Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2015

la Dieta mediterranea con l'olio extravergine di oliva riduce il cancro maligno al seno

Immagine
La dieta mediterranea con olio extra vergine di oliva è benefico nel ridurre il rischio di cancro al seno, secondo i risultati di un nuovo studio pubblicato sul JAMA Medicina Interna.
I risultati, basati sul lungo periodo di follow-up di 4.282 donne, di età compresa tra 60 e 80 anni iscritti al percorso PREDIMED, si aggiungono ai benefici del consumo di olio extravergine di oliva e della dieta mediterranea. Il processo PREDIMED, condotto in Spagna 2003-2009, è stato progettato per testare i benefici di integrare dieta mediterranea con olio extravergine d'oliva o Mixed Nuts nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.
In questo studio, i ricercatori hanno valutato gli effetti della integrazione della dieta mediterranea sia con EVOO (Olio extra vergine di oliva) o noci miste su rischio di cancro al seno.
I soggetti arruolati nello studio sono stati randomizzati a uno dei tre gruppi di intervento: la dieta mediterranea integrata con olio extravergine d'oliva; la dieta mediterra…

La raccolta delle olive 2015 all'insegna della bontà e della salute

Immagine
Anche il Bollettino n° 9, che ci ha inoltrato Vincenzo Lecce della Società Agricola molisana Olivicoltori (Scamo) sull'andamento della presenza della Mosca dell'olivo, è arrivato con la puntualità dei precedenti.

La notizia, ancora una volta tranquillizzante, è quella che, anche se le catture sono aumentate a causa delle piogge e dell'umidità, siamo sempre sotto la soglia d'allarme e, quindi, lontani dall'intervenire con trattamenti per combattere il famoso insetto

Per ora, quindi, non ci sono trattamenti da fare, anche in considerazione dell'avvicinarsi della raccolta.

Un'altra notizia, altrettanto interessante, riguarda il periodo migliore della raccolta, quello che apre al viraggio del colore delle olive, noto con il nome di invaiatura, che, quando arriva a interessare almeno il 75% di quelle presenti, apre alla raccolta visto che l'arricchimento di olio è quasi raggiunto.  

C'è tempo ancora - è una mia personale considerazione - una decina d…

VINO E SPORT

Immagine
Quale appassionato di ciclismo non potevo non seguire i campionati del mondo che, con la gara dei professionisti, si concludono domani a Richmond in America.

Poco fa, durante la trasmissione in diretta su Raisport 1 della gara femminile hanno dato un filmato sui festeggiamenti di ieri sera, a Casa Italia Ciclismo, della medaglia d'argento conquistata da Simone Consonni (bravo con l'altro azzurro Davide Martinelli e la squadra tutta). Il nostro campione che ha stappato una bottiglia di spumante e ha brindato con tutti i componenti della spedizione azzurra.

Immediato il mio pensiero a quando il vino era tassativamente vietato a chi praticava l'attività sportiva, soprattutto a livello agonistico.

Fu L'Enoteca Italiana di Siena, che mi onoravo di dirigere, a squarciare il velo del
proibizionismo con una grandiosa iniziativa "Sport, Vino e Alimentazione", che ha impegnato un'intera giornata e gran parte della notte la Basilica dello Sport italiano, la Scuol…

IL SUD E’ UNA TERRA ANTICA CHE HA BISOGNO DI RISPETTO E AMORE.

Immagine
Se lo frequenti e poni mente al suo futuro, il Mezzogiorno d’Italia, con i suoi paesi a cappello di un colle o appiccicati a una montagna; le sue donne e i suoi uomini ancora segnati da fatiche antiche; i suoi mari e le sue minute pianure, ti appare come un quadro mai finito.

Sta lì, a lasciarti immaginare quale sarà o potrebbe essere il suo futuro, solo se ci sarà chi vorrà provare a fare esprimere le sue enormi potenzialità, tutte importanti per il domani di questo vasto territorio, oggi di grande attualità.
Potenzialità enormi che, però, rischiano di svanire se c’è chi pensa e opera perché siano soffocate da cemento e manti di asfalto, trivelle, elettrodotti o metanodotti, centrali a biogas o biomasse, inceneritori o depositi di scorie nucleari. E non solo, dal furto dell’acqua e del sole, del mare e della luna, che puoi vedere saltare da una cima all’altra di montagne che non fanno paura o, anche, riposare sulla gobba di una collina, per riprendere fiato prima di ripartire per n…

VIVERE LE EMOZIONI DELLA RACCOLTA 2015

Immagine
Newsletter n° 7
del 24 Sett. 2015



Ilvento rabbioso del sud della scorsa settimana, che qui,a La Casa del Vento, è ancora più rabbioso, ha rotto un ramo dei 616 olivi padri de L’Olio di Flora e lasciato cadere sul resto le olive più deboli.
Ho preso quel ramo ed ho raccolto in una conca tutte le sue olive già raggrinzite dal caldo feroce, con punte fino a 40°. Quattro chilogrammi che lasciano ben sperare in un buon raccolto, soprattutto di qualità, visto che mancano solo una decina di giorni all’inizio della bella avventura.
L’attesa monta ogni giorno sempre più fino al mattino che hai già pronti sulla porta della casetta prefabbricata, gli attrezzi per la raccolta, le reti e le cassette,che io e Flora,ci dividiamo per portarci oltre il colle, nella parte più colpita dalla gelata di tre anni fa, là dove il terreno è chiuso da un altro filare di cipressi già alti.
L’augurio che ci facciamo è per noi che abbiamo sofferto non poco la raccolta 2014 e, non solo, anche per tutti gli olivicoltori…

“Voci di testimoni”

Immagine
nuovo libro sulla Resistenza, di Masi e Scarabeo Sabato 26 settembre alle ore 17,00, sarà presentato a Venafro, Centro Sociale Don Orione, Via Pedemontana, il libro, appena uscito dalla tipografia, “Voci di testimoni -1943-1945 - Da Venafro a Niguarda”, curato da Antonio Masi e Vincenzina Scarabeo Di Lullo (Ed. Eva, Venafro 2015, pp. 304, € 18,00, ISBN 978-88-97930-52-5).
Sono previsti interventi, oltre che dei curatori, di importanti personalità e studiosi, provenienti anche da fuori regione: Roberto Cenati, Presidente dell’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, Provincia di Milano; Andrea Gianfagna, Centro Studi “Giuseppe Di Vittorio” di Roma; Eugenio Iafrate, Vice Presidente ANED, Associazione Nazionale Ex-Deportati, di Roma; Loreto Tizzani, ANPI Campobasso; Antonio Plescia, storico, ed altri. Coordina Amerigo Iannacone.
Scrive Beatrice Uguccioni, Presidente del Consiglio di Zona Nove di Milano, in quarta di copertina: «Venafro-Milano e ritorno con un’attenzione particolare…

ORMAI E’ FATTA, SARA’ UNA RACCOLTA ALL’INSEGNA DELLA GRANDE QUALITA’ DELL’OLIO

Immagine
Il bollettino n°8 è arrivato puntuale come gli altri e le notizie che riporta sono belle, confortanti per tutti i bravi olivicoltori della fascia che va da Colletorto, (Fortore), passa per Larino (Biferno) e arriva fino a Mafalda (Trigno) e per tutti i consumatori di Rumignana o Oliva nera di Colletorto, Gentile di Larino e Salegna e altre varietà che fanno ricca l’olivicoltura molisana.

Se è salva dagli attacchi di mosca dell’olivo questa fascia di territorio, possiamo dire che è salva l’olivicoltura molisana, visto che l’andamento climatico riferito a tutto il Molise è stato abbastanza uniforme.
Una notizia bella che da sola ripaga la grande delusione dello scorsa annata, costata cara dagli olivicoltori
Per quanto mi riguarda, come comunicatore sono proprio contento di aver fatto quello che doveva essere fatto: informare gli olivicoltori per guidarli nelle operazioni colturali sulla base di un ottimo lavoro di monitoraggio degli oliveti da parte dell’agronomo Vincenzo Lecce dell’Organi…

IL GUSTO DEL DOMANI

Immagine
Il mio amico Walter Gasperini mi ha fatto gentilmente omaggio del bel libro “Storia di un Territorio Val di Cornia: ecco la Docg” , che lui ha pensato e curato, dove si può leggere anche una mia nota, quale contributo alla storia di questo riconoscimento, e un mio articolo pubblicato sulla pagina “Agricoltura” de L’Unità, il giornale con il quale allora collaboravo.
La “storia di un territorio” importante, qual è Campiglia Marittima, Monteverdi Marittimo, Piombino, San Vincenzo, Sasseta e Suvereto inVal Di Cornia, la Maremma livornese che apre a quella grossetana.
Luoghi stupendi, con le dolci colline che si specchiano nel grande mare, che ho avuto la fortuna di conoscere e vivere traendo insegnamenti preziosi da una serie di personaggi che sono nell’angolo bello della mia memoria.
E’ la “Storia di un vino” che nasce con un nome sbagliato “Ghibello”, per poi chiamarsi “Ghimbergo”, sempre legato al territorio di Suvereto, per poi allargarsi agli altri Comuni e avere il riconoscimento Doc…

Rinviato al prossimo anno il confronto con la Mosca dell’Olivo?

