23 dicembre 2012

A fontanòve


                                                              A FONTANÓVE

 

Dav'èvvève e tutt'u paèse

Tre canale d'accua fresche,

pe ogne canale na file

de conche, de tine e de varile.

 
Cu calle e cu fridde

iève sèmpe na s'toreie de femmene

che, chiacchieranne e letecanne,

èspettavene u turne pe égne

che nu penziere a case,

i fije, u marite, a ciuccia pregne.

 
I carabbeniere, u precueratòre,

cóme pure u carcere, u spedale

egnèvene èppène èrrevavene

chi femmene che sbettavene

pe l'abbuse d'autorità.

 
Mó l'accue è dent'i case,

e quis’tu fatte fa piacere,

a Fontanóve córre cóme èpprime,

però nesciune a pènze

è remas’te sòle.

 

Se  z'avesse fa a file cóme èllòre,

uoje l'avess'a fa pure l'autorità.

 

 

 Una poesia di tanti anni fa che ho inserito nel libro "U penziere" uscito nel 1988 per gli Editori del Grifo e che ho intenzione di ristampare per farlo uscire agli inizi del prossimo anno con la traduzione in inglese fatta da Luigi Bonaffini professore alla Columbia University di New York e la cura del professor Sebastiano Martelli dell'Univerdità di Salerno.
Le ragioni di questa ristampa sono molteplici: le continue richieste di copie, da tempo esaurite, che mi arrivano da più parti; la possibilità, con la traduzione in inglese, di raggiungere le nuove generazioni di molisani in Nord America; la salvaguardia e tutela del dialetto che è tanta parte di quella nostra identità che il mercato globale tenta di rubarci ogni giorno e, con essa, il valore della diversità che ci rende, questa sì, universali.

P.S.
Più che la luce di stamattina, a ispirare le foto è la tristezza di vedere questo monumento, e non solo, abbandonato, con qualche pezzo (foto 3) che comincia a mancare.  

 

 

 

 

 

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento