Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2013

CON MOLIGAL ALLA SCOPERTA DEL GUSTO E DELLE BELLEZZE DEL MOLISE

Immagine
Abbiamo dato notizia, con l’aiuto di facebook, dell’incontro di sabato sera che c’è stato a La Piana dei Mulini con la presentazione dei prodotti tipici del nostro Molise da me impressi in tanti scatti fotografici.
L’occasione un educational enogastronomico e agroalimentare di tre giorni, promosso da Molise Verde e da Asvir Moli.GAL, coordinato e animato da Nicola Di Niro, con la collaborazione di Picchio Editore e L’Accademia Internazionale della Cucina,al fine di promuovere e valorizzare i territori con le loro eccellenze di qualità.
Giornalisti della stampa italiana e estera hanno dedicato quest’ultimo fine settimana alla Puglia ed al Molise per conoscere e degustare queste due Regioni confinanti e fortemente legate dai tratturi e dall’alternarsi della transumanza.

Nel Molise, in particolare, sono stati accompagnati a Capracotta per gustare le lenticchie e la stracciata; a Frosolone per capire, insieme all’arte dell’acciaio e dei coltelli, quella casearia, oggi fortemente legata alla …

OTTOBRE LARINESE E LA SUA FIERA

Immagine
Sta per arrivare ottobre, il mese degli ultimi fichi, delle grandi raccolte e, per quanto riguarda Larino, della Fiera di Ottobre che non racconta, per colpa di qualche terremoto, pestilenza,o, anche, dimenticanza di qualche burocrate, tutt’i suoi anni che sono millenni, cioè tanti quanti hanno accompagnato la transumanza. Un evento importante quello che ha portato Larino ad essere una capitale e, comunque, un punto di riferimento grazie alla sua campagna segnata da tratturi o utile al grande Regio tratturo, l’Aquila- Foggia che passava poco lontano. Un tempo, e fino agli anni ’50 del secolo scorso, la grande fiera degli animali, una delle più importanti, in Italia, per questi scambi commerciali e per il rinnovo delle attrezzature in campagna e dell’abbigliamento invernale. La Fiera di Ottobre dei miei ricordi da bambino e da ragazzo, quella sul Piano della Fiera, che la memoria mi rimanda come lontana, molto lontana nel tempo, con le edizioni recenti all’interno del Campo sportivo che …

GRANDE SUCCESSO PER I VINI DELLE CANTINE DI BORGO DI COLLOREDO DI CAMPOMARINO

Immagine
"Nuovi successi si aggiungono al medagliere delle Cantine Borgo di Colloredo. L'azienda vinicola, di proprietà della famiglia Di Giulio a Campomarino, ha infatti incassato due prestigiosi riconoscimenti in Germania, al Gran Premio Internazionale Mundus Vini 2013. Con una medaglia d'oro per il Gironia Biferno rosso Riserva 2006 ed un argento alla Falanghina DOC 2012, l'azienda ha realizzato un en-plein che rende omaggio ad entrambe le tipologie di vino, sia rosso sia bianco. Grande soddisfazione, dunque, per un premio di sicuro prestigio internazionale, passato al vaglio di una giuria composta da duecentocinquanta esperti provenienti da quarantacinque diversi Paesi. Ancora una volta, i vini molisani varcano i confini dei mercati locali, dove spesso sono sconosciuti al grande pubblico, per volare dritti sul podio in importanti sfide che li vedono competere con i migliori vini d'Italia e non solo.
Motivo di vanto per l'intera regione Molise e di un …

DiVinOlio

Immagine
Un bell'incontro quello che, nella mitica piazza Tornola, ha aperto la manifestazione Divinolio in programma nel Borgo antico di Termoli. Bravi i relatori Corbo, Stasi, Iorizzo, Di Maria, Lombardi e Fabrizio) che, partendo dall'oliveto e dall'olio, dalla vigna al vino

sono passati a sottolineare la cultura della qualità, il gusto del sapere, la ricchezza e la bontà della cucina molisana per affermare la corretta e sana alimentazione per la salute e il benessere, quale prevenzione al posto della cura e della guarigione.



La piazza un tempo dei pescatori e, per questo, patria dei ricchi piatti a base di pesce di quella Termoli che, anni fa, ho provato, senza successo, ad eleggere "Capitale in Italia della cucina marinara".

La piazza che rende ancor più importante il "Brodetto" che, non a caso, è stato definito dall'Accademia della Cucina Italiana, allora nelle mani di Elio D'Ascenzo, "Brodetto di pesce alla termolese di Tornola" regolarm…

VINO E OLIO - IL GUSTO DELLA SALUTE

Immagine
IL CONVEGNO DI DOMANI A TERMOLI IN PIAZZA TORNOLA (DI FRONTE ALLA CATTEDRALE) SE NON PIOVE O NELLA SALA CIVICA ALLE ORE 16.45

PARTIRE DAL MERCATO LOCALE PER COGLIERE I FRUTTI DEL MERCATO GLOBALE

Immagine
nota 5
Con una nota informativa di pochi giorni fa ho raccontato i successi che i vini italiani, da due anni, vivono sul mercato globale, soprattutto per far capire quanti spazi ci sono e quanti altri ancora ci saranno, sia sui vecchi che i nuovi mercati, di fronte allacrescita costante dei consumi, diversamente dal mercato interno dove il consumo procapite è sceso sotto i 40 litri.
Un dato questo del calo dei consumi in Italia per me, ripeto, preoccupante, non solo perché sono altre bevande, non sane come il vino, a prendere il suo posto, ma perché il vino rischia di ridursi a essere solo una bevanda e per pochi fortunati che hanno i soldi per bere tutt’i giorni grandi vini.
Ricordo ancora una volta che il vino è cultura e, per chi sa bere e lo può bere, è anche salute, se, però, tutt’i giorni è sulla tavola, che io auspico di tutti, non solo di pochi eletti. Un vantaggio anche per il gusto visto che il vino riesce a esaltare i sapori di un piatto e non a soffocarli,come succede con le…

NON SI GOVERNA CON I SILENZI

Immagine
Ieri, leggendo una nota di Marcello Pastorini, ho appreso della inaugurazione, di questa sera, del nuovo seminario ristrutturato con i fondi del terremoto e che è anche la manifestazione che prepara il grande evento di gennaio riferito al 450° anniversario del primo seminario della Cristianità, riconosciuto subito dopo la chiusura del Concilio di Trento. Sempre ieri, con qualche giorno di ritardo, ho letto su Termolionline.it una nota che riporta una “indiscrezione” riguardo a un accordocon la Diocesi di Termoli-Larino che mette a disposizione del mega progetto Granmanze della Granarolo, sconosciuto non solo al Sindaco di Larino, ma, anche, all’Assessore dell’Agricoltura della Regione Molise, i terreni situati in contrada Monte Arcano che, se ben ricordo, sono del Seminario di Larino e non della Diocesi. Un fatto non secondario quello della titolarità dei terreni perché serve a far capire il senso del messaggio partito da Granarolo, come si legge in testa all’articolo, che è quello, a…

Un bottiglione di Coca Cola al posto del vino

Immagine
Mentre arretra paurosamente la superficie viticola in quella parte del mondo, il Mediterraneo, dove la vite ha trovato nel corso di millenni il suo habitat naturale, arrivano notizie più che incoraggianti per i produttori dal mondo del commercio e degli scambi mondiali di vino, una crescita del 5% secondo le stime elaborate da Corriere Vinicolo.
Si parla di un valore pari a 35 miliardi di dollari alla fine del 2013 secondo l’andamento del primo semestre da poco trascorso.
A trarre maggior vantaggio dall’aumento degli scambi mondiali di vino è, sempre secondo le stime del Corriere Vinicolo, lo sfuso con un +10% per un valore pari a 4 miliardi e 300 mila dollari, a seguire il confezionato (+5% e un valore di quasi 25 miliardi di dollari) e, poi, gli spumanti con il Prosecco sempre sull’onda del successo con un +3,7% e un valore di poco superiore ai 5,7 miliardi di dollari.
Stante alle previsioni gli spumanti dovrebbe far incassare al nostro Paese 900 milioni di dollari e il vino confez…

IPOCRISIA E DEMAGOGIA

Immagine
la cosa che più dà fastidio della politica, soprattutto quella che ha caratterizzato gli ultimi venti anni e continua senza soluzioni di continuità, è la ipocrisia e la demagogia. "Non ci può essere crescita economica reale senza il coinvolgimento di tutta la società" grida il presidente Frattura, e siamo d'accordo, dimenticando, però, che è stato presentato il progetto 12.000 manze della Granarolo con la sua approvazione e i cittadini devono solo prenderne atto visto che nessuno è stato coinvolto a discutere ad esprimere il proprio parere.

Pensate nemmeno il suo assessore Facciolla che, tenendo dritta la barra del silenzio, dimostra di non sapere e, quindi, di non contare con il suo assessorato che dovrebbe dare il proprio parere al progetto. In verità sa  tutto ma preferisce non parlare, salvo quando deve rimproverare chi è contrario al progetto 12.000 e lo è - dice l'assessore - senza conoscere il progetto.

Non sa che basta il dato soprariportato per dichiararsi…

IL VINO MOLISANO RECUPERA GRAZIE AI GIOVANI PRODUTTORI E ALLA TINTILIA

Immagine
Parte quarta

Mi serve fare una premessa per spiegare il ritardo accumulato dal vino molisano, nel momento in cui non è stato neanche sfiorato da quel moto nato sulle spoglie del metanolo del 1986 e, poi, per sottolineare il forte recupero che esso ha prodotto alla fine del secondo millennio e in questi primi anni del terzo.
Il 1986, è per me, l’inizio di quel “Rinascimento della Vitivinicoltura italiana” che ha visto protagonisti:
l’Enoteca italiana di Siena con “Vino e Turismo” e “Vino Sport e Alimentazione”, la nascita de“le Città del Vino” e la grande avventura nel mondo che ha fatto bene al vino italiano; Slow Food, che, sin dai primi passi, ha mostrato subito la sua grande vivacità e il saper andare controcorrente; l’uscita di una rivista come “il Gambero rosso” e di importanti pubblicazioni;le iniziative del Mipaaf e di molte Regioni (Piemonte e Toscana soprattutto) in Italia e all’estero; il nuovo volto e un ruolo importante del “Vinita…

“PIACERE MOLISE” E UNA STRATEGIA DI MARKETING PER SCEGLIERE E CONQUISTARE I MERCATI

Immagine
Parte terza Ho parlato di un Ente di gestione della promozione e della valorizzazione del territorio, necessario per stimolare e organizzare una strategia di marketing dei vini e degli altri prodotti del Molise, pensando a una mia idea di diciassette anni fa, “Piacere Molise”, che, per me, è di grande attualità.
Il mio “Piacere Molise”, che, nonostante le iniziative svolte e l’esistenza di un bellissimo logo, oggi di proprietà dell’Unione delle Camere di Commercio, realizzato da Ro Marcenaro, un innamorato del Molise, non è mai stata realizzato se non quando ha dato vita a una mostra-mercato che, invece, di continuare visto il suo successo, si è fermata alla prima e unica edizione.
Un’idea progettuale che ho anche trasformato in una proposta di leggere regionale (1996), che, però, non è stata mai posta all’attenzione del consiglio regionale perché faceva paura ai miei colleghi di allora e, pertanto, osteggiata.
Infatti, solo con il passare del tempo mi sono reso conto che quell’ostilità…

RICCIA, LA CONFERMA DELLA QUALITA' DEI VINI MOLISANI

Immagine
C'era tanta gente questa mattina a Riccia nella sala Piano della Corte, all'incontro su "Il vino di qualita'- quale futuro per il Molise", molto ben organizzato dall'Onav, l'organizzazione degli assaggiatori e, a seguire, una degustazione di vini Doc,  "Molise" Falanghina e Rosso e "Tintilia del Molise", all'interno del suggestivo  Castello De Capua.

Un incontro davvero interessante che ha avuto il merito, sin dal saluto di benvenuto del Sindaco Micaela Fanelli (non erano presenti né il presidente della Regione Molise né il suo assessore all'agricoltura, mentre è intervenuto il Presidente della Provincia Rosario De Matteis ed ha seguito il dibattito con grande attenzione il consigliere Salvatore Ciocca) di entrare dentro le questioni del comparto vitivinicolo, una realtà importante per il territorio molisano, con il vino Tintilia suo degno testimone.


E del territorio, quale origine della qualità e patrimonio prezioso di ques…

ORGANIZZARE IL GLOCALE PER VINCERE IL GLOBALE

Immagine
Seconda parte
La crisi che colpisce l’occidente offre l’occasione per ripensare ancor più al tipo di sviluppo in atto che, come si può constatare ogni giorno, e sempre più, ha bisogno di produrre, con qualsiasi mezzo, quantità e non tipicità (qualità dell’origine e diversità) che, invece, il territorio italiano, grazie alla storia ed alla professionalità dei produttori e dei trasformatori, per fortuna, riesce a dare. Ecco perché, proprio partendo da queste peculiarità del territorio italiano, io vedo il Molise ricco di straordinarie potenzialità e in grado di avviare un nuovo sviluppo, fondato sull’aggregazione e un’elevata coesione sociale, che ha come obiettivo la sostenibilità.
Si tratta di esaltare la propria identità per diventare con gli altri, e solo con gli altri protagonisti del territorio, gli organizzatori del Glocale, cioè di quell’immagine forte (ruralità e agricoltura) che il territorio molisano esprime con dovizia di particolari, per poter avviare, senza alcuna soggezione…