LA “DOUJA D’OR” PREMIA ANCORA UNA VOLTA I VINI DI ANTONIO VALERIO E DI ENRICO DI GIULIO


La “Douja d’Or” di Asti, il primo concorso nazionale dei vini, giunto alla 46° edizione e fino allo scorso anno riservato solo ai vini a denominazione di origine, Doc e Docg, aperto quest’anno anche alla partecipazione dei vini a Igp  (Indicazione geografica protetta), ha visto il Molise protagonista, grazie alla partecipazione di due sue note aziende, la Campi Valerio di Monteroduni, in provincia di Isernia, e la Borgo di Colloredo di Campomarino, in provincia di Campobasso. 

Una partecipazione vincente con due grandi vini “ Tintilia del MoliseDoc- “Opalia” 2015 e “BifernoDoc rosso riserva “Gironia” 2010, premiati dalle commissioni di assaggio organizzate dall’Onav (Organizzazione nazionale assaggiatori di vino), la prima nata in Italia.



Due grandi vini che, avendo superato gli 87 punti su 100 e dopo aver vinto, possono fregiarsi del  Premio Douja D’Or” 2018 e raccontare, così, al mondo degli esperti e dei consumatori, soprattutto quelli più esigenti, la passione dei loro produttori; la bontà e la bellezza dei loro territori, dei quali sono testimoni importanti. 
Due aziende, la Campi Valerio e la Borgo di Colloredo, delle 320 protagoniste del prestigioso concorso astigiano; due vini, Opalia e Gironia, dei 283 premiati su 864 vini presentati al Concorso. 
Antonio Valerio
Io e Enrico Di Giulio
Un significativo successo, quello di Antonio Valerio e di Enrico Di Giulio, che premia l’intera vitivinicoltura molisana e pone il Molise tra le Regioni più vocate alla produzione di vini di qualità eccelsa. Ancora una volta due delle sue quattro doc riconosciute,  la prima “Biferno” e l’ultima “Tintilia del Molise”, sapendo bene che le altre due, “Pentro” e “Molise” si fanno onore anche’esse in altri importanti concorsi.
Un applauso a Valerio e Di Giulio, quale applauso a tutti gli altri bravi viticoltori e ai loro collaboratori, nella vigna e in cantina.

pasqualedilena@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Oleocantale, la componente fenolica dell'olio extravergine che distrugge le cellule tumorali.

Onore all'Università del Molise e a due suoi ricercatori, i proff. Biagi Angelo Zullo e Gino Ciafardini

Il Comitato Scientifico del Biodistretto Laghi Frentani ha scelto il Dr. Pasquale Di Lena come suo coordinatore.