20 gennaio 2015

A paure


 Cuanne scennie u sòle,
e u sòle scennie e nghiane
sèmpe
maie, però, nu s’tésse punte
nu s’tésse memènte,
pe n’atteme ze sènte
nu selènzie ch’éllucche
ze lamènte
come nu s’trazie forte
che te rès’te dend’a mènte.

E’ a tèrre
che nen ne po’ chiù
té paure da nòtte,
dù scurdele ch’érrive,
ma èncòre de chiù de l’ome
c’a pèrse a raggiòne e scave,
rombe, mannie, reiette,
pègge de cuille de prime

 

La paura

Quando scende il sole/e il sole scende e sale/sempre/mai però nello stesso punto/nello stesso momento/per un attimo si sente/un silenzio che urla/si lamenta/un forte strazio/che resta nella memoria//E’ la terra/ che non ne può più/ha paura della notte/ del buio che arriva/ma, ancor di più, dell’uomo/che è impazzito e scava,/distrugge, divora, vomita, /peggio di quello che c’era prima.

Gennaio 2015 - pasqualedilena

6 commenti:

  1. sono "come z'ècchiappe na cose ze iette" sono i versi di un'altra mia poesia scritta nel 1974

    RispondiElimina
  2. sempre bravo,conciso,lucido,un pò amaro.....baci

    RispondiElimina
  3. Un brivido, caro Pasquale, ma non per il buio e il silenzio, ma per quell'infaticabile irresponsabile essere umano che oggi più di ieri è diventato minaccioso, perché mai come oggi ha avuto tanti mezzi per devastare, tanti strumenti per apportare un danno totale e definitivo ...

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina