvero apocalittico di questa nostro bel paese caduto nelle mani di delinquenti, quelli con la camicia inamidata e i normali criminali che, non a caso, in questo periodo di sfracello sono cresciuti di numero e dominano la scena con le armi e il denaro. Molti luoghi splendidi non ci sono più, altri sono stati deturpati ed altri rischiano di essere massacrati dalla stupidità, prima ancora che dalle ruspe.
Tutto procede così come vogliono i potenti sopra citati, con la politica che esegue gli ordini e si occupa e preoccua di "elargire denari a pioggia a bocciofile, circoli sportivi, corali, sagre, feste patronali e compagnia bella, rende in termini di consenso assai più che il restauro di una chiesa", appunto come scrive bene Della Loggia.
La crisi avanza e, ogni giorno che passa si fa sempre più cattiva. Invece di ribellarsi, si assiste a un fenomeno di rassegnazione da parte della gente e di gran movimento tra i politici che fiutano le elezioni, quelle regionali.
Sanno che bisogna aumentare la quantità di briciole per l'elettorato che ancora crede nella favola del favore e apprezza molto l'attenzione personale.
 E' così che continuano a dominare la scena i personaggi soliti, quelli che hanno sempre operato e continuano ad operare come i famosi ladri di Pisa che facevano finta di litigare  tutto il giorno e poi, appena arriva la notte, si mettevano d'accordo come andare a rubare insieme. 
Ecco perchè  lo scenario è di grande confusione e si parla sempre meno di destra, centro o sinistra, ma di questo o quel personaggio che quasi sempre risulta anche essere il padrone della sigla del proprio partito.
In questo senso l'unica cosa che sanno fare è uscire da una porta per entrare in un'altra, raccomandando i sostenitori di non fare rumore per disturbare la mossa da fare di chi, come al tavolo degli scacchi, ha bisogno di concentrazione prima di spostare le pedine.

Corriere della Sera >
  • Editoriali >
  • Il paesaggio preso a schiaffi



  • IMMAGINI E COSTI DELL'INCURIA

    Il paesaggio preso a schiaffi

    IMMAGINI E COSTI DELL'INCURIA
    Il paesaggio preso a schiaffi

    Trascorrere qualche giorno in Calabria - dico la Calabria solo come un caso esemplare (e pur sapendo di dispiacere agli amici che vi conto), dal momento che quanto è successo lì è più o meno successo in mille altre contrade della Penisola - significa essere posti di fronte ad uno spettacolo a suo modo apocalittico. Ed essere costretti ad interrogarsi su tutta la recente storia del Paese.
    Lo spettacolo apocalittico è quello della condizione dei luoghi. Sono cose note ma non bisogna stancarsi di ripeterle. Centinaia di chilometri di costa calabrese appaiono distrutti da ogni genere di abusivismo: visione di una bruttezza assoluta quanto è assoluto il contrasto con l'originaria amenità del paesaggio. Dal canto loro i centri urbani, di un'essenzialità scabra in mirabile consonanza con l'ambiente, sebbene qua e là impreziositi da autentici gioielli storico-artistici, sono oggi stravolti da una crescita cancerosa: chiusi entro mura di lamiere d'auto, per metà non finiti, luridi di polvere, di rifiuti abbandonati, di un arredo urbano in disfacimento. L'inaccessibile (per fortuna!) Aspromonte incombente sulle marine figura quasi come il simbolo di una natura ormai sul punto di sparire; mentre le serre silane sono già in buona parte solo un ricordo di ciò che furono. Luoghi bellissimi sono rovinati per sempre. Non esistono più. Ma nel resto d'Italia non è troppo diverso: dalla Valle d'Aosta, alle riviere liguri, a quelle abruzzesi-molisane, al golfo di Cagliari, ai tanti centri medi e piccoli dell'Italia peninsulare interna (delle città è inutile dire), raramente riusciti a scampare a una modernizzazione devastatrice. Paradossalmente proprio la Repubblica, nella sua Costituzione proclamatasi tutrice del paesaggio, ha assistito al suo massimo strazio.

