Post

Visualizzazione dei post da 2011

L’ADRIATICO, il mio piccolo grande mare

Le strade uniscono i luoghi per diventare incontro di genti e di culture che i territori esprimono, come le vie del mare, piatte in tempo di bonaccia o increspate dai venti di libeccio o di maestrale, bora o grecale.
Luoghi dove si stringono le mani, si intrecciano i sorrisi, si raccontano avventure, si sogna l’amore e si vivono le passioni, le speranze.
Luoghi dove si scambiano le merci, gli odori, i sapori e si canta alla luna, alle stelle, al sole mentre vola un aquilone.
Luoghi dove tutto cambia, tutto rimane, come le orme dei passi che portano lontano, sponde da dove salpare e sponde sulle quali approdare.
Da qui riprendere fiato, ringraziare il dio o il fato e poi ripartire dissodando il campo dove lasciar cadere il seme di grano, piantare un olivo, una vite ed aspettare di sentire il profumo del pane ancora caldo, dell’olio appena franto e del vino tranquillo, dopo il tumulto della fermentazione.
Ascoltare il suono della parola sconosciuta e provare a comunicare con le mani, lo sg…

LA GUIDA ''FLOS OLEI'' PREMIA CINQUE AZIENDE MOLISANE

Immagine
In attesa dei risultati del concorso “Goccia d’Oro”, in programma a Larino sabato 17 prossimo, che premia i migliori oli molisani prodotti da appassionati olivicoltori, distinti in due categorie, quella degli “amatori” e quella dei “professionisti”, c’è da applaudire al successo di cinque aziende, tutte del Basso Molise, con l’inserimento in una delle prime e più prestigiose guide del mondo dell’olio, Flos Olei di Marco Oreggiae Laura Marinelli. Per un solo punto (96 e non 97, che è stato il punteggio massimo) l’olio di Marina Colonna di San Martino in Pensilis non è entrato tra i primi 12 dei 455 oli selezionati, schedati e commentati sugli oltre milleprovenienti da ben 43 Paesi del mondo e posti all’attenzione dei degustatori. In pratica rappresentativi dei territori di cinque continenti, a dimostrazione di un confronto delle qualità e dei caratteri organolettici molto serrato. Il punteggio di 96 come di 97 dice che siamo di fronte ad un olio che è vicino alla perfezione. Per questo u…

IL CAFFE' PANTHEON DI LARINO TRA LE 500 PASTICCERIE D'ITALIA.

Immagine
Pasquale Di Lena informa
Dopo aver conquistato, lo scorso anno, il riconoscimento delle due tazzine, quale locale eccellente, e del chicco, come buon caffè, nella guida Bar d’Italia 2012 del Gambero Rosso, il Caffè Pantheon di Larino non solo riconferma le posizioni dello scorso anno, ma entra anche nella nuova Guida 2012, sempre del Gambero Rosso, Pasticceri & Pasticcerie, grazie ad Antonietta Gentile, l’artista del dolce, che gestisce il bar-pasticceria del Pian S. Leonardo, creato anni fa da Alberto Campitelli. In questo modo la nuova Guida Pasticceri & Pasticcerie - alla sua prima edizione - segnala il Caffè Pantheon di Larino tra i 500 locali selezionati in Italia e premia la bravissima Antonietta Gentile con l’inserimento nella classifica dei più grandi maestri italiani di pasticceria. Un riconoscimento importante che, con la città frentana, onora il Molise e mette in luce le potenzialità che questo nostro territorio ha con la capacità di utilizzo dei prodotti locali…

da ZACC&BELINA

SEMPRE BUONA LEI
Zacc- Minzolini lo vogliono esportare in una sede prestigiosa all’estero Bélina – per non fargli perdere l’abitudine all’uso della carta di credito facile
PASSERA’ ANCHE LUI ZACC- per Passera i sacrifici degli italiani sono una necessità, mentre le frequenze televisive BELINA- solo da approfondire

IL POETA DELLA TERRA

Immagine
In anteprima l'articolo che uscirà sul settimanale on line "Teatro Naturale"


Leggo su un settimanale on line la presentazione di un libro, “Manifesto per la terra e per l’uomo”, appena uscito e che si può trovare in libreria al prezzo di 15 euro. Un libro scritto da un contadino di origine algerina, Pierre Rabhi, che parla di buone pratiche agricole, cioè di gesti importanti, anche piccoli, utili alla salvaguardia del pianeta. Rabhi vive nell’Ardèche, il dipartimento della Regione del Rodano-Alpi, dove l’agricoltura è prevalente con le sue coltivazioni soprattutto arboree, vigneti, frutti e castagne e dove egli ha vissuto e sviluppato le sue esperienze di agricoltore improntate sulle buone pratiche agricole e nel rispetto dell’ambiente e della natura. Senza questo rispetto – personalmente ne sono fermamente convinto, e non da ora - non c’è futuro per nessuno. Buone pratiche agricole, come quelle di un tempo non lontano: zero pesticidi, zero fertilizzanti, gestione attenta e…

