5 gennaio 2015

NO, U SOLE N'E' S'TATE


 
No, u sòle n’è s’tate
E s’tate a tèrre
che z’a serchiate tutt’a a néve
c’ù iuorne prime a menate.

Ecche pecché “sotto la neve pane”
e, ‘nvece, “sotto la pioggia fame”

L’accue da néve ne scorre
è nu surse che scennie
fine e teccuà i radeche chiù è funne
entrà dend’i sprefunne
che fanne da cestèrne è u munnne
pe pù renghianà chiane chiane.

È l’accue che devènde sergive,fonte,
suleche, cigne, ‘hiume, e dapù mare,
nen sule na ‘hième, nu canale.

Chiù nève fa e chiù
a cercuele, u uelive, u grane
ze sèntene secure du demane
Epifania 2015 - pasqualedilena@gmail .com

No, non è stato il sole
No, non è stato il sole//E’ stata la terra/che si è bevuto a sorsi tutta la neve /che il giorno precedente aveva fioccato//Ecco perché “sotto la neve  pane”/e, invece, “sotto la pioggia fame”//L’acqua della neve non scorre/ è un sorso che scende fin a toccare le radici più profonde/entrare dentro caverne/ che fanno da cisterne per l’umanità/ per poi risalire piano piano//E’ l’acqua che diventa sorgente, fonte/ solco, ruscello, fiume e alla fine mare/non solo una piena, un canale//Più c’è neve e più/la quercia, l’olivo, il grano/si sentono sicuri del domani.

Nessun commento:

Posta un commento