IL CIBO è ARTE

iL CIBO è ARTE e lo dimostra questa tela firmata da Matilde Di Liello, una ragazzina, all’apparenza timida, molto brava. È l’opera che ha vinto e che a me piace molto, ma non posso non ricordare le altre oggetto del concorso indetto dal Rotary club di Larino e dalla sua presidente, Teresa Mancini.

Una qualità sorprendente come ha più volte sottolineato il presidente della giuria, Domenico Fratianni, il grande artista molisano. Lui è rimasto colpito dai tratti, io dai contenuti nella gran parte emozioni per la natura e il cibo che la rappresenta in ogni sua espressione di memoria, acqua e la sua Fontana, melograno, mela o ciliegie; tavola, vino ( tutto è solo vino nell’era delle bevande zuccherate), ortaggi, frutti. Nella terra dell’olivo non c’era l’olio . Unica pecca.

Torno all’opera di Matilde, una pagnotta di pane croccante con la sua crosta incisa è evidente e sullo sfondo le lingue di fuoco di un focolare. Il pane che richiama la terra, non più sacra per l’uomo tutto preso dal denaro, ma ferita e il fuoco che riporta alla casa, al calore della famiglia, allo stare insieme per parlare, al dialogo. Ecco che il cibo è arte, ma anche voglia di domani, della propria identità, espressa dal proprio territorio, di pace e di serenità, quella stessa che ti mette dentro il profumo di una pagnotta di pane appena sfornata. La mostra, con i giovanissimi che l’hanno animata con le loro emozioni, ha detto, parlando del cibo, un’importante verità, i giovanissimi vogliono un domani di qualità, sano, pieno di sogni visto che sono aquiloni colorati pronti per volare.
Grazie Matilde, grazie ragazzi molisani

Commenti

Post popolari in questo blog

Oleocantale, la componente fenolica dell'olio extravergine che distrugge le cellule tumorali.

Onore all'Università del Molise e a due suoi ricercatori, i proff. Biagi Angelo Zullo e Gino Ciafardini

Due importanti riconoscimenti che premiano e onorano il Molise