Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2012

LAGO DEL LISCIONE, SEMPRE MENO ACQUA

Immagine
lago ieri In premessa dico che è un’appropriazione indebita il nome “Lago di Guardialfiera” dato al “Lago del Liscione” per due ragioni fondamentalmente: 1. La diga che ha dato origine all’invaso è sorta sulle spoglie del mitico “Ponte del Liscione” sul Biferno con la strada provinciale che da Larino portava a Palata ed a Guardialfiera (è là dà *hiume); 2. L’acqua che completa il Lago all’altezza del territorio di Guardialfiera e Casacalenda, cioè a nord del corso del Biferno, è quella che rischia di non esserci più nel momento in cui continua ad affiorare il terreno a causa della siccità. Come nel momento attuale. Ed è di questo che più di ogni altra cosa mi preme parlare, visto che personalmente ogni giorno vedo l’invaso che si restringe per l’acqua che non arriva causa il lungo periodo di siccità, come pure per gli intensi prelievi e per vari usi, soprattutto quello di raffreddare i motori della turbogas che solo politici servi e corrotti potevano approvare. Il terreno, per lungo tem…

GIOVANI IN FUGA

Immagine
Il nuovo tipo di emigrazione e il coraggio di osare
Notizie - Molise da Infiltrato.it Scritto da Maria Cristina Giovannitti Domenica 30 Settembre 2012 00:00 In un Italia che crolla a picco, affondando in una crisi che strozza le ambizioni dei giovani, dove circa il 47 per cento è disoccupato, molti di loro si armano di coraggio e si spostano verso l’Inghilterra, l’Irlanda e alcuni anche in Norvegia. Sono sempre più frequenti le storie di giovanissimi molisani che lavorano con soddisfazione all’estero, lì dove si sentono veramente apprezzati. Il professor Francesco Granchelli e il dirigente scolastico Maria Chimisso dell’Istituto Alberghiero di Termoli stanno lavorando ad un progetto di scambio culturale Molise-Inghilterra «Ai giovani resta, per fortuna, il coraggio di osare» ci dice il professore. di Maria Cristina Giovannitti
L’Italia non è un Paese per giovani e questa non è più solo una frase fatta ma una certezza assodata con il Governo Monti e la sua spending review c…
Immagine

LE CITTA' DELL'OLIO CRESCONO

Immagine
Sono 362 le citta' dell'olio nate a Larino il 17 dicembre del 1994. Dalla sua piazza principale, il 13 dicembre, partira' Girolio con tappe nelle principali piazze per diffondere la cultura dell'olio e dei suoi territori di origine



Tante le iniziative per il 2012-13. La proposta di candidatura del Paesaggio Olivicolo a patrimonio dell'Umanità, l'evento Girolio e Bimboil, per educare i bambini al sano gusto dell'extra vergine Otto nuove città italiane entrano a far parte della grande famiglia delle Città dell'Olio, l'Associazione Nazionale che riunisce Comunita' Montane, Camere di Commercio, Provincie e Comuni a chiara vocazione olivicola, per promuovere l'olio extravergine di oliva ed i territori di produzione.

Con Matera, Tenno (TN) Melfi (PZ), Pisticci (PZ), Bomba (CH), Missanello (PZ) Prezza (AQ) e Lapio (AV) e' salito a 362 il numero dei soci dell'associazione. A deliberare l'ingresso dei nuovi soci nell'associazione è sta…
Immagine
Pier Luigi Vigna
L’abbiamo visto in più di un’occasione ma non abbiamo mai avuto il piacere di stringergli la mano e dirgli grazie per tutto quello che faceva in quel periodo così difficile e duro (gli anni di piombo) segnato dal terrorismo e da stragi come quella di Empoli ad opera del fascista Mario Tuti, del treno 904 nel giorno prima di Natale o deiGeorgofoli che ha visto all’opera la mafia.
Parliamo di Pier Luigi Vigna a lungo procuratore della Repubblica a Firenze e poi Procuratore capo dell’Antimafia con risultati importanti. Lo salutiamo ora appena abbiamo saputo della sua morte (79 anni) per colpa di un tumore che lo ha accompagnato negli ultimi anni.
Di Vigna galantuomo ci ha parlato più volte Silvio, allora fidanzato, poi marito, di Elda Vincelli di Larino che, con le sorelle Marilena e Antonietta, il fratello Francesco, viveva a Firenze nel popolare quartiere di S. Frediano.
Era orgoglioso, quale agente della Polizia dello Stato, di essergli a fianco e di proteggerlo insieme …
Immagine
A Siena, la mitica Siena, nei Giardini della Lizza, cioè a fianco alla Fortezza medicea che dal 1960 ospita l'Enoteca Italiana, la grande cattedrale dei vini doc e docg. La stupenda struttura in mattoni che ha aperto il percorso della qualità e guidato i vini delle nostre regioni a vivere la grande immagine sui mercati del mondo.

