Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2016

L’OLIVO E IL SUO OLIO, UNA VALIDA CURA PER IL CLIMA SEMPRE PIU’ MALATO.

Immagine
Alla COP22, la Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni
unite, che c’è stata in questo mese di novembre a Marrakech, in Marocco, per
dare seguito alla conferenza sul clima di Parigi dello scorso anno, l’olivo
con il suo olio extravergine e vergine, è stato, grazie al COI, Consiglio
Oleicolo Internazionale, un grande protagonista per i suoi benefici effetti
sul clima.
A dimostrare gli interessanti
risultati di una ricerca c’era
l’agronomo Franccesco Serafini,
capo del Dipartimento D del COI,
l’Istituzione massima dei paesi
olivicoli. Risultati riferiti agli effetti
positivi della produzione di olio.
Un bilancio fortemente attivo visto
che il chilogrammo e mezzo di CO2
necessario per la produzione di
un kg di olio, viene compensato
dal prelievo dell’oliveto
dall’atmosfera di ben 10 Kg.di CO2.
Uno straordinario contributo alla necessità di mitigare gli effetti nocivi
del gas serra nell’atmosfera. Basta un oliveto semi-intensivo, curato con
le buone pratiche agricole, …

I promoter degli oliveti superintensivi in Italia

Immagine
Quali e quanti risultati hanno portato, per i redditi degli agricoltori, le soluzioni delle grandi multinazionali? Meno pubblicità e più dignità al ruolo che deve svolgere, se si vuole davvero dare basi e forza all’olivicoltura di domani
Quello che dà fastidio dei sostenitori degli oliveti super intensivi è che si trasformano – non so quanto a loro insaputa – in veri e propri promotori pubblicitari di queste nuove forme d’impianto.

Raccontano – lo sottolineano con forza – che danno qualità e, con essa, anche più quantità; permettono la piena meccanizzazione e una riduzione della presenza dell’uomo; danno una sicura risposta di reddito all’olivicoltore, che, suo malgrado, fino ad ha subito lo strapotere degli altri interlocutori componenti della filiera dell’olivo e dell’olio.
In pratica dicono le stesse cose che sono state dette tutte le volte che una multinazionale ha pensato di promuovere i suoi semi, le sue varietà, i suoi antiparassitari, i suoi veleni e i suoi servizi, grazie a mac…

La memoria, territorio di diversità e identità

Immagine
C’è un spazio che esprime un colore di tanti colori, emana un profumo di profumi inebrianti e forti e ti fa sentire sapori, ed è quello che si chiama territorio. Uno spazio che ha i confini segnati dallo sguardo, il tuo sguardo, e che è lì, dentro di te, come parte importante della tua memoria.
Uno spazio che i venti - come altrove, anche qui arrivano da ogni parte - alimentano di parole, note particolari per te familiari. Incontro, dialogo, abbraccio, suoni, ballo, canto, unione, racconto, poesia, comunità. Uno spazio che tu segni con i tuoi passi senza contarli perché non c’è alcun bisogno di farlo. Uno spazio che è tuo e degli altri, di tutti quelli che come te ce l’hanno dentro riposto nella memoria. Poi, un giorno, parti e ti allontani e, così, lo spazio che hai lasciato ti appare, lo vedi come fosse la prima volta, lo senticon i suoi profumi, i suoi colori, le sue parole, i suoi canti. Prima diventa ricordo, poi, col passar del tempo, nostalgia, paura di perdersi, ed è forte la …

Referendum: le ragioni di una scelta  

Immagine
di Umberto Berardo
Diversi istituti demoscopici ci dicono con estrema chiarezza che tra i primi dieci problemi che gli italiani pongono in cima ai loro pensieri non c'è quello della riforma costituzionale, avvertita come una necessità da appena l' 8% dei cittadini.
Qualunque persona di buon senso sa che le grandi questioni aperte per il futuro del nostro Paese sono altre.
Ormai dal 2008 le priorità risultano essere il superamento della crisi economica causata da un neoliberismo selvaggio e senza scrupoli, la diminuzione e possibilmente il superamento della disoccupazione, la redistribuzione equa e generalizzata del lavoro e della ricchezza secondo criteri di giustizia sociale, la qualità della vita in tutti i suoi aspetti, il superamento della corruzione, della malavita e della delinquenza su tutto il territorio nazionale, la garanzia disistemi sanitari e scolastici pubblici, efficienti e ben strutturati.
Abbiamo quasi nove milioni di cittadini nella "povertà assoluta", …

