Produzione di EVOO di qualità nel cuore dell'agricoltura sociale italiana

Il sistema di agricoltura sociale italiana è diventato un modello per gli altri paesi

di Ylenia Granitto in OliveOilTimes 
L'agricoltura sociale (SF), o agricoltura di cura, è una pratica che utilizza risorse agricole per fornire servizi di assistenza sociale o educativa per gruppi vulnerabili di persone, come definito dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO).
I Capovolti
Queste cooperative sociali sono state create per dare alle persone svantaggiate autonomia sociale e professionale attraverso la socializzazione e il lavoro. - Salvatore Stingo, Agricoltura Capodarco.

Mirano a riunire bisogni, identità, protezioni e richieste di libertà di tutti i cittadini, indipendentemente dalle loro capacità, secondo la carta del Forum nazionale agricolo sociale italiano (FNAS), che sottolinea il valore del lavoro non solo come fonte di reddito individuale, ma anche come elemento fondante di una società più giusta e inclusiva.
"La SF - ha detto il portavoce della FNAS laziale, Carlo De Angelis - può essere uno strumento di risposta ai bisogni della popolazione, sia in termini di produzione agricola sostenibile dal punto di vista economico e ambientale sia in termini di offerta di servizi sociali e sanitari". 
Con circa 400 cooperative sociali, 4.000 lavoratori e un giro d'affari di € 200 milioni, il sistema italiano di SF (regolamentato dalla legge nazionale 141 del 18 agosto 2015) è diventato un modello di pratica eccelllente per gli altri paesi grazie ai suoi numerosi aspetti sociali e qualitativi realizzazioni.
In questo contesto, l'olivicoltura viene praticata con ottimi risultati, come nel caso di Agricoltura Capodarco, che quest'anno celebra il suo quarantesimo anniversario di attività svolta nelle aziende agricole di Roma e Grottaferrata.
"Queste cooperative sociali sono state create per offrire alle persone svantaggiate autonomia sociale e professionale attraverso la socializzazione e il lavoro", ha affermato il presidente, Salvatore Stingo.
La loro missione deriva dai principi fondatori della Comunità di Capodarco, un'organizzazione senza scopo di lucro che promuove e difende la dignità delle persone emarginate, specialmente quelle con disabilità mentale e fisica, attraverso una costante azione di inclusione e integrazione.
"L'impegno quotidiano della nostra cooperativa si basa su due pilastri, che sono il ruolo centrale dell'individuo e il rispetto per l'ambiente", ha sottolineato Stingo. "Nel corso degli anni, la nostra attività si è evoluta e ora gestiamo organicamente un'azienda di circa 40 ettari (quasi 99 acri), che comprende un oliveto di 2,5 ettari a Grottaferrata e un terreno più piccolo alla Tenuta della Mistica, a Roma , composto da circa 800 piante antiche di Moraiolo, Frantoio, Leccino e Carboncella ", ha illustrato.
uno dei protagonisti dell'azienda "I Capovolti"
Le fattorie sono diventate negli anni parte integrante del tessuto sociale e produttivo del territorio grazie all'alta qualità della loro produzione. L'olio extra vergine di oliva è prodotto da un gruppo di operatori e persone con disabilità che partecipano ai laboratori sociali della cooperativa principalmente focalizzati sulle attività orticole.