A Siena, la città che più di altre è gelosa delle sue antiche, stupende tradizioni, 4 giorni all'insegna della birra e della Baviera! Non ancora riesco a crederci. La notizia è stata (giustamente) postata nella pagina della Cultura dell'Agenzia online.

Proprio qualche giorno fa, grazie a Lucia ed a Pino, ho avuto modo di vedere il filmato (postato su questo mio diario) della inaugurazione del 1933 della grande Mostra Mercato dei Vini Tipici e di Pregio, una biennale che si è chiusa nel 1960 con l'apertura della mostra permanente, l'Enoteca, e subito fatta propria da Verona con la nascita del Vinitaly.

Ditemi che no è vero, ma solo un brutto…

NUTRIRSI BENE IN TEMPO DI CRISI

Immagine
4 bambini su 10 in sovrappesoCome si concilia la necessità di mangiare correttamente ed evitare il sovrappeso dei bambini con la costante diminuzione del potere d’acquisto delle famiglie? Ecco i consigli dei nutrizionisti per fornire ai bambini tutti gli alimenti necessari per crescere bene, senza ingrassare e spendendo meno L’inizio del nuovo anno scolastico aumenta ulteriormente la spesa economica delle famiglie, mentre le necessità alimentari quotidiane rimangono, così come rimangono i problemi dei genitori con bambini in sovrappeso o obesi. Come si concilia la necessità di mangiare correttamente per crescere bene ed evitare il sovrappeso dei bambini, con la costante diminuzione del potere d’acquisto delle famiglie di questi ultimi anni?



Uno studio realizzato dall’Osservatorio nutrizionale Grana Padano ha valutato le abitudini alimentari di 2.238 bambini (di cui il 48,3% femmine e il 51,7% maschi) di età compresa tra i 6 e i 14 anni. Dai dati raccol…

Tutti i soldi europei che l'Italia butta via

Immagine
L'articolo,  che ritengo giusto postare per riflettere insieme sulle mancate occasioni,mi è stato inoltrato dagli amici del Canada.So che fa rabbia pensare a quanti progetti persi e a quanti giovani potevano essere occupati per predisporli e realizzarli. In un Paese clonato da Berlusconi il rischio, sempre più evidente, è proprio quello che ci si abitua alla menzogna, alla demagogia, al populismo, al furto, cioè a disvalori che portano a rendere tutti uguali.Il caos che distrugge e non permette di costruire il futuro. Una montagna di soldi sprecata. Quarantatre miliardi di euro, per la precisione. Sono i danari dei fondi strutturali europei che finora l’Italia non è riuscita ad investire e che alla fine del 2013 non potrà più utilizzare. I calcoli sono presto fatti, ci ha pensato la Tesoreria dello Stato. Per il periodo che va dal 2007 al 2013, a favore del nostro Paese, sono stati stanziati 59,4 miliardi di euro e al 30 giugno 2012 ne erano stati spesi soltanto 16,1. Una mis…

MANGIARE BENE NON BASTA

Immagine
L’Italia vista dal Mondo
La Stampa Estera compie 100 anni
Museo dell’Ara Pacis12 settembre -4 ottobre
Venerdì 28 settembre, ore 10.30, all’ Auditorio dell’Ara Pacis, Roma

L'Italia Agroalimentare tra Export e Stile di Vita
Con Mario Catania, Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Paolo de Castro, Parlamento Europeo, Presidente Commissione Agricoltura
Oscar Farinetti, Eataly Camilla Lunelli, Cantine Ferrari Domenico Raimondo, Consorzio Mozzarella Bufala DOP
Moderatore: Alfredo Tesio Controrelatore: Rossend Domenech La crisi economica non sembra aver frenato l’export agroalimentare italiano. I 30 miliardi di euro fatturati delle aziende italiane nel 2011 possono aumentare nel 2012. Quanto incide nel volume delle esportazioni lo stile del "mangiare bene e sano" della grande tradizione enogastronomica italiana?
Nell’export primeggiano vini e formaggi: un modello vincente estendibile ad altri prodotti?
Il Centenario dell’Associazione della Stampa Estera i…

