8 febbraio 2013

GRAZIE PATRIZIA, GRAZIE "ANDANTE CON GUSTO"


 
Nel ringraziare Patrizia e il suo bellissimo blog Andante con Gusto per la presentazione di questo suo stupendo piatto che, con i cavatelli, porta i suoi lettori nel Molise e, con “L’Olio di Flora”, nella mia Larino, la patria dell’olio “Gentile” e di altre due varietà autoctone come la “Salegna” e l’Oliva San Pardo”, voglio presentare i successi ultimi di quest’olio, caro a me ed a Flora, con la vittoria al concorso “Goccia d’Oro” e la pubblicazione sulla Guida Flos Olei 2013, con i seguenti giudizi:
 

1. Giuria TECNICA fruttato medio

1° PREMIO “GOCCIA D’ORO”

L’OLIO DI FLORA - Larino


Scheda organolettica

olio di colore giallo oro con lievi riflessi verdognoli, poco velato. Fruttato verde, al gusto sentore erbacei con buona percezione dell’amaro e del piccante. Armonico nei suoi attributi positivi. Da valorizzare ottimamente a crudo su verdure cotte e zuppe di cereali, pancotto con verdure di campo, e anche su carni bianche arrostite.


Un giudizio scarno, preciso, proprio di una giuria tecnica. Coincide, comunque, con quello espresso da me e da Flora nel frantoio della Cooperativa larinese al momento della sua raccolta nel contenitore di acciaio:

“limpido. Al naso arriva ampio e complesso con netti sentori vegetali e toni di erbe aromatiche con spiccato ricordo di sedano. Ci piace sentirlo avvolgente e fine in bocca con quelle delicate note di mandorla in chiusura. Armonia dell’amaro e piccante che sono espressi con grande equilibrio.

Nel frattempo abbiamo avuto modo di verificare i suoi abbinamenti migliori.

Agli accoppiamenti sopra descritti aggiungiamo quelli perfetti con il pane, soprattutto se strusciato di pomodoro e velato di origano e un po’ di sale; piatti di legumi, verdure come il mitico piatto “fave e cicorie” o “la zuppa per i lombardi” della Toscana. Bene con gli altri piatti della tradizionale cucina molisana, in particolare quelli di mare come antipasti come carpacci di orata o di tonno, insalate di mare e piatti a base di pesce dai primi alle zuppe o brodetti;

mozzarelle, sia di vacca che di bufala, in particolare la delicata “stracciata”; formaggi freschi a pasta molle come “il primo sale” ; dolci da forno e, perfino, gelato, come quello a base di olio “Gentile di Larino”, che si molto apprezzare.


2. Guida FLOS OLEI 20013

La Casa del Vento, a Larino in contrada Monte, con i suoi quasi 3 ettari di oliveto specializzato tutto “Gentile” di Larino si è presentato con il suo “L’ olio di Flora”, da agricoltura biologica e mono varietale, fruttato medio, ottenendo 88 punti per il suo colore “giallo dorato intenso con delicati riflessi verdi, limpido. All’olfatto si offre ampio e complesso …sentori vegetali di carciofo…erbe aromatiche, con netto ricordo di erbe e basilico. Al gusto è avvolgente e fine con note di ortaggi di campo….Amaro e piccante bene espressi e armonici…..eccellente..per antipasti di mare, legumi bolliti, verdure….risotto con molluschi, crostacei in guazzetto, tartare di ricciola, coniglio al forno….formaggi caprini”. Prezzo da 8 a 10 euro la bottiglia da mezzo litro.

Nessun commento:

Posta un commento