9 febbraio 2013

T come territorio

 
 
1. È un bene inestimabile, uno straordinario patrimonio che appartiene a ognuno di noi con la sua storia, la sua cultura, le sue tradizioni , i suoi ambienti e i suoi paesaggi, le sue attivita’ a partire da quella primaria, l’agricoltura.
La crisi è la conseguenza di uno sviluppo sbagliato pieno di luci accecanti che hanno stordito tutti e lasciato al buio il futuro, soprattutto quello delle nuove generazioni. Uno sviluppo che ha mostrato il suo fallimento e che i liberisti e neo liberisti vogliono riproporre sprecando quel poco tempo che resta per invertire la rotta
È tempo di uscire dallo spazio dello spreco illuminato da queste luci abbaglianti e cercare di adattarsi al buio per ritrovare tutt’insieme la strada che porta a vedere, conoscere e vivere il territorio per trovare in esso non solo i valori della nostra identità ma le risorse possibili per ripartire progettando e programmando il futuro che appartiene a tutti, alle nuove generazioni in particolare.
È il solo modo per salvaguardarlo, proteggerlo, spenderlo, valorizzarlo.

Nessun commento:

Posta un commento