Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2016

Il principio della rana bollita…Diamo un colpo di zampa prima che sia troppo tardi!!!!!!

Il racconto di Noam Chomsky, molto bello e molto significativo, è stato utilizzato dalla mia amica di Siena, Barbara Cucini, a commento di questa  mia riflessione di questa mattina scritta direttamente su facebook."Trovo un errore pensare che oggi non c'è più la politica. Non ce n'è stata mai cosi tanta, ma è tutta in mano ai padroni e ai governi che essi si son dati. Ciò che non c'è più , purtroppo, è l'opposizione, e, il vuoto che ha lasciato è un vuoto di democrazia e, come tale, di partecipazione, che dovrebbe preoccupare tutti quelli che hanno a cuore i valori, in primo luogo la libertà. Ecco perché io dico No a tutto quello che propongono e fanno. So che è contro il territorio e, quindi, contro di me e la mia identità. Sì, invece, al Territorio, Sì alla bontà del Cibo, alla bellezza del paesaggio, delle tradizioni; Sì all'arte, alla storia, alla cultura; Sì alla diversità e alla biodiversità. Sì il 17 Aprile quando andrò a votare NO TRIVELLAZIONI e non s…

Pampanella di San Martino in Pensilis, Dop o Igp, la più grande fabbrica del Molise.

Immagine
Non è la prima volta che racconto una delle mie tante genuine autorevoli passioni, la Pampanella di San Martino in Pensilis, che già da una ventina di anni fa ho dichiarato la più grande fabbrica del Molise. Ne ero convinto allora, ne sono ancor più convinto oggi, e il perché l’ho spiegato nell’ultimo articolo pubblicato sul numero di una settimana fa del settimanale online Teatro Naturale, che mi vede da sempre suo fedele collaboratore.

È così che sono venuto a sapere di una “Pampanelleria” a Perugia, che può presto diventare una catena di negozi particolari dove, insieme alla Pampanella, si consuma il meglio del territorio molisano se, però, si ha chiaro il processo di difesa e tutela di un prodotto che esprime la sua qualità grazie all’origine, cioè al legame con il territorio. Se non c’è chiarezza e si continua a perdere tempo dietro a esperti che non sanno e, perciò, tali  non sono, si può essere certi che questo processo andrà avanti e tutto a spese del Molise e della sua San Ma…

IL MOLISE AI VERTICI DELL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE CITTA' DELL'OLIO CON DUE RAPPRESENTANTI

Immagine
ANTONIO SORBO SINDACO DI VENAFRO (IS) NOMINATO VICEPRESIDENTE NAZIONALE E PASQUALE DI LENA, FONDATORE DELLE CITTA' DELL'OLIO, PRESIDENTE ONORARIO La nuova squadra, composta da otto membri più il Presidente Enrico Lupi presentata mercoledì mattina a Roma C'è anche il Molise nella nuova squadra di Giunta dell'Associazione Nazionale Città dell'Olio. Non con uno ma con ben due rappresentanti: Antonio Sorbo Sindaco di Venafro (IS) è stato eletto nell'esecutivo e altresì nominato vicepresidente nazionale mentre Pasquale Di Lena, fondatore delle Città dell'Olio nel 1994 a Larino, è stato insignito del titolo di Presidente Onorario nel corso del Consiglio che mercoledì mattina ha preceduto l'incontro al Mipaaf di presentazione del programma di governo a cui sono intervenuti, oltre ai rappresentanti delle Città dell'Olio anche il Sen. Franco Panizza Segretario IX Commissione Permanente Agricoltura e Produzione Agroalimentare,  l'On. Luigi Da…

Parlare di cibo significa parlare di terra e di storie

Immagine
“Storie terra terra”, un evento dove si racconta alle nuove generazioni di italiani quello stile di vita sano espresso dalla Dieta Mediterranea, grazie a un’alimentazione corretta che aiuta non solo l’individuo a stare bene, ma anche l’ambientedi Pasquale Di Lena/Teatro Naturale
             “Storie terra terra” per dare più senso e più forza a questo nostro bene comune che si va perdendo, ogni giorno sempre più, grazie alle scelte (la gran parte davvero inappropriate e inopportune) dei padroni del mondo, e, grazie anche alla nostra indifferenza o alle nostre azioni legate a piccoli, spesso miseri, inutili interessi.
Ecco, sono storie che ci riguardano e riguardano il nostro stile di vita, soprattutto quando parliamo del cibo che la terra ancora ci dà e, se consideriamo la nostra terra, quella di un Paese, il nostro, che ha ancora una grande riserva nelle regioni meridionali, a partire dalla Campania o, anche, dal Molise, che è tale nel suo essere punto d’incontro tra Nord e Sud.
Un Pa…

Una terza rivoluzione alimentare con il Molise protagonista

Immagine
di Giorgio Scarlato
Nonostante la volontà profusa, in generale ed in modo sintetico si può affermare che l'agricoltura produ

ttrice di materie prime per l'industria agroalimentare è in profonda crisi. E' al collasso.
Ortaggi, agrumi, grano duro, latte, pomodoro da industria, frutta, dal Nord al Sud Italia, sono a prezzi da vero fallimento. Come si può notare, di giorno in giorno i prezzi all'origine delle derrate calano paurosamente sempre di più, a tal punto che non vengono manco raccolte. Restano sugli alberi, nei campi. Senza che si faccia qualcosa. Sono ingenti i danni causati da questa anomala distorsione di prezzi. Questo modo di porsi, commercialmente parlando, mostra uno scenario agricolo da funerale socio-economico e lascia facilmente immaginare il fallimento di tantissime imprese agricole. La stessa "speranza cristiana", punto di riferimento per la civiltà contadina , si sta affievolendo.
Logica conseguenza è l'urgenza di una seria po…

Lo vogliono cancellare o lo vogliamo cancellare questo nostro Paese?

di Nicola Picchione
Perché ad essere onesti tutti diamo una mano al suo decadimento. Non alzino in tanti la mano a dire:io no. Parlo in generale. Questo è uno strano Paese nel quale in tanti singoli hanno grande valore di intelligenza e creatività ma messi insieme formano una collettività deludente che si avvia al declino. In particolare il Sud: gente di grande capacità individuale che forma una massa paludosa. I politici sono i figli di questo popolo: questa è la vera tragedia. Inutile illudersi di mandarli a casa e risolvere i problemi. Tra l'altro, riusciamo anche a fare il peggior uso della democrazia. Troppe volte si dà il voto con la speranza di ricevere un piacere che spesso è uno sgambetto agli altri. Non ci può essere un grande capo che mette tutto a posto. Renzino vuole la poltrona di capo: vuole i voti. Tutto ciò che fa ha questo scopo. Semina ottimismo (verbale) finge di fare la voce grossa con l' Europa per ricevere applausi, ogni tanto (berlusconianamente) urlicch…

Agroalimentare, il made in Italy vale 13,4 miliardi

Immagine
<a href="http://www6.smartadserver.com/call/pubjumpi/45064/313609/19701/S/A018B87D-ADFE-1086-A494E18BC6DBB851/kAzienda%3D2963%3BkAzienda%3D1441%3BkAzienda%3D1341%3BkANtag%3D3%3BkANtag%3D18%3BkANtag%3D19%3BkANtag%3D25%3BkANtag%3D43%3BkANtag%3D46%3BkANtag%3D71%3BkANtag%3D154%3BkANtag%3D252%3BkANtag%3D445%3BkANtag%3D454%3BkANtag%3D460/?" target="_blank"><img src="http://www6.smartadserver.com/call/pubi/45064/313609/19701/S/A018B87D-ADFE-1086-A494E18BC6DBB851/kAzienda%3D2963%3BkAzienda%3D1441%3BkAzienda%3D1341%3BkANtag%3D3%3BkANtag%3D18%3BkANtag%3D19%3BkANtag%3D25%3BkANtag%3D43%3BkANtag%3D46%3BkANtag%3D71%3BkANtag%3D154%3BkANtag%3D252%3BkANtag%3D445%3BkANtag%3D454%3BkANtag%3D460/?" alt="strip" /&g
Presentati ieri i dati del 13esimo rapporto Ismea-Qualivita: 805 prodotti iscritti nel registro Ue e 219 Consorzi di tutela per un sistema che rappresenta il 10% de…

Le miniere d'oro d'Italia, un viaggio tra le eccellenze a denominazione d'origine e non solo

