Italiani pazzi per i superfood, ecco i cinque da coltivare

Mandorle, mirtilli, stevia, zenzero e semi di lino. Cresce l'interesse dei consumatori italiani per i superfood. Un'opportunità di business anche per gli agricoltori

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani


stevia-by-lulu-fotolia-750.jpeg
La stevia è uno dei superfood che sta crescendo più in fretta
Fonte foto: © lulu - Fotolia
Il numero di consumatori che sceglie i prodotti alimentari, confezionati e non, basandosi sul profilo salutistico è in crescita. E così tra gli scaffali dei supermercati si stanno facendo strada i cosiddetti superfood, cibi definiti 'super' per le caratteristiche nutritive che posseggono. Mandorle, mirtilli e curcuma sono solo alcuni degli ingredienti che sempre più spesso fanno capolino nei prodotti confezionati e non.
L'Osservatorio Immagino, curato da GS1, ha condotto una analisi su quasi 55mila prodotti alimentari per identificare quali sono i superfood che più piacciono agli italiani. Le mandorle sono l'ingrediente più diffuso, mentre lo zenzero sfiora il raddoppio. Tra le new entry spicca la curcuma (+63,5%) la cui vendita nel 2017 ha superato i 10 milioni di euro di valore.
Ma quali sono i prodotti sulla rampa di lancio, pronti ad esplodere nei prossimi anni? Secondo l'Osservatorio Immagino i superfood del domani sono la cannella, il sesamo, i semi di chia, l'olio di riso e la canapa.
Insomma, il settore dei superfood è in crescita e questo si può tradurre in una opportunità per gli agricoltori italiani. Vediamo allora le colture adatte al nostro territorio.  

Mandorla

La mandorla è un frutto a guscio che in Italia si coltiva dall'epoca romana. Nel 2017 è stata segnalata sull'1,3% dei prodotti alimentari del paniere dell'Osservatorio Immagino e il giro d'affari è aumentato del 14,6% rispetto ai dodici mesi precedenti. Il nostro paese, dove la produzione non si è modernizzata, soffre la concorrenza del prodotto turco e californiano. Le recenti tensioni commerciali con gli Usa tuttavia, anche se complessivamente sfavorevoli per il made in Italy, possono rappresentare una opportunità per i mandorlicoltori nel caso in cui Bruxelles decidesse di elevare dazi su questi frutti. Gli areali di produzione vocati sono quelli del Sud Italia. 
Tabella superfood
(Fonte foto: Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy, ed. 3, 2018)
Mirtillo
Con lo 0,9% di presenza nei prodotti è il mirtillo il secondo superfood della classifica stilata dall'Osservatorio Immagino. In Italia le produzioni sono scarse e a parte modeste coltivazioni in Trentino il prodotto viene importato solitamente dalla Spagna (primavera-estate) oppure dal Sud America (mesi invernali). I maggiori produttori sono Stati Uniti e Canada, in Europa Polonia e Germania. In Italia le aree vocate sono quelle pedemontane lungo l'arco alpino. In questo opuscolo ci sono tutte le informazioni per coltivarlo.  

Stevia

Tralasciando i cereali, lo zucchero di canna e il cocco, la stevia si trova al settimo posto nel ranking dei superfood. Con un alto potere edulcorante e un bassissimo contenuto calorico, la stevia è l'ingrediente a cui le grandi compagnie del food stanno guardando. In Italia potrebbe essere coltivata al Sud, anche se l'ingente fabbisogno idrico limita le aree utilizzabili. Della coltivazione della stevia ne abbiamo parlato qui.  

Zenzero

Dopo quinoa, kamut e farina di riso, lo zenzero è l'altro superfood che sta avendo una crescita vertiginosa. Lo 0,3% dei prodotti alimentari venduti in super e ipermercati e monitorati dall'Osservatorio Immagino evidenzia in etichetta di avere lo zenzero come ingrediente. Nel 2017 il giro d'affari di questi prodotti ha messo a segno un vero record: il 91,6% di crescita annua, raggiungendo i 36 milioni di euro. Il principale produttore di zenzero è la Cina, che lo esporta come prodotto essiccato. Per gli agricoltori italiani, che non possono competere con il gigante asiatico, rimane dunque il mercato del fresco. Lo zenzero si adatta bene al nostro paese, ma deve essere coltivato in ambiente protetto.

Semi di lino

Molto dinamiche nel 2017 sono risultate anche le vendite dei prodotti contenenti semi di lino, arrivate a superare i 21 milioni di euro (+51,5% rispetto al 2016). Grazie alle sue proprietà nutritive, come ad esempio la presenza di acidi grassi Omega-3, i semi di lino piacciono ai consumatori italiani. La pianta di lino si può coltivare in Italia e cresce bene nelle zone collinari e montane, come spiegato in questo manuale. Attenzione però, perché la coltivazione diventa economicamente sostenibile se oltre al seme si vende anche la biomassa per produrre filati.

© AgroNotizie - riproduzione riservata
Fonte: Agronotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Oleocantale, la componente fenolica dell'olio extravergine che distrugge le cellule tumorali.

Onore all'Università del Molise e a due suoi ricercatori, i proff. Biagi Angelo Zullo e Gino Ciafardini

Il Comitato Scientifico del Biodistretto Laghi Frentani ha scelto il Dr. Pasquale Di Lena come suo coordinatore.