BORGHI DELLA SALUTE “ La Rete prende forma e si irrobustisce sempre più “

comunicato stampa

Subito dopo Ripalimosani aderisce Guardiaregia !!!!!!
Il Molise che va ….
I Borghi della Salute ampliano la propria rete ed il Comune di Guardiaregia , dopo Ripalimosani, Orsogna, Montenero di Bisaccia, San Martino in Pensilis, comune Capofila, aspettando Roccamandolfi, Termoli ed il suo splendido Borgo Marinaro, Villa Santa Maria, Monteriggioni, Ischitella, Vastogirardi, Krapina ( Croazia ), Beuvron-En-Auge ( Francia ), il 19 marzo 2016 alle ore 17,00 ufficialmente entra a far parte della famiglia dei Borghi.
Infatti, il 19 marzo il Comune di Guardiaregia, avendo aderito al progetto dell’associazione “ Liberi di essere “ sposando e condividendo le motivazioni e le finalità, dichiarerà la propria adesione  ai “ Borghi della Salute” con la sua mission indiscutibilmente di grande valenza culturale e sociale, con una cerimonia che si terrà presso il centro polifunzionale di piazza Toronto.
La cerimonia di ingresso e la consegna del gagliardetto e della pergamena, vedrà dopo l’ufficialità di rito, spiegata la missione dei Borghi con un convegno a tema dal titolo “ Nel nostro paese lo stile di vita è ancora quello della dieta mediterranea ? “
Relatori il dott. Marco Tagliaferri, presidente dell’associazione,l’arch. Franco Valente, lo chef e docente Maurizio Santilli, con ospite d’eccezione nella persona dell’unico vero pastore del Parco Nazionale Abruzzo Molise e Lazio, Gregorio ROTOLO, con il coordinamento di Maurizio Varriano e Celeste Vitale ,membri del comitato tecnico scientifico ,unitamente a Mauro Gioielli.
Il  quotidiano stile di vita che attiene la salute in senso globale, l’arte, la musica, la natura, lo sport, il cibo, tradizioni racchiuse in una sola parola : Benessere.
Ed il Molise, con la sua incredibile biodiversità, con i suoi bellissimi ed incontaminati Borghi, con il suo cibo sano e determinato nel gusto e negli elementi costitutivi, è capofila di un grande progetto divulgativo che ha denotato ed acceso interesse da parte del Ministero della Salute ed il Dipartimento del Turismo.
Una grande famiglia per un grande progetto, un progetto che parte dal basso , da una piccola regione che ha tanto da dire e tanto da dare.
Non a caso i partner del progetto sono di caratura nazionale ed internazionale e più specificatamente : Rete del Mediterraneo con i suoi 400 aderenti, Res Tipica, l’associazione governativa che mira alla conservazione della cosa tipica , Borghi d’Eccellenza, Fiaba ( Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche ), ADI…
Presente il presidente del Consiglio regionale Vincenzo Cotugno, autorità civili e religiose.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tufara, l'olio, l'olivo e il sogno del domani

Olivicoltura, annata incerta Patuto: «Il clima può condizionarla»

L’Italia ha bisogno dell’olivicoltura e dei suoi preziosi oli