Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2015

Xylella ed Expo, storie diverse ma un unico comun denominatore

Immagine
Nutrire il pianeta, un messaggio bello che, con la presenza delle multinazionali, si contraddice. La Xylella che da fastidiosa è diventata cattiva, sarà ancor più cattiva, anzi criminale, se si dà continuità a un modello di sviluppo di cui sembra non se ne possa a fare a meno Non pochi dei miei vecchi e cari amici, che da anni mi seguono lungo il percorso del vino, dell’olio, della gastronomia e dell’agroalimentare in generale, mi hanno chiesto se vado all’Expo 2015, che apre domani a Milano e cosa penso della Xylella o, meglio, quale sarà il futuro dell’olivicoltura del Salento. Per quanto riguarda l’Expo non credo di andarci. Per non creare equivoci dico subito per più di una ragione, non certo quella che a dominare la sua immagine sono le multinazionali, cioè i grandi affari che stanno affossando l’agricoltura contadina, i nostri territori più fertili e più vocati al cibo di qualità, e, cosa ancora più grave, mettendo a rischio la sopravvivenza stessa del pianeta.
Ritengo, però, d…

la soglia linguistica da non varcare

Immagine
Riportando questo articolo del Corriere della Sera ripreso da "Il Foglio volante" di Amerigo Iannacone che ringrazio, ho deciso che darò, con una ristampa, nuova vita a quel mio fortunato libro di poesie in dialetto larinese (molisano) "U penziere", uscito nel 1989 per gli Editori del Grifo di Montepulciano (SI).

Fortunato, non solo perché ha esaurito in poco tempo le 2.000 copie stampate (mi è stato detto che sono tante per un libro di poesie e, per di più, nel dialetto di una Regione che - lo dicono in molti - non esiste, ma anche perché ha avuto l'onore di essere presentato a Larino nell'atrio del Palazzo Ducale; poi a Firenze, nel prestigioso Salone del gonfalone in Palazzo Panciatichi sede del Consiglio regionale della Toscana, in via Cavour; a Vancouver, Toronto, Montreal in Canada; New York, negli Stati Uniti, Lucera, in Puglia, che ha un dialetto molto simile a quello di Larino ; a Campobasso, capoluogo della Regione ed altri luoghi ancora.

"U…

Il grande successo del vino italiano in America

Immagine
A cavallo degli ani ‘70/’80 ci aveva pensato il Lambrusco delle Cantine Riunite a diffondere il gusto del vino negli Stati Uniti. Una straordinaria opera di penetrazione in un mercato abituato a soft drink e superalcolici, non al vino, con il Lambrusco, pioniere del vino italiano, che arriva alla massa dei consumatori e non più solo a una élite abituata a consumare soprattutto vini francesi e, insieme, quelli californiani.
Una straordinaria opera che doveva essere ripetuta sui nuovi mercati, in particolare quelli noti come BRIC (Brasile, Russia, India e Cina), che, con una popolazione superiore ai 2, 8 miliardi, rappresentano il 40% di quella mondiale, perché avrebbe facilitato il percorso delle nostre esportazioni di vino in questi Paesi.
Il 1985 è l’anno della svolta, con i grandi produttori italiani che, spinti dall’allora direttore dell’Ice di New York, Livio Caputo, danno vita all’Italian Wine % Food Institute e promuovono il 1° “Gala Italia”. Un avvenimento che si ripete ogni anno…

I FUOCHE DA MADONNE

Immagine
Fra poco andrò a vivere questa tradizione (millenni?) a casa del mio amico Primiano con i suoi numerosi ospiti, molti dei quali vengono da lontano.
La memoria non farà fatica a riportare a galla l'eccitazione di noi bambini nei giorni precedenti l'ultimo sabato d'Aprile.

La Festa di San Giuseppe, con il primo gelato, e i primi calzoni corti avevano anticipato di due giorni la primavera e noi bambini la vivevamo come l'inizio delle feste che ci portavano alle due sfilate del Palio di S. Primiano con la sosta all'Anfiteatro, il luogo in cui 1700 anni prima era stato dato in pasto con i suoi due fratelli Casto e Fimiano, fra i primi martini della cristianità.

I fuoche da Madonne erano quelli che arrivavamo per primi, soprattutto a riscaldare i cuori e a ritrovarsi insieme per rafforzare l'unione, vivere la comunità. Allora, ai tempi di me bambino e poi ragazzo, i fuochi accendevano il dialogo e i primi amori, l'allegria e la condivisione di un pezzo di pane,…
Immagine
Quando c’è olio c’è salute La Casa del vento Informa (5)Ci sono giunti anche i risultati della 12a Rassegna degli Oli Monovarietali 2015, che ha visto L'Olio di Flora superare la sufficienza con il punteggio di 6.5 che, però, non basta per entrare nel catalogo pubblicato dall'Assam e diffuso da Il Sole24Ore con la rivista Olivo ed Olio. Peccato! Se Martin per un punto perse la cappa, L'Olio di Flora ha perso l'occasione di entrare nel catalogo  2015 oli monovarietali per solo mezzo punto! Siamo soddisfatti ma non felici, come lo scorso anno quando il traguardo è stato raggiunto come si può vedere dalla scheda riportata. E' da sottolineare la presenza costante in questa Rassegna della varietà "Gentile di Larino", una delle tre che danno immagine alla capitale dei frentani, culla nel 1994 dell'Associazione Nazionale Città dell'Olio

IL MOLISE DI EDILIO PETROCELLI

Immagine
UNA SERIE D'INCONTRI DAVVERO INTERESSANTI PER PARLARE DEL MOLISE DI EDILIO PETROCELLI E DEL CONTRIBUTO DA LUI DATO IN OLTRE 50ANNI D'IMPEGNO POLITICO, SOCIALE E CULTURALE PER IL SUO MOLISE.

Ho avuto la fortuna di conoscere Edilio quand'era dirigente del Pci del Molise e d'incontrarlo quando ha rappresentato il Molise al Parlamento italiano.

Non frequenti i nostri incontri quando, 1995, sono rientrato nel Molise dalla Toscana, ma tante telefonate, in particolare quando, 2006, mi ha chiesto di scrivere de  "la vite ed il vino nel Molise" quale contributo a una sua pubblicazione sul paesaggio molisano che non ha visto l'uscita.

La cultura al servizio della politica e la grande passione lo hanno portato a dare un contributo importante alla voglia di essere del Molise.

La Casa del vento

Immagine
Quando c’è olio c’è salute

Per il terzo anno consecutivo L’Olio di Flora, biologico “Gentile di Larino”, può avvalersi della “distinzione” del Premio “Orciolo d’oro”. Anche quest’anno, e per il terzo consecutivo, L’Olio di Flora, biologico ottenuto da olive “Gentile di Larino”, può avvalersi della distinzione “Orciolo D’Oro” 2015, il Concorso Nazionale Oli, promosso dall’EnoHobby club dei Colli Malatestianidi Gradara, giunto alla 24a edizione. Un altro importante riconoscimento per l’azienda La Casa del Vento di Larino che ha, così, ben rappresentato, nel concorso marchigiano, uno tra i più longevie quotati, il Molise e la sua lunga storia nel campo dell’olivicoltura, la principale coltivazione arborea della Regione più ricca in quanto a ruralità e biodiversità. Ed ora, sperando in altri importanti risultati, L’olio di Flora si prepara a vivere, dopo quella all’Oleonata di Simona Cognoli, sempre in compagnia con Olio Benedetto diLupara e Principe Pignatelli di Monteroduni, una seconda esp…

Manca il Vento

Immagine
Con il sito Larinoviva hanno soffiato due venti che, se si scontrano, fanno sfragelli, A voreie (la bora) proveniente da nord e U fauneie (il favonio), il vento caldo dal Sud.Hanno raccontato della sanità e dell’ospedale di Larino verità che, dando fastidio a chi non ha tempo e voglia di pensare, non sono state prese in considerazione. Ricordo “Se Larino piange Termoli non ride”, anno2009, cioè sei anni fa a firma d’U fauneie e l’”Avevamo detto”, una nota di qualche anno dopo a firma da A Voreie.

Ripensavo a queste note e ad altre ancora, quando, alcune settimane fa, seguivo il Consiglio comunale di Larinoe ascoltavo il lungo lamento dell’assenza del Presidente Frattura, che neanche si è degnato di prendere in considerazione l’invito a essere presente per raccontare a che punto stava lo sfascio della sanità molisana e cosa avevano deciso del futuro dell’ospedale di Larino.
Ho scritto un articolo sull’andamento di quella seduta del Consiglio comunale e mi sono permesso di suggerire all’…

Il paesaggio, patrimonio di tutti

Immagine
di Pasquale Di Lena
Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato, a due giorni dalla chiusura della legislatura, il Piano Paesaggistico voluto dall’Assessore all’urbanistica Anna Marson che ha coinvolto e ottenuto il contributo di docenti di cinque università toscane, la regione che deve la sua fama, in Italia e nel mondo, all’arte, alla cultura, alla storia e, anche, al suo paesaggio. Un valore espresso da estese superfici di bosco e dalla natura rurale della Toscana, con un’agricoltura segnata fortemente dalla vite e dall’olivo, due colture con due tonalità di verde che stanno bene insieme, qui ancor più che altrove. Un Piano - raccontato da Teatro Naturale n° 34 e 35 del 20 e 27 Settembre dello scorso anno – che ha rischiato di non arrivare al voto finale dopo il duro attacco dell’estate scorsa, portato da diverse associazioni vitivinicole e organizzazioni professionali, che, sotto la spinta di forti interessi privati, hanno parlato di un Piano caratterizzato da vincolismo, dir…

UN ALTRO IMPORTANTE RICONOSCIMENTO A L’OLIO DI FLORA DE LA CASA DEL VENTO DI LARINO

Immagine
Ha superato l’esame degli 85/100 punti dell’Aipo d’Argento 2015, il Concorso oleario internazionale (12a edizione), promosso dall’Associazione Interregionale Produttori Olivicoli che ha sede a Verona.
L’olio di Flora è così entrato tra i 76 oli finalisti, italiani e del mondo, confermando il 1° posto ottenuto, nella categoria biologico, al Concorso Goccia d’Oro, che c’è stato a dicembre a Larino; il riconoscimento “Biol del Molise” ricevuto due settimane fa dal Premio BIol di Andria e il secondo posto ottenuto alla seconda edizione del Concorso Buonolio Salus Festival che c’è stato, due domeniche fa, a Gioia Sannitica sul versante casertano del Matese. Un’altra conferma della bontà di un olio biologico, cioè prodotto senza apporto di prodotti chimici, ma solo con le pratiche naturali di coltivazione, e, visto che è stato ricavato da olive “Gentile di Larino”, una conferma anche, dopo la vittoria dell’olio del frantoio Bruno Mottillo all’Ercole Olivario, per questa varietà tutta e sola m…

La salute non ha prezzo ma un costo!

Immagine
Un messaggio molto interessante, di grande attualità, che merita di essere condiviso e diffuso.

Nicola, mio amico caro, nato a Bonefro, dove ha svolto la sua prima esperienza di medico, vive a Firenze e svolge tutt'ra la sua attività di cardiologo, dopo aver vissuto la sua professione tutta all'Ospedale San Giovanni di Dio della bella città gigliata. Conosciuto e stimato per la sua professionalità e per le sue doti umane, sempre più rare oggi. Alla base della sua missione ha posto l'umiltà e della sua alta professionalità ha posto, invece, la cultura.
Nicola Picchione                            ...Voglio dirvi qualcosa sulla Sanità che dovrebbe interessare tutt...i. La cura della salute è un diritto ma è un diritto che costa (la salute non ha prezzo ma ha un costo!). La spesa sanitaria aumenta continuamente: nuove macchine nuovi farmaci nuove esigenze. Il costo crescente comincia ad essere un problema grave. Esso non è sempre giustificato: un prezzo non trascurabile è attr…