Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2015

UN MARE DI GIOVANI A LANCIANO PER DIRE NO ALLE TRIVELLAZIONI

Immagine
Un mare di giovani, un mare d’acqua (pioggia), un mare di abruzzesi con un po’ di molisani e marchigiani, un coro ininterrotto “No Ombrina, a noi piace il nostro mare”, ma, anche, un mare di emozioni vedere il centro di Lanciano, la bella città frentana, vivere una manifestazione imponente, straordinaria, intensa e forte di passione per la difesa del proprio territorio contro lo strapotere dei petrolieri, accontentati da Renzi con Sblocca Italia.
Un mare di striscioni, cartelli, bandiere, fasce tricolori, gonfaloni a significare la voglia di partecipare per contare e decidere il destino di un mare, L’Adriatico, e, anche del territorio che lo affianca con le sue dolci colline, dal Friuli alla Puglia, con l’Abruzzo il più esposto con “Ombrina”, la piattaforma antistante il porto di Ortona.
Un mare di gente che scorreva tra due ali di folla fermi a guardare, leggere, ascoltare, fotografare e commentare, con l’eco del messaggio della Conferenza episcopale Abruzzo e Molise, guidata da Mons. …

Una pagina bella da gustare del mio amico Alfonso Pascale

Gusto riflessivo per salvaguardare il futuro 23 maggio 2015 alle ore 21.12 Il ritorno all’invenzione delle tradizioni porta con sé una trasformazione del gusto da intendere come la dimensione corporea, sensoriale e cognitiva dell’individuo capace di scegliere modalità, luoghi e prodotti di consumo nella mutevolezza dell’agire quotidiano; di associare le sensazioni concesse dall’esperienza della relazione con un alimento o una bevanda alle motivazioni ideali che possono indurre a sostenere determinati progetti imprenditoriali socialmente responsabili.

Tutte le precedenti culture, ad esempio le prime grandi civiltà del mondo, come Roma o la Cina antica, vivevano essenzialmente rivolte al passato. Per gli antichi tutto accade secondo necessità. “Per i Greci – scrive Michel Foucault – quel che abbiamo dinanzi agli occhi non è il nostro avvenire, bensì il nostro passato, vale a dire che si entra nell’avvenire con lo sguardo rivolto al passato”. Per spiegare la prosperità o la caduta in disg…

San Pardo e la sua stalla

Immagine
Giorni fa ho riportato sul mio profilo di fb foto dei carri di San Pardo in allenamento verso la salita del Monte. In allenamento i buoi e anche i giovani, cioè i grandi protagonisti della Festa che rappresenta l'identità di un territorio, l'anima della nostra città. A tal proposito, cogliendo il clima della preparazione della festa, riporto un articolo da me scritto due o tre anni fa e pubblicato su Larinoviva, con la speranza che venga preso in considerazione da chi ha, oggi, nelle mani il domani di questa festa e, con essa, quello della nostra Larino.


SAN PARDO, LA FESTA, LARINO, IL MOLISE
Premessa
Tanti anni fa ho inviato una mia nota a Il Ponte, che parlava di una stalla cooperativa da realizzare in qualche parte del territorio della mia città per avere nel futuro sempre assicurata la presenza dei buoi e delle vacche. Animali deliziosi da considerare i veri grandi protagonisti della festa per eccellenza della transumanza (un tempo fiera del trac, cioè dell’andare dalla pian…

ALLA RICERCA DEL GUSTO PERDUTO DI OBIETTIVI IN ROSA

Immagine
Aperto ieri il 3° Concorso Fotografico “obiettivi in rosa”, promosso e organizzato dalla Fidapa di Larino. Un’intera giornata dedicata ai profumi e al gusto dei piatti che accompagnano e rallegrano la Festa di San Pardo; ai colori dei fiori di carta che esprimono l’allegoria di questa festa che può fare impazzire anche la più attrezzata macchina fotografica. Alla fine della giornata, “dulcis in fundo”, la proiezione del documentario “Alla ricerca del gusto perduto, molto bello che, se diffuso, può diventare un validissimo strumento di promozione del Molise e dei suoi prodotti legati alla buona cucina.

Ho partecipato alla proiezione di questo Docufiction, l’evento di chiusura di una giornata intensa di iniziative e molto partecipata, un filmato ideato e diretto da William Mussini e realizzato per la INCAS film, con quattro bravi attori, tutti molisani, scelti dal regista ed una protagonista, Maria Assunta, trovata nella sua casa di Pescolanciano in provincia di Isernia. Una stupenda p…

Sveglia per i presidenti dell'Abruzzo e del Molise

I comizi non servono se non si ha la capacità di mantenere gli impegni presi. Sono chiacchiere che servono solo a illudere le persone e, così, a offenderle
La lettera di Don Alberto Conti della Diocesi di Trivento che ricorda ai presidenti D'Alfonso e Di Laura Frattura gli impegni presi, all'inizio di dicembre, in occasione della presentazione del quaderno "Rompere gli schemi per creare il nostro futuro"
p. di lena
DIOCESI di TRIVENTO
CARITAS DIOCESANA

Al Dott. Luciano D'Alfonso
Presidente Giunta Regionale dell'Abruzzo
invio posta elettronica: presidenza@regione.abruzzo.it
      La Lettera di Don Alberto Conti della Diocesi di Trivento inviata                                                 
Al Dott. Paolo Di Laura Frattura
Presidente Giunta Regionale del Molise
invio posta elettronica: presidente.frattura@regione.molise.it
Signori Presidenti delle giunte regionali dell'Abruzzo e del Molise,
lo scorso 6 dicembre, nella tavola rotonda di presentazione del quaderno…