19 maggio 2017

una bella notizia sapere che "A fontanove" tornerà a scorrere di nuovo


A FONTANOVE

Dav'èvvève e tutt'u paèse
Tre canale d'accua fresche,
pe ogne canale na file
de conche, de tine e de varile.
Cu calle e cu fridde
iève sempre na s’torie de fèmmene
che, chiacchieranne e letecanne,
espettavene u turne pe egne
che nu penziere a case,
i fiie, u marite, a ciuccia pregne.
I carabbeniere, u precueratòre, u carcere,
u spedale egnevene èppène èrrevavene
chi fèmmene che sbettavene
pe l'abbuse d'autorità.
Mó l'accue è dend'i case,
e quis’tu fatte fa piacere,
a Fontanóve nen corre chiù,
nesciune a pènze.
Se contenuasse e córre
e z'avesse fa a file,
uoie l'avess’a fa pure l'autorità.

LA FONTE NUOVA – Dava da bere a tutto il paese / tre bocche di acqua fresca, / per ogni bocca una fila / di conche, di tini e di barili. / Con il caldo e con il freddo / era sempre una storia di donne / che, chiacchierando e litigando, / aspettavano il turno per riempire / con un pensiero alla casa, / ai figli, al marito, all’asina incinta. / I carabinieri, il procuratore, il carcere, / l’ospedale riempivano appena arrivavano / con le donne  che sbuffavano / per l’abuso di autorità. / Ora l’acqua arriva dentro casa / e questo fa piacere, / la fonte nuova non scorre più, / nessuno più la pensa. / Se continuasse a scorrere e si dovesse fare la fila, / lo dovrebbero fare anche le autorità.

Nessun commento:

Posta un commento