"Inoltre, quest'anno alla Tenuta della Mistica abbiamo raccolto olive con la collaborazione di studenti dell'ottavo anno di una scuola del distretto", ha precisato Stingo, riferendosi a una bella zona rurale nella periferia di Roma dove gli ulivi fiancheggiano una strada che porta all'antico acquedotto romano.
"Il momento della raccolta non è solo molto piacevole, ma anche utile perché offre alle persone l'opportunità di vedere quasi immediatamente il frutto del loro lavoro", ha spiegato Stingo. "Raccolgono le olive e possono presto assaggiare l'olio, e questo dà un grande significato agli sforzi che hanno fatto. In questo senso, la produzione di olio extra vergine d'oliva è molto efficace. "
Le olive raccolte a mano vengono portate rapidamente nel frantoio di Americo Quattrociocchi, un produttore esperto nel Lazio. "I nostri sostenitori e consumatori sono così entusiasti dell'elevato livello qualitativo migliorato nel corso degli anni, che ogni stagione il nostro olio extra vergine di oliva viene venduto molto prima del raccolto", ha rivelato.
In meno di un'ora di viaggio, raggiungiamo la comunità terapeutica di Palombara Sabina dell'associazione Dianova, un'organizzazione che sviluppa progetti per il trattamento dell'abuso di droghe.
"Ospitiamo diciotto persone che partecipano a un corso completo di trattamento", ha dichiarato il direttore della comunità, Massimo Bagnaschi. Ha spiegato che il percorso terapeutico delle persone che vivono nella comunità inizia con l'uso di medicine e metadone a dosi affusolate e si conclude con una reintegrazione socio-occupazionale che comprende una serie di attività agricole, il cui cuore è la produzione di extra vergine olio d'oliva.
"Il territorio della Sabina, caratterizzato da dolci colline e terreno argilloso e drenante, ci aiuta a produrre un olio eccellente da 400 piante di Leccino e Carboncella", ha detto Bagnaschi. "L'ultimo raccolto ci ha regalato un olio fruttato intenso con amaro medio e piccante più persistente."
Quest'anno, grazie a un progetto finanziato dalla Fondazione Terzo Pilastro Italia e Mediterraneo, la cooperativa ha avuto l'opportunità di concentrarsi maggiormente sulla formazione in olivicoltura. "Con la collaborazione dell'organizzazione dei produttori OP Lazio, abbiamo organizzato un corso intensivo sulla produzione di olio extravergine di oliva dalla potatura alla raccolta, comprese informazioni su diverse varietà e processi di macinazione", ha precisato.
"Prima di tutto, Dianova è una comunità terapeutica ma, insieme alla pratica della produzione, stagione dopo stagione, abbiamo raggiunto un alto livello di qualità", ha osservato il regista. "Probabilmente l'anno prossimo sottoporremo il nostro olio alla Camera di Commercio di Roma per ottenere la certificazione DOP."
Le attività produttive nell’oliveto gestito organicamente sono svolte da operatori e persone che vivono nella comunità. "Hanno imparato le competenze necessarie per questo lavoro così bene che ora sono in grado di ottenere grandi risultati", ha osservato Bagnaschi, spiegando che un esperto di comunità dirige il lavoro di altri operatori e residenti, che si occupano di impianti situati su un ripido pendio che rende operazioni di potatura e raccolta ancora più difficili.
"La produzione di olio extravergine di oliva è un mezzo di riabilitazione e la più importante attività professionale della comunità", ha aggiunto il regista. "Proponiamo il nostro olio in cambio di un contributo alla comunità e il ricavato ci aiuta a realizzare progetti in modo da raggiungere il duplice obiettivo di motivazione e formazione professionale, e del sostegno economico e della soddisfazione dei consumatori".
Questa è la seconda stagione di produzione presso l'azienda agricola Capovolti, una cooperativa sociale a Montecorvino Pugliano, in provincia di Salerno, che supporta le persone con disabilità mentali.
"La cooperativa è nata tre anni fa grazie a un progetto finanziato dalla Fondazione Con Il Sud", ha dichiarato la regista, Nathalie Franchet. "Ci chiamiamo capovolti (sottosopra) perché in generale prima crei un 'contenitore' e poi includi persone, quando in realtà abbiamo deciso di intraprendere un percorso con persone con fragilità e le loro famiglie, alcune delle quali volevano mettersi là fuori e investire nella cooperativa. "
Adesso sedici persone, metà delle quali sono persone con disabilità mentali, gestiscono un uliveto biologico di 6 ettari nel territorio dei monti Picentini. "Prestiamo molta attenzione all'apprendistato con i nostri membri perché la salute mentale è un campo speciale, e la riabilitazione ha bisogno di un adeguato processo di formazione." Ogni settimana, la formazione teorica e pratica è programmata presso la cooperativa, che è composta da un asilo nido e un'unità residenziale , Casa Nadia, che ospita 10 persone.
"La produzione di olio extra vergine d'oliva è un mezzo per ... " conquistare ", piuttosto che" riabilitare "," ha detto Franchet. "L'ultimo raccolto è stato effettivamente effettuato da persone che, tre anni fa, non potevano rimanere più di un paio d'ore sul campo, e ora sono in grado di lavorare in sicurezza per sei ore".


Dieci operatori, tra cui psicologi e sociologi, e venti residenti lavorano in gruppi di dieci, di età compresa tra i 18 ei 50 anni, seguiti da un agronomo. "Raccogliamo le olive che in poche ore vengono consegnate al frantoio Torretta, a Battipaglia", sottolinea Franchet.
1400 piante di Frantoio e Leccino vengono raccolte a mano poiché l'uso di attrezzi da raccolta può essere pericoloso a causa delle condizioni particolari dei lavoratori. Inoltre, la raccolta è facilitata grazie ad una potatura adeguata.
"La nostra seconda produzione è stata così buona in termini di qualità che è stata già esaurita a dicembre, e questo suggerisce che siamo sulla strada giusta perché sebbene il nostro obiettivo sia soprattutto sociale, è stato naturale migliorare gli standard di produzione" Franchet considerato.
"L'anno prossimo - ha concluso - sottoporremo il nostro olio all'ente di certificazione per ottenere il Colline Salernitane DOP. I proventi della vendita ci consentono di finanziare i nostri progetti, ecco perché la qualità è un obiettivo fondamentale del nostro programma ".

Commenti

Post popolari in questo blog

Oleocantale, la componente fenolica dell'olio extravergine che distrugge le cellule tumorali.

Onore all'Università del Molise e a due suoi ricercatori, i proff. Biagi Angelo Zullo e Gino Ciafardini

Il Comitato Scientifico del Biodistretto Laghi Frentani ha scelto il Dr. Pasquale Di Lena come suo coordinatore.