    Ma oggi forse noi italiani cominciamo finalmente a renderci conto che distruggendo il nostro Paese tra gli anni 60 e 80 abbiamo perduto anche una gigantesca occasione economica. L'occasione di utilizzare il patrimonio artistico-culturale da un lato e il paesaggio dall'altro - questi due caratteri unici e universalmente ammirati dell'identità italiana - per cercare di costruire un modello di sviluppo, se non potenzialmente alternativo a quello industrialista adottato, almeno fortemente complementare. Un modello di sviluppo che avrebbe potuto essere fondato sul turismo, sulla vacanza di massa e insieme sull'intrattenimento di qualità, sulla fruizione del passato storico-artistico (siti archeologici, musei, centri storici), arricchita da una serie di manifestazioni dal vasto richiamo (mostre, festival, itinerari tematici, ecc.); un modello capace altresì di mettere a frutto una varietà di scenari senza confronti, un clima propizio e - perché no? - una tradizione gastronomica strepitosa. È davvero assurdo immaginare che avrebbe potuto essere un modello di successo, geograficamente diffuso, con un alto impiego di lavoro ma investimenti non eccessivi, e probabilmente in grado di reggere assai meglio di quello industrialista all'irrompere della globalizzazione, dal momento che nessuna Cina avrebbe mai potuto inventare un prodotto analogo a un prezzo minore?

    Capire perché tutto ciò non è accaduto significa anche capire perché ancora oggi, da noi, ogni discorso sull'importanza della cultura, sulla necessità di custodire il passato e i suoi beni, di salvare ciò che rimane del paesaggio, rischia di essere fin dall'inizio perdente.

    Il punto chiave è stato ed è l'indebolimento del potere centrale: del governo nazionale con i suoi strumenti d'intervento e di controllo. In realtà, infatti, in quasi tutti gli ambiti sopra evocati è perlopiù decisiva la competenza degli enti locali (Comune, Provincia, Regione), tanto più dopo l'infausta modifica «federalista» del titolo V della Costituzione. Lo scempio del paesaggio italiano e di tanti centri urbani, l'abbandono in cui versano numerose istituzioni culturali, l'impossibilità di un ampio e coordinato sviluppo turistico di pregio e di alti numeri, sono il frutto innanzi tutto della pessima qualità delle classi politiche locali, della loro crescente disponibilità a pure logiche di consenso elettorale (non per nulla in tutta questa rovina il primato è del Mezzogiorno). Questa è la verità: negli anni della Repubblica il territorio del Paese è sempre di più divenuto merce di scambio con cui sindaci, presidenti di Regione e assessori d'ogni colore si sono assicurati la propria carriera politica (per ottenere non solo voti, ma anche soldi: vedi il permesso alle società elettriche d'installare pale eoliche dovunque).
    D'altra parte, si sa, sono molte le cose più popolari della cultura: elargire denari a pioggia a bocciofile, circoli sportivi, corali, sagre, feste patronali e compagnia bella, rende in termini di consenso assai più che il restauro di una chiesa. I politici calabresi sanno benissimo che la condizione in cui si trovano i Bronzi di Riace - fino ad oggi nascosti da qualche parte a Reggio, in attesa da anni di un museo che li ospiti - se è un vero e proprio scandalo nazionale, tuttavia non diminuisce di un briciolo la loro popolarità a Crotone o a Vibo Valentia.
    Solo un intervento risoluto del governo centrale e dello Stato nazionale può a questo punto avviare, se è ancora possibile, un'inversione di tendenza; che però deve essere necessariamente anche di tipo legislativo. Ma per superare i formidabili ostacoli che un'iniziativa siffatta si troverebbe di sicuro davanti, deve farsi sentire alta e forte la voce dell'opinione pubblica, per l'appunto nazionale, se ancora n'esiste una. Non è ammissibile continuare ad assistere alla rovina definitiva dell'Italia, al fallimento di un suo possibile sviluppo diverso, per paura di disturbare il sottogoverno del «federalismo» nostrano all'opera dovunque.

    Nessun commento:

    Posta un commento