21 settembre 2012

 
Crea la tua torta

può valere un lavoro


 
Coltivare un hobby di gusto può cambiare la vita di un giovane o una ragazza capaci di creare buoni dolci e desiderosi di trovare un'occupazione. E' l'opportunità offerta in questo autunno dal Premio Moriondo Carlo: la famiglia Berta, titolare dello storico laboratorio di pasticceria in Mombaruzzo, rilancia il magnifico mestiere artigianale e pensa ad energie nuove, creative e innovatrici, stimolate a cimentarsi con una eccellente risorsa agricola piemontese, la Nocciola dolce e gentile delle Langhe.

Carlo Moriondo è stato un grande pasticcere del Novecento e in Mombaruzzo inventò l'Amaretto, che col nome di quel paese è stato uno dei maggiori successi della classica pasticceria secca piemontese, una sinfonia di buon gusto per il fine pasto e per il fuori pasto. Ora la famiglia Berta, distillatori in Mombaruzzo, sono i continuatori di quell'arte pasticcera e bandiscono una gara rivolta al lavoro più dolce che ci sia, in collaborazione con la rivista Barolo & Co. e con Banca d'Alba, Piero Mollo (rappresentante in Alba della Zanussi, leader nella produzione di forni), Raineri olio d'oliva extravergine (Chiusanico), Pinin Pero zuccheri (Nizza Monferrato), Coffee Import Caffè Rossini (Alba), Panna Alberti (Pontedassio), Consorzio di tutela del Brachetto d'Acqui docg e Strada del Vino Astesana.

Il bando del Premio Moriondo Carlo prevede una dichiarazione di partecipazione entro il 10 ottobre (alla redazione di Barolo & Co., tel. 0141 954278, info@baroloeco.it) e la consegna dei prototipi dei due dolci (torta di nocciola e torrone) entro le ore 12 di sabato 13 ottobre presso le distillerie Berta a Casalotto di Mombaruzzo (tel. 0141 739528). Il sabato successivo 20 ottobre di fronte alla Giuria appositamente costituita, il concorrente selezionato dovrà eseguire i dolci nel forno Zanussi di Casalotto di Mombaruzzo. I dolci dovranno essere prodotti senza conservanti, senza coloranti e senza aromi aggiunti; ogni concorrente dovrà presentare il curriculum personale e la dichiarazione di tutti gli ingredienti utilizzati.

A tutti i partecipanti segnalati con una menzione dalla Giuria verranno assegnati un Diploma di partecipazione, un abbonamento a Barolo & Co., una copia del Codice della cucina autentica di Asti e una cena per due persone in un ristorante di Astesana, mentre al/alla vincitore/vincitrice verrà proposto un accordo di lavoro con la pasticceria Moriondo Carlo e un'esperienza di visita ad uno dei più qualificati laboratori di pasticceria d'Italia.

Il bando e il modulo di partecipazione sono sul sito www.baroloeco.it.



Nessun commento:

Posta un commento