Immagine
Il nostro Paese possiede il maggior numero di Dop e Igp all'interno dell'Unione europea. Un patrimonio gastronomico e di biodiversità da valorizzare. A partire dal Molise, terra di bontà e bellezza, con molte potenzialità ancora non espresse.
 Il Molise, con le 5 Dop e 1 Igp riconosciute da tempo, continua a rimanere fermo e, così, a punire il suo grande potenziale espresso da 159 prodotti tradizionali sui 4813 riconosciuti in Italia. C’è da dire che solo la Dop Olio extravergine “Molise”, è legata interamente al suo territorio. Le rimanenti quattro (Caciocavallo Silano, Salamini alla Cacciatora, Mozzarella e Ricotta di Bufala Campana) sono in compartecipazione con altre regioni del centro e del sud Italia, e ciò vale anche per Igp (Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale).
Con il solo riconoscimento, tutto molisano, Olio Extravergine “Molise” Dop, il Molise occuperebbe l’ultimo posto della classifica delle Regioni per numero di eccellenze Dop e Igp riconosciute dall’Europa, ch…

L'appuntamento con l'Olio Licinius Platino

Immagine
Ecco l'appuntamento di Venerdì 19 p.v. con La Carta degli Oli che vede protagonista il mitico olio di Venafro, il liciniano più famoso nel tempo dell'impero romano oggi noto come "Aurino" dal nome della sua varietà, con la Colonia Julia Venafrana che ha messo nelle mani attente di Renato Testa della Locanda del Castello, il suo Olio Licinius Platino.

Una serata sicuramente splendida, come le altre tre che l'hanno preceduta, facendo vivere emozioni agli ospiti presenti.

Alla Risorta Locanda del Castello chi, da ora in poi, avrà il piacere di andare a gustare la buona cucina di Renato, troverà ne "La Carta degli oli molisani" la descrizione di quattro aziende olivicole e i caratteri di quattro oli che sono solo una parte della ricchezza di oli che ogni anno e sempre più il Molise mette a disposizione del consumatore del mondo.

Con la carta anche gli oli da gustare: oltre al Licinius Platino, anche L'olio dell'"Oliva nera di Colletorto", …

L'enoturismo attrae sempre più appassionati, presto saranno 12 milioni

Immagine
Oltre 2,5 miliardi di euro la spesa dei turisti del vino in Italia, ma il settore soffre di alcuni problemi. L’Expo troppo “milanocentrica” che non ha portato benefici, né visite e visibilità a oltre “8 cantine su 10”     Una spesa enoturistica di 2,5 miliardi di euro condivisa tra cantine e territori, ma anche forti limitazioni alla crescita per mancanza di finanziamenti pubblici ad hoc e progetti pubblico-privati d’ampio respiro per far decollare un mercato – il turismo del vino – che potrebbe creare più occupazione, più benessere e qualità ambientale. Se la maggioranza delle cantine italiane deve perfezionare i servizi e l’offerta d’accoglienza, anche con una formazione professionale tuttora carente, i servizi dei Comuni sono percepiti appena “sufficienti” dalla metà del campione, a parte i casi d’eccellenza; tutto questo in un periodo di tagli e difficoltà di gettito per gli enti locali, sui quali pesa anche il recente stop all’imposta di soggiorno per quei Comuni che non l’aveva…

Storie Terra Terra

Immagine
L'incontro di Domenica prossima a Salerno la terra per eccellenza della Dieta Mediterranea

NON CI RESTA CHE LA LUNA

Immagine
Ci rubano il pane e il territorio e, in simile maniera, decretano la fine dell'agricoltura molisana e meridionale. La necessità e l'urgenza di una sempre più forte alleanza tra produttori e consumatori italiani per difendere il solo bene che abbiamo, il territorio. E' nel territorio la qualità dei nostri grani.

di Giorgio Scarlato
La manifestazione tenutasi il 9 u.s. al porto di Bari di centinaia e centinaia di agricoltori, promossa dalla Coldiretti della Puglia e della Basilicata, in difesa del grano duro prodotto dai coltivatori italiani e del Meridione in particolare porta a fare, a pochi giorni dall'evento, qualche riflessione.


Sembra aver avuto inizio la guerra del grano, quel "Granaio Italia" del Meridione che sta rischiando, in modo miserevole, di scomparire visti gli ingenti quantitativi di prodotto straniero importato, a volte triangolato da vari porti europei. In simile maniera si vuol "decretare" la fine dell'agricoltura meridio…