Immagine
Con la puntualità di sempre l’Agronomo Vincenzo Lecce, rilevatore per conto della Scamo, l’organizzazione dei produttori, presieduta da Donato Campolieti direttore della Cia Mlise, mi ha fatto pervenire il Bollettino n°7 riferiti all’ultimo monitoraggio della Mosca dell’Olivo (Bactrocea olea) Riguarda il territorio di Colletorto, S. Croce di Magliano,Larino e Mafalda, in pratica quello che va dal Fortore al Trigno dopo aver superato il Biferno. Le notizie sono ancora buone ed è un piacere per me trasmetterle, con l’aiuto della stampa,anche agli olivicoltori di quest’importante territorio, che rappresenta una buona fetta dell’olivicoltura molisana, ed agli stessi consumatori che possono gioire sapendo di un’annata di grande bontà, diversamente da quella dello scorso anno.
Anche se è stato registrato un aumento delle olive infettate (4,69% con punte dell’8%), la situazione è, grazie al favorevole andamento meteorologico di questa settimana con previsioni di giornate assolate e calde fino a…

Dieta Mediterranea e stili di vita tradizionali

Immagine
L’altro giorno a Oliveto Citra (SA), un piccolo delizioso paese che, con le sue minute case, scivola sotto l’antico Castello e guarda il fiume che sfocia tra Eboli e Paestum, il Sele, ha dato il mio personale contributo all’incontro “Dieta Maditerranea e stili di vita tradizionali”, organizzato nell’ambito della XXXI edizione del “Premio Sele d’oro Mezzogiorno”, ricco di interessanti iniziative.

Carmine Pignata, sindaco di questa Città dell’Olio (una delle ventiquattro del coordinamento campano) ha voluto presentarmi non solo come autore del libro “Agricoltura e Territorio”, uscito nel 2012 per la collana “Cibo e identità” dell’AGR Editori di Ripalimosani (Cb), ma, anche, come presidente onorario dell’ANCO (Associazione Naz.le Città dell’Olio), dandomi, così, la possibilità di iniziare il mio intervento con un salutodel Molise e della mia Larino, culla (dicembre 1994) di una realtà che oggi rappresenta oltre 350 comuni e enti associati.
La presenza di un pubblico prevalentemente di giov…

Dieta Mediterranea e Stili di Vita Tradizionali

Immagine
L'incontro è a Oliveto Citra in provincia di Salerno nell'ambito del "Premio Sele d'oro mediterraneo"

Parlerò del mio libro "Agricoltura e Territorio" e della scellerata politica di distruggere il territorio e, con esso, il terreno fertile e l'agricoltura, quella che produce cibo in un Paese che, già oggi, importa più del 20% del suo fabbisogno. E domani?


·
Mercoledì 9 settembre
10.00 – 12.00 Buongiorno Mezzogiorno Programma radiofonico in onda su Radio MPA in diretta dal Premio, con collegamenti dall’Expo di Milano. 17.00   Piazza Monumento “Il caffè delle idee” – I giovani del Sele d’Oro incontrano i protagonisti della cultura, della politica, dell’economia: Angela Iantosca presenta il libro “Bambini a metà, I figli della ‘ndrangheta”. Perrone Editore. 18.30 Auditorium Provinciale Seminario “Dieta mediterranea e stili di vita tradizionali” Ne discutono:

Vendemmia 2015, prime stime Assoenologi: Raccolto a + 10%. Qualità da ottima a eccellente in tutta Italia

Immagine
Le stime Assoenologi per la vendemmia alle porte sono più che soddisfacenti. Aumenta la quantità di vino e mosto prodotti, che ritorna nelle medie pluriennali dopo un 2014 in calo, e la qualità si attesta tra l’ottimo e l’eccellente in tutta Italia. Si ipotizza un millesimo da ricordare.

Vendemmia 2015. Produzione in crescita Quantità superiore al 2014 del 10% con una qualità da ottima a eccellente. Le prime stime di Assoenologi (al 29 agosto) dicono che quest'anno si produrranno tra i 46 e i 47 milioni di ettolitri di vino e mosto, a fronte della media quinquennale (2010/2014) di 44,1 milioni di ettolitri e di quella decennale (2005/2014) di 45,5 milioni di ettolitri. L'elaborazione di Assoenologi fa infatti ipotizzare che la produzione di uva possa oscillare fra 63 e 65 milioni di quintali che, applicando il coefficiente medio di trasformazione del 73%, danno tra 46 e 47 milioni di ettolitri di vino, un quantitativo superiore del 10% a quello dello scorso anno (42,…