IL MOLISE, UN LABORATORIO DI OPPORTUNITA’ DI GRANDE ATTUALITA’

Immagine
Questo nostro piccolo grande Molise, oggi più che mai, ha bisogno di sognatori e di folli per ragionare del suo futuro e riprendere la strada della transumanza, lungo la quale sono allocate le risorse che servono per progettare e programmare ed essere il protagonista dell’era della conoscenza che, forse pochi sanno,è quella che viviamo. il Molise in questo modo, può diventare uno straordinario laboratorio di marketing territoriale capace di coinvolgere i molisani che vivono nel Molise ma, anche, di rendere protagonisti i molisani che vivono nel paese che si vuole rendere obiettivo di questa forma di programmazione.

Si tratta di darsi una strategia - la sola possibile per una Regione che vuole costruire un nuovo domani e dare risposte ai suoi figli vicini e lontani - che parte dalle peculiarità del suo territorio, così ricco di storia e di cultura, ambienti e paesaggi, tradizioni e, per fortuna, ancora diffusa ruralità.Cioè ricco di tutto quello che è necessario per dar vita a un nuovo t…

Ogni minuto vengono distrutti

Immagine
A Durban la conferenza Onu sui cambiamenti climatici + "Climate action!" Il diario di Oxfam Italia Un'indagine della FAO: la perdita
maggiore ai Tropici. In Italia, soprattutto al Sud, possibili interventi di restauro forestale ROBERTO GIOVANNINI, INVIATO A DURBAN (SUDAFRICA) Secondo la FAO, l’organizzazione ONU per l’alimentazione e l’agricoltura, ogni minuto vengono distrutti 10 ettari di foreste nel mondo. Fanno venti campi da calcio equivalenti, per dare un’idea. In un anno parliamo di 14,5 milioni di ettari; tra il 1990 e il 2005 sono stati perduti 72,9 milioni di ettari. In realtà per adesso la situazione a livello globale è ancora relativamente sostenibile: anche in base a una revisione dei metodi di rilevazione, che non tenevano conto delle aree riforestate dall’uomo o naturalmente, nel 2005 la superficie boschiva totale ammontava al 30% delle terre emerse. La perdita di foreste è maggiore ai Tropici, dove si concentra poco meno della metà della superficie foresta…
Immagine
LE ARMI
                                        Zacc - ancora soldi alla difesa                                      Bélina - non a quella del territorio

da ZACC&BELINA

SACCONI SVUOTATI Zacc- tolti i picchetti a Termini Imerese Bélina- dopo che sono stati tolti i sacconi pieni di livore antisindacale
LOVELY Zacc- “love, no droga”, uno spillo di Giovanardi sulla giacca di Berlusconi Bélina- e su quella di Tarantini? I COMUNISTI ZACC- ha detto che nel 1994 è sceso in campo per combattere i comunisti BELINA- chissà come farà a trovarli. Non si stanca mai

Il grande coraggio nel sostenere la viticoltura eroica

Immagine
Vicepresidente e presidente Ass. "Viticoltori nel Tempo"


Coltivare la vigna in aree difficili significa salvaguardare ambiente e paesaggi, vitigni autoctoni, storie, culture e importanti tradizioni espressione di territori unici. Il resoconto di un focus che si è svolto a Fisciano

di Pasquale Di Lena
Se ne è parlato a Fisciano, nel salone delle residenze universitarie del Campus dell’Università di Salerno, in occasione di un convegno e di una tavola rotonda - promossi e organizzati dall’Osservatorio dell’Appennino Meridionale - che hanno impegnato l’intera giornata. Erano presenti i rappresentanti del Cervim, del Mipaaaf, delle Regioni Campania e Calabria, dell’Università e del Comune di Salerno, dell’Università di Napoli, Federico II, dell’Assocamerestero, dell’Associazione Donne del Vino e della Vi.Te.“Viticoltori nel Tempo”, l’ associazione nata per merito dell’Osservatorio Appennino Meridionale.                          
E’ stata un gior…

Nel cuore verde dell'Africa

Immagine
Viaggio nella riserva di Dzanga Sangha, una delle più grandi foreste del continente, che sta per morire. Alberi abbattuti, animali in pericolo, popolazioni minacciate di estinzione. Parte una campagna del Wwf Elefanti, la minaccia dei bracconieri
DZANGA SANGHA - Le ferite della foresta si vedono solo dall'alto. Il Cessna a sei posti che decolla da Yaounde, la capitale del Camerun, impiega due ore e mezza per sorvolare il bacino del Congo fino alla riserva di Dzanga Sangha, 50 chilometri al di là del confine, nella Repubblica Centrafricana.

Sulle mappe questo spazio è segnato in verde perché è considerato una massa di vegetazione compatta, una salda barriera tra le megalopoli in espansione e i deserti che avanzano. Ma le mappe mentono.

Appena l'aereo raggiunge i 600-700 metri di quota, appaiono le lacerazioni che sfregiano il tessuto fitto degli alberi. Sono piccole strade dall'aria innocua, piste in terra battuta costruite per catturare qualche briciola di un tesoro natural…

MORIA DELLE API, CHIAMATA URGENTE DA TUTTA L'EUROPA

Immagine
Postiamo questo articolo riportato da un settimanale on line per continuare il nostro discorso sui rischi che vive la natura per colpa della voracità dell’uomo, soprattutto delle multinazionali che non hanno il senso del limite e credono di essere padroni di questo pianeta. Non c’è da perdere tempo a trovare le ragioni della crisi che il mondo subisce per colpa di questi nuovi potenti affamati padroni, che, in mancanza dei partiti e della politica da essi presi in ostaggio da tempo, nessuno riesce a contrastare. Pensiamo al tecnico Clini, oggi nuovo Ministro dell’Ambiente, che ha mostrato subito il suo filo diretto con quanti vogliono il nucleare e imporre all’Italia ed all’Europa gli Ogm, cioè gli organismi geneticamente modificati. Bisogna solo dirgli bravo per la sincerità con cui si è presentato mostrando di non essere un politico ma un tecnico, a nostro parere, messo nel posto sbagliato. Peccato!
Tornando alle Api ed all’allarme lanciato da tempo, ricordiamo che esse sono le v…

L’ACCOMPAGNATORE

da ZACC&BELINA
Zacc- ai colleghi giornalisti Fede ha detto “attenti, potrebbe capitare anche a voi” Bélina- Fare l’accompagnatore?

LE BRACHE

da ZACC&BELINA

Zacc- permette sono Corrado Clini patito di nucleare e di Ogm

Bélina- lo faccia per Monti, de-Clini l’incarico e tenga su le brache

Buon compleanno, dieta mediterranea

Immagine
Esattamente un anno fa, il 17 novembre, l’ambito riconoscimento di patrimonio immateriale dell’umanità sancito a Nairobi dall’Unesco. Sono trascorsi dodici mesi senza che sia stato dato il giusto risalto e valore di Pasquale Di Lena

Un riconoscimento soprattutto all’Italia e, dell’Italia, al suo mezzogiorno, dove il grande ricercatore americano, Ancel Keys, con la preziosa collaborazione della moglie Margaret, biologa, ha avuto modo di incontrare, in quella terra incantevole che è il Cilento, un mondo che aveva un suo particolare stile di vita e questo aspetto particolare, una volta messo a confronto con stili di vita di altre sei nazioni, lo ha portato ad affermare il suo valore e significato di salute e di benessere, in particolare della esistenza di una relazione tra la dieta, il colesterolo nel sangue e le malattie arteriosclerotiche.
Una ricerca che ha portato Keys a diventare cittadino di un minuto paesino del Cilento, Pioppi, dove ha vissuto dagli inizi degli anni’60 fino al 1998.…

GOVERNO MONTI, C'E' ANCHE L'AGRICOLTURA

Immagine
Scriviamo questa nota subito dopo l’annuncio del nuovo governo del presidente del Consiglio incaricato, Mario Monti, per dire che - smentendo il Ministro uscente Romano e i due sottosegretari che forse avevano il bisogno di un’ultima dichiarazione da inviare a un’agenzia stampa - il Ministero dell’Agricoltura non è stato accorpato, rimane con la nomina del Ministro dr.Mario Catania per tanti anni Dirigente del dicastero.
Il nuovo Ministro, al quale auguriamo buon lavoro per il bene del settore e del Paese, ha le possibilità di partire subito e di rilanciare questo Ministero che abbiamo avuto modo di frequentare per lunghi anni, avendo così la possibilità di incontrare funzionari e dirