Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2016

Un fiume in piena

Immagine
di Umberto Berardo

L'incontro di Agnone (IS) di giovedì 26 maggio sul tema "Dar da mangiare agli affamati" è stato aperto dal saluto del vescovo, S.E. Mons. Domenico Angelo Scotti, e da don Alberto Conti, direttore della Caritas diocesana di Trivento e della Scuola di Formazione all'Impegno Sociale e Politico "P. Borsellino", il quale, salutando e ringraziando il relatore, don Luigi Ciotti, fondatore e presidente del Gruppo Abele e di Libera, ha introdotto l'argomento della serata sostenendo con chiarezza che, se non c'è giustizia, occuparsi dei poveri è un inganno alla propria coscienza ed a chi, come in questo momento sul nostro territorio, ha bisogno di lavoro, di cultura e di una sanità efficace, pubblica e prossima al territorio.

Don Luigi Ciotti davanti ad un pubblico numeroso ed attento, che lo ha seguito per ben due ore, è partito dal tema proposto per allargarlo alla sua maniera con analisi di carattere teologico, sociale, culturale e politic…

Un gruppo di studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche ospite de La Casa del Vento

Immagine
Dopo la visita, dell’altro giorno, dell’amico de L’Olio di Flora e mio, Nagato Yasuyuki, i suoi ospiti giapponesi, le sorelle Claudia e Tiziana Nuozzi del Caffè Domingo, la Casa del Vento contenta per un’altra visita, altrettanto gradita, di 15 studenti dell’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo. L’Università che ha visto giovani molisani laureati brillantemente, fra i quali i miei giovani amici, Serena di Nucci di Agnone e Nicola Del Vecchio di San Giovanni in Galdo.
Un viaggio didattico che ha scelto il Molise quale fonte di ricerca della transumanza e dell’attività pastorale, ma anche scoperta delle sue produzioni tipiche e della sua variegata e immensa cucina.
Quale migliore occasione, il rientro dei carri a chiusura dei tre giorni dedicati al patrono della Città di Larino, San Pardo. Una festa che è legata alla storia della Transumanza grazie alla centralità di Larino lungo questi percorsi erbosi, vere e proprie autostrade verdi che i pastori con gli animali percorrevano …

NO GLIFOSATO, SI AGRICOLTURA SOSTENIBILE PER UN CIBO SANO

Immagine
di Giorgio Scarlato Oggi, parlare dell'erbicida glifosato, comunemente chiamato "seccatutto", è di attualità. Quasi tutti sanno qualcosa o almeno cercano di documentarsi. E' di qualche settimana fa l'uscita di un interessante articolo, di venti pagine, in merito al glifosato; l'erbicida più usato al mondo, dal titolo "Roulette russa glifosato", pubblicato dal mensile dei Diritti, dei Consumi e delle Scelte "il Test Salvagente" di questo mese. Il Comitato spontaneo agricolo Uniti per non morire in Molise iniziò ad attenzionarlo ed a parlarne pubblicamente da ben cinque anni addietro. Per molti agricoltori e tecnici sembrava una follia parlarne male in quanto era la panacèa, indispensabile, funzionale ed a basso costo, sia per il comparto agricolo che per la pulizia delle aree civili. Siamo stati precursori visto che il Ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina punta, entro il 2020, al made in Italy a glifosato zero. Ci …

Se una banca s'interessa di agricoltura

Immagine
Mipaaf e Unicredit, insieme per coltivare il futuro Sei miliardi nel triennio 2016-2018 per favorire gli investimenti e l'accesso al credito per il settore agroalimentare. A breve il lancio dell'agribond e dell'agribusiness school di Lorenzo Pelliconi 6 miliardi in tre anni per il progetto
Fonte immagine: © Lukas Gojda - Fotolia
Unicredit e Mipaaf insieme per un programma finalizzato a sostenere gli investimenti e l’accesso al credito per le imprese del settore agroalimentare dal nome "Coltivare il futuro". Il settore, d’altronde, contribuisce per oltre l’11% al valore aggiunto dell’economia italiana, raccogliendo 2,1 milioni di imprese e dando occupazione a 3,4 milioni di persone.

La crescita registrata nel 2015, anno di Expo, ci dimostra come il made in Italy agroalimentare sia sempre più protagonista – ha dichiarato il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martinain grado di offrire importanti opportunità, an…

Giornata internazionale della biodiversità

Immagine
Oggi, 22 Maggio 2016, Giornata Internazionale della biodiversità. Una giornata importantissima che merita di essere ricordata e vissuta con il pensiero ai rischi, sempre più crescenti, che la biodiversità corre sotto la spinta di governi e multinazionali che non sanno, o non vogliono sapere, che essa è vita. Vista che la situazione non è cambiata, ma solo peggiorata, ripropongo l'articolo che ho scritto agli inizi del 2010.
2010 ANNO INTERNAZIONALE DELLA BIODIVERSITA’.Quello iniziato da qualche giorno è, per volontà delle Nazioni Unite, l’anno internazionale della biodiversità, un patrimonio universale dell’umanità, essenziale per le nostre vite, messo in discussione dalle azioni dell’uomo e dalle società basate sul consumismo, che per questo si definiscono sviluppate. Le alterazioni degli equilibri naturali create dalla ricerca del solo profitto hanno causato una perdita crescente di biodiversità e il rischio è che il processo diventi irreversibile.Conservare la biodiversità è div…

L'Italia deve dire No al TTIP

Immagine
di Pasquale Di Lena Il 22% delle eccellenze Dop e Igp europee sono italiane, ben 282 (165 Dop e 117 Igp) su 1315, un primato che, come tanti altri nel campo dell’agroalimentare, non è mai stato sfruttato per le sue grandi potenzialità di comunicare la qualità del cibo e la sua origine, cioè il territorio. Un primato anche nel campo del vino con 523 riconoscimenti su 1579, cioè oltre il 30% del totale patrimonio europeo. Un quadro che potrebbe arricchirsi ancor più di altri importanti riconoscimenti se i produttori, con le loro organizzazioni e associazioni, gli enti preposti, gli stessi comuni e le regioni, avessero la voglia di mettersi intorno a un tavolo e, insieme, valutare le potenzialità (uno o più prodotti) espresse dal territorio con la storia, la cultura, le tradizioni, cioè quanto serve per impostare e definire un disciplinare di produzione dell’eccellenza o dell’eccellenze considerate degne di riconoscimenti.
Penso soprattutto alle Regioni del nostro meridione e, per tutte, …

Giorgio Scarlato e la sua risposta a un commento al suo ultimo articolo

Egregio anonimo, in risposta  al suo commento, lo condivido solo in parte, perché quanto da me sottolineato nel mio articolo, sicuramente per mia colpa, non ho focalizzato bene cosa volevo far intendere proprio perché era già stato fatto in precedenza su altri già postati.
Il mio mondo, quello contadino, non cerca aiuti  o assistenzialismi ma, lo ribadisco, regole certe riferite  nel rispetto sia sotto il profilo della salubrità alimentare che in quelle lavorative quali il giusto salario, tutela del lavoratore quindi dignità lavorativa.  caso contrario, lavorare in dumping significa soccombere.
Nello suo specifico.. rimboccarsi le maniche significa o no operare ad armi pari? Lo stesso organizzarsi che lei dice…bisogna inquadrarlo nell’ottica come su specificato cioè del rispetto delle regole uguali per tutti, o no? Sicuramente sarà a conoscenza che l’Italia importa come materie prime agricole ben il 50%,  cioè siamo deficitari, ed il vero made in Italy viene lasciato sui…

Da Paestum, Euro-Toques Italia rilancia il ruolo dei cuochi nella valorizzazione della Dieta Mediterranea

Immagine
di Vincenzo D'Antonio La tavola rotonda nell'ambito del congresso di Euro-Toques Italia a Paestum (Sa) ha messo al centro l'importanza della Dieta mediterranea e del ruolo dei cuochi, ambasciatori di un'alimentazione sana e sicura. La prima giornata di lavori si è conclusa con la cena di gala al ristorante Tre Olivi del Savoy Beach Hotel
Il fascino del Cilento, per la sua storia e le sue tradizioni, ha reso Paestum (Sa) il luogo ideale per ospitare l’assemblea nazionale di Euro-Toques Italia. Proprio in questo territorio ha scelto di trasferirsi il medico statunintese Ancel Keys, da Minneapolis, per studiare le abitudini di vita dei cilentani. Qui scoprì la Dieta mediterranea, intesa come stile di vita e non solo modello di nutrizione. Alla Dieta mediterranea e al ruolo dei cuochi è infatti dedicata la due giorni di Paestum.


Alberto Lupini, Enrico Derflingher, Alfonso Pecoraro Scanio, Ettore Novellino, Rocco Puzzulo, Alessandro Circiello

Mirata, interessante e densa di…

I campioni della potatura festeggiano Alessandro Di Lena, il migliore dei giovani potatori al campionato nazionale

Immagine
Alessandro Di Lena, miglior giovane potatore di olivo a vaso policonico ai recenti Campionati nazionali, ha voluto festeggiare questo stupendo risultato chiamando, nella sua Casa poco distante dal centro storico di Larino, non solo amici e parenti ma anche altri che hanno avuto la gioia di salire sul podio ai Campionati regionali e nazionali che da 14 anni si svolgono nelle diverse regioni olivicole del Molise e del nostro Paese.

Un bel gesto quello di Alessandro, sostenuto dalla madre Livia, che ha visto, insieme con il fratello Pasquale, pluricampione regionale (la vittoria di qualche giorno a Colletorto) come il padre Antonio, il campione nazionale del 2009, Pardo Di Tommaso, anch'egli di Larino, Mario Montagano di Bonefro, Ettore Di Lena, di Larino e zio di Alessandro e Pasquale, Mirco Rizza di Cassino e Andrea De Santis di Campobasso.

Una festa all'insegna della buona tavola con l'olio protagonista insieme agli olivi che hanno nella buona e corretta potatura la possib…

IL GUSTO DEL TERRITORIO

Immagine
Era da tempo che non andavo a Santa Croce di Magliano a vivere - in un pomeriggio freddo e in compagnia di due cari amici, il prof. Rossano Pazzagli e Domenico Dante Rosati - il piacere di un incontro su “Il Gusto del Territorio”, invitato dall’Assessore alla cultura, Nicolangelo Licursi, che è anche il delegato a rappresentare il suo Comune, socio fondatore dell’Associazione nazionale delle Città dell’Olio, nel coordinamento regionale della stessa.

Una tavola imbandita in un lato della sala consiliare rappresentava il gusto del territorio: la famosa e impareggiabile treccia dei Paladino e Rosati, che, a prima vista e a un consumatore che non la conosce, può apparire un ricamo speciale tipico di questo territorio fino a quando un pezzetto della bianca e spessa trama, staccato, non gli arriva in bocca per deliziarlo; l’Olio extravergine di oliva di un frantoiano plurivincitore, Manrico Di Battista; i torcinelli di Peppino Ciarlo che, proprio qui a Santa Croce, ho imparato a degustare i…

L'uomo che piantava gli alberi

Immagine

IL “FIOR DI LATTE NOBILE DELL’ALTA VALLE DEL BIFERNO” DE LA PIANA DEI MULINI, MEDAGLIA D’ORO AL 1° CONCORSO NAZIONALE “ALMA CASEUS”.

Immagine
Il Concorso nazionale, Alma Caseus, alla sua prima edizione, che c'è stato al Cibus di Parma, la grande Fiera internazionale dell’Alimentazione, ha consegnato una delle sue medaglie d’oro a un formaggio molisano, il “Fior di Latte Nobile dell’Alta Valle del Biferno”, nella categoria formaggi freschi a pasta filata.


Il formaggio de La Piana dei Mulini di Michele Lucarelli, il ristorante-albergo che si trova al Km. 7 della Bifernina, nel Comune di Colle d’Anchise, va così ad onorare l’antica tradizione nell’arte casearia  alimentata per lunghi secoli dalla transumanza, questo andare e tornare che ha visto il Molise al centro tra L’Abruzzo e la Puglia, quale cerniera tra Nord e Sud.
Uno straordinario patrimonio, unico al mondo, quello dei formaggi italiani, con oltre 500 tipologie di formaggio, che ALMA, la grande scuola di cucina italiana, ha fatto bene a dotare di un suo concorso di livello nazionale, da affiancare a quelli internazionali, dove il Molise è sempre stato un protagonist…

Le sofferenze dell'agricoltura molisana e del mondo contadino

Immagine
Un vivere che non è vivere, ma pura sopravvivenza, quello di un mondo che serve ma non è servito, che dorme ma non è dormiente, derubato anche della speranza, ma pieno solo di promesse.
di Giorgio Scarlato A lavorare la terra conviene sempre meno, tanto più in Molise. Quelli e le loro famiglie che vivono solo di ciò che la terra offre loro sono sempre meno. Stanno scomparendo.  Sono i contadini che letteralmente soggiogati soffrono di più e che, sfortunatamente vengono lasciati soli, dove disperazione e rabbia unite alla  condizione di interesse istituzionale burocratico di non nuocere  li annienta. E' l'inferno. Certo è che tutti lo sanno ma nulla fanno.  Sacrifici generazionali non sono bastati a salvare questo mondo rurale che ....sta fallendo e non per proprie colpe. E' quel popolo rurale da sempre sottomesso, umile, che non è in grado di cooperare e far sentire la propria voce. Un mondo che viene derubato anche della speranza.
Parlare di coraggio, però, è poco…

NO TTIP, SI AGRICOLTURA E AMBIENTE DI QUALITA'

Immagine
di Giorgio Scarlato (giorgio.scarlato@hotmail.it)
Il TTIP non è altro, per il settore agricolo, la sommatoria del: capitalismo, neoliberismo e globalizzazione.
L'economia che ne deriva da questi tre componenti è da fallimento per i contadini e nel contempo, di vittoria per le multinazionali del biotech e dell'agribusiness. Come la vittoria è stata all'Expo' a Milano per le multinazionali, non per la vera e sana agricoltura e per i produttori-contadini. Così come "lo vogliono" non farebbe altro che: - danneggiare gravemente l'ambiente; - le piccole e medie aziende agricole scomparirebbero; - verrebbero "esaltati" alcuni OGM (ad es. il RR), glifosato compreso; - salute e cibo sarebbero abbassati di livelli a causa delle norme "annacquate" a causa di quelle meno           restrittive d'Oltreoceano;    - occupazione  e quindi retribuzioni relative a prezzi da fame.
Stiamo facendo un'assurda guerra a noi stessi e chi …