Gente, le foto di Nicola Piccchione in mostra a Firenze

Immagine
Un insieme di persone che non si correlano tra loro formano una folla: una aggregazione casuale, disomogenea.
Un insieme di persone con un programma comune è costituito da gente: al contrario della folla, forma una squadra che ha più valore della somma dei singoli individui dovuto alla relazione tra le persone come il cervello ha più valore della somma delle sue cellule in virtù delle numerose connessioni.
Questa mostra è una piccola cronaca di gente che si trova ad affrontare insieme un problema.
Oggetto della mostra - in tre quadri- sono alcuni problemi tipici della nostra società:
- Gay Pride: la manifestazione porta all'attenzione la richiesta di diritti ritenuti ancora non del tutto riconosciuti. Malgrado il modo prescelto, spettacolare e a volte carnevalesco, non c'è allegria su quei volti. Alcune immagini cercano di richiamare l'attenzione su un conflitto sociale ancora persistente.
- Corri la vita: la gente si riunisce per impossessarsi almeno per poco tempo di una pa…

Anche gli oggetti parlano se li sai ascoltare

Immagine
Era qualche giorno che il computer si sentiva trascurato e quando, qualche minuto fa, l'ho riaperto per andare sul blog, ho visto che ha voluto farmi una sorpresa: 350.001 visualizzazioni delle pagine. Mi piace ringraziarlo, insieme con un a fondamentale protagonista di questo splendido risultato, la mia piccola canon nera, dedicandogli la copertina  Un grazie anche a tutti voi amici che ci rallegrate con la vostra compagnia

PRESTO UNA LEGGE REGIONALE SULLA TUTELA DELLE TRADIZIONI POPOLARI

Immagine
La proposta del Presidente del Consiglio Vincenzo Cotugno.                                 La Federazione Italiana Tradizioni Popolari presto ad Amatrice…….. La FITP regionale ( Federazione Italiana Tradizioni Popolari ) , si riunisce a Ferrazzano per discutere di atti concreti .L’Associativismo è l’alternativa ad una classe politica dormiente e con poche idee o presa da altro, ritenuto più importante.
La FITP, che annovera il maggior numero di gruppi che, a memoria, è l’unica vera tenutaria, insieme ad altre associazioni che hanno lo stesso scopo, della tradizione popolare Molisana ed Italiana, funge da volano aggregativo e da volano di sviluppo e conoscenza ed, indefessamente si prodiga, all’associativismo ed allo sviluppo, alla divulgazione ed alla conservazione di quello che è il vanto della nostra Italia : l’unicità nella diversità della tradizioni popolari che, sintetizzando, sono l’essenza della vita contadina, di quartiere, di comunità. E, come spesso capita nell’arco dell’anno, a…

EDUCARSI PER EDUCARE AL GUSTO DEL VINO E DELLA TAVOLA

Immagine
La svolta della vitivinicoltura degli anni’80 e la nuova immagine di qualità del vino italiano , fino allora considerato solo come “bianco” e “rosso”, è – a mio parere - il frutto di quel percorso iniziato con l’approvazione del Dpr 930 del 1963, riguardante le denominazioni di origine dei vini e la costituzione del Comitato Nazionale, che ha portato ai riconoscimenti Doc dei vini e, a partire dal 1980, anche a quelli Docg, con Barbaresco, Barolo , Brunello di Montalcino e Vino Nobile di Montepulciano i primi a fregiarsi di quest’importante riconoscimento. La tragedia metanolo ha avuto solo l’effetto della classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. C’è da dire, per onore della verità, che altri fattori, non meno importanti, hanno dato una spinta ed un’accelerazione al percorso avviato e, fra questi, fondamentale il ruolo delle due associazioni di assaggiatori, ONAV, la prima in Italia (1951) e di sommelier AIS (1965), che, insieme alla ripresa delle iniziative dell’Enoteca Itali…

A SAN MARCO LA CATOLA PER PARLARE DI OLIO

Immagine
Oggi è il giorno di San Martino, ogni mosto è fatto vino, e il mio caro amico Giuseppe Di Iorio ha voluto gentilmente invitarmi a vivere una manifestazione (IL VINO TRA I C'NANT) che si tiene nella bella cittadina di San Marco la Catola, che s'incontra, venendo da Campobasso, subito dopo il ponte dei tredici archi sul Fortore, quando inizia il territorio della provincia di Foggia. I C'NANT sono i vicoli, lungo i quali verranno allestiti banchi di degustazione dei buoni prodotti della Capitanata. All'internodi questa manifestazione il Convegno dove si parlerà di olio e del futuro di questo cibo divino straordinario testimone di territori e espressione di paesaggi e di culture, soprattutto nelle aree interne, le più difficile ma anche le più peziose per il domani del Paese. Perché non vieni anche tu?








PROGETTO MAESTA’: LA MOLISANA CONFEZIONA 135 MILIONI DI PIATTI DI PASTA CON GRANO COLTIVATO SOLO IN BASSOMOLISE

Immagine
Coltura e cultura, innovazione e produttività, lavoro e sostenibilità: La Molisana realizza un progetto ambizioso costituendo con gli operatori della filiera e le cooperative agricole l’Op Cereali Centro Sud. Un’Organizzazione di Produttori con quattro cooperative, 600 soci produttori, specializzati nella produzione di cereali nei terreni di Guglionesi, Montenero di Bisaccia e Palata. “Con il prossimo raccolto di giugno 2017 garantiremo 135 milioni di piatti di pasta – afferma soddisfatto l’Amministratore delegato, Giuseppe Ferro -Un grano speciale tutto molisano, di due qualità eccellenti, Maestà e Don Matteo, tenaci in cottura e con un indice proteico del 15%”. Una sinergia della filiera agro-alimentareche rappresenta il presente e il futuro per far emergere il Food Made in Italy raggiungendo livelli alti di produttività, sostenibilità e sicurezza alimentare. Una nuova cultura della coltivazione alternativa, con accordi di filiera precisi, per garantire e migliorare tutti i servizi.…

L’olio italiano e la cultura da spendere per il successo della sua immagine

Immagine
Questo fine settimana, appena passato, ero a Pozzuoli ad assistere il concorso “ Miglior Sommelier d’Italia” dell’Aspi, l’Associazione della sommellerie professionale italiana, quale componente della giuria per la valutazione dell’attitudine generale dei tre sommelier finalisti. Una fantastica avventura quella di seguire le numerose prove alle quali si sono sottoposti i concorrenti, alcune davvero impossibili come la degustazione di ben 12 distillati a ognuno dei quali dare un nome, descrivere i caratteri, indicare la provenienza e, persino,l’annata di produzione. A proposito di distillato, il coordinatore della competizione che ha visto impegnati tre giovani bravissimi, Rudy Rinaldi, promotore dell’Aspi Abruzzo e di quello del Molise e attuale presidente dell’Aspi Puglia, ha tenuto a sottolineare che la degustazione di un vino è ben diversa da quella di un distillato– per la prima ci vuole più tempo che per la seconda - per la diversità di contenuto alcolico. A proposito della difficol…

Io c’ero

Io c’ero a Firenze quel 4 Novembre di cinquant’anni fa a vivere la terribile alluvione. Dal mattino alle sette quando dal quartiere di Santa Croce mi sono portato verso Borgo Ognissanti dai Colucci, i miei amici.

Ricordo il silenzio di un mattino bagnato da tre giorni di pioggia intensa, ininterrotta, il vuoto di via della Vigna Vecchia, piazza Indipendenza  con la tribuna in legno preparata per i festeggiamenti della giornata, via della Vigna Nuova sbarrata e la scelta di via Palazzuolo, l’incontro con piazza Fininguerra già allagata. Non ancora mi rendevo conto di cosa stava accadendo.
La scelta, io che ho paura dell’acqua, di entrare in quella piccola piazza ormai lago e la necessità di tornare indietro quando mi son reso conto che in via Borgo Ognissanti non ci sarei mai arrivato. La strettoia di via degli Alberi e il ritorno nella casa in via della Scala che mi aveva ospitato fino a due giorni prima e dove avevo ancora i vestiti.
Il cambio dei vestiti bagnati con quelli asciutti, l…

Il Territorio è Terra, Aria e Acqua

Immagine
di Nicola Picchione

Caro Pasquale, se nascerà il tuo TERR sarà la prima tessera che prenderò per un “partito”, cioè per mettermi decisamente da una parte. Poiché anche i nomi hanno un senso profondo, mi è venuto in mente, bisognerebbe trovarne uno che colpisca gli eventuali arruolabili.
Bisogna evitare le idee romantiche sul territorio, anche perché ormai non abitano più nel cuore e nella mente degli uomini. In fondo, il territorio può sembrare una entità troppo astratta, lontana: una ideologia.  Invece è concreto. Il territorio se ne frega di noi.  Accetta tutto, possiamo anche offenderlo. Reagisce  a modo suo: si adatta ad ogni modifica, ad ogni insulto. Il territorio non ha sentimenti, non è buono o cattivo, non è bello o brutto. Siamo noi uomini a dargli queste caratteristiche. E’ la nostra cultura che lo ha modellato, lo ha “migliorato” secondo le nostre esigenze e lo ha personificato come gli antichi facevano con i boschi o con i fiumi.  Il territorio affronta terremoti, alluvioni…