10 gennaio 2017

LA NEVE


Prime da néve e dòpe

Fin’è mo’ ce s’teve èncòre u sòle

pù de colpe tutt’u ciele z’è fatte grigie

come u chelòre da cenere senza carevòne.

I fronne di uelive e de tutte chill’ate i chiante,

s’tonghe (g)uardanne da èrréte i vrite, de colpe,

sènza viente, ze sò bloccate

remanènne ferme com’émbambàlite

Ne vòle manche nu ciélle

N’èbbaie manche nu cane

Nze sènte manche na vòce eé manche nu remòre

S’ta cueiéte pure u selenzie

che soletamènte i parole émmante

pure se sule de tante ‘n tante.

Uh, mo’ èrrive a néve e com’èma fa!

Niénte, t’ida s’ta férme e zitte

pure tu ida spettà ca scenniéne liente liente

in mode ca ogne s’tuppele z’èppoie

ngòppe e cuill’ate che prime a calate

Tutte, mo' che è ghiancheiate,

te fa penzà eé nu ‘hie’hhiafuoche che sfotte

i carevune sotte u callare che volle,

i lure,  a palétte chiéne de cenisce,

na mènnele, na nòce, duie fave, duie cice escecàte,

na pizze de grandineie che n’eie chiù manniate.

U uelive chemènze eé sentì u pise da néve.

N’empòrte, bas’te che ne ièle,

pecchè se ‘hiocche fa sule béne.

pasqualedilena@gmail.com

Prima della neve

fino ad ora c’era ancora il sole/ poi di colpo il cielo è diventato grigio/ come il colore della cenere senza carbone// Le foglie dell’olivo e di tutte le altre piante/, sto guardando da dietro il vetro,/ di colpo senza vento si sono bloccate/rimanendo come inebetito//Non vola neanche un uccello//Non abbaia neanche un cane//Non si sente neanche una voce e neanche un rumore//Sta zitto anche il silenzio che normalmente le parole le copre anche se solo di tanto in tanto// Uh, ora viene la neve e come dobbiamo fare!// Niente, devi stare fermo e zitto/ anche tu devi aspettare che i fiocchi cadano lentamente/ in modo da appoggiarsi l’uno sull’altro//Tutto, ora che è imbiancato,/ ti fa pensare a un soffietto che smuove/ i carboni sotto la pentola,/ le faville, la paletta piena di cenere,/ una mandorla, una noce, un po’ di fave e un po’ di ceci,/ una pizza di farina di granturco che non ho più mangiato// L’olivo comincia a sentire il peso della neve//Non importa, basta che non geli,/perché se nevica fa solo bene.


No, u sòle n’è s’tate

No, u sòle n’è s’tate
E s’tate a tèrre
che z’a serchiate tutt’a a néve
c’ù iuorne prime a menate.
Ecche pecché “sotto la neve pane”
e, ‘nvece, “sotto la pioggia fame”
L’accue da néve ne scorre
è nu surse cà scennie
fine e teccuà i radeche chiù è funne
entrà dend’i sprefunne
che fanne da cestèrne è u munnne
pe pù renghianà chiane chiane.
È l’accue che devènde sergive,
fonte,suleche, cigne, varile,
‘hiume, e dapù mare,
nen sule na ‘hième, nu canale.
Chiù nève fa e chiù
a cercuele, u uelive, u grane
ze sèntene secure du demane
Pasquale Di Lena, domenica 4 gennaio 2015
No, non è stato il sole
No, non è stato il sole//e’ stata la terra/che si è bevuto tutta la neve a sorsi/che il giorno precedente aveva fioccato//Ecco perche “sotto la neve pane”/e, invece, “sotto la pioggia fame”//l’acqua della neve non scorre/ è un sorso che scende fin a toccare le radici più profonde/entrare dentro caverne/ che fanno da cisterne per l’umanità/ per poi risalire piano piano//e’ l’acqua che diventa sorgente, fonte/ solco, ruscello, barile, fiume e alla fine mare/non solo una piena, un canale//Più c’è neve e più/la quercia, l’olivo, il grano/si sentono sicuri del domani.

Nessun commento:

Posta un commento