FESTA A BALLU

SEMINARIO SULLA TARANTELLA CALABRESE


Seminario sulla Tarantella Calabrese con “Festa a ballu”.
“Abballati abballati, fimmini schetti e maritati, e si n'abballati bonu, non vi cantu e non vi sonu”.
Non servono molte parole e descrizioni per invitarvi a trascorrere un pomeriggio immersi nelle sonorità e nel ritmo della lira, della chitarra battente, dell’organetto, del tamburo nel corso del seminario dedicato alla danza tradizionale della Tarantella Calabrese.
Vi guideranno in questo viaggio:
Cinzia Minotti per la danza
Giuseppe Ponzo e Michele Di Paolo per la musica dal vivo.
In serata, dopo il seminario, resteremo tutti insieme per mettere in pratica quello appreso nel pomeriggio.
Orario di inizio ore 16,30.
Costo seminario euro 20,00.
Il seminario verrà attuato con un numero minimo di 20 partecipanti.
P.S. Ognuno, se ne ha piacere, è libero di portare qualcosa da mangiare o da bere da condividere in serata con tutti i ballatori e suonatori.
Per maggiori informazioni e iscrizioni rivolger…

Il Trebbiano di Valentini è il "Best italian wine" del 2012

Immagine
da Italia a tavolaUna bella notizia per la vitivinicoltura abruzzese e per il vitigno di uva bianca più diffuso in Italia (n.d.r.)Il Trebbiano dell’azienda Francesco Valentini di Loreto Aprutino è salito sul gradino più alto del podio della prestigiosa classifica dei 50 Best italian wine awards, la manifestazione ideata da Luca Gardini e Andrea Grignaffin, rispettivamente sommelier campione mondiale e critico enogastronomico È un Trebbiano del 2007 dell'azienda Francesco Valentini di Loreto Aprutino di Loreto Aprutino (Pe) il miglior vino d'Italia nella classifica dei Best italian wine awards, manifestazione ideata da Luca Gardini e Andrea Grignaffin, rispettivamente sommelier campione mondiale e critico enogastronomico. «Un successo straordinario per una realtà che è vanto per l'Abruzzo», dice il presidente della Regione Giovanni Chiodi. «La pazienza artigiana e la grande passione di Francesco Valentini rappresentano al meglio l'imma…

DA ZACC&BELINA

Immagine
IL PASSATO CHE CAMMINA

Zacc - Il prossimo governo!
Bélina -Niente di nuovo, populismo e demagogia, le cose che il popolo più adora

E ALTRI ANCORA I DISEGNI SONO DI RO MARCENARO

da ZACC&BELINA

Immagine
IL CONTRATTACCO
Zacc – La Polverini, ex presidente della Regione Lazio…
Bélina – no caro, solo della giunta! Zacc - che vuol dire? Bèlina - che sono stanca di occuparmi di imbecilli, piazzisti, malfattori, imbonitori, presuntuosi, arroganti, servi, mistificatori, bugiardi, senza dignità e senza valori, arrampicatori, demagoghi, arrivisti, nullità che il popolo ama. Povera Italia!
disegno di Ro marcenaro

ZIA EVELYN, 100 ANNI E NON LI DIMOSTRA

Immagine
E’ davvero unica la mia zia Evelyn che risiede a Hollywood in Florida. Moglie del caro zio Nino nato Ricciuti a Casacalenda e partito bambino per N.Y.C. (nuvaiorche), dopo la prima guerra mondiale, con la madre Antonietta ( ziia Iétte), sorella di mia nonna Giustina e di zio Marco Vincenzo Cavaiola.
Zia Evelyn, figlia di calabresi di Castrovillari, nata in America un secolo (100 anni) fa, ha sempre parlato un perfetto italiano ed ha sempre avuto l’Italia nel cuore pur avendola conosciuta per la prima volta, nel suo primo viaggiodi quarant’anni fa, cioè a 60 anni della sua vita che va avanti serena, nonostante la morte, tre anni fa, di suo figlio Frank, ingegnere, anche lui in Italia per la prima volta quando aveva sessant’anni.
C’è l’altra figlia Evelyn a farle compagnia con il marito David, un lupo di mare, con la barca attraccata al porticciolo della piccola cittadina della Florida, che accende ogni giorno per tenerla pronta per partire; la nuora Josephine, lontana nel New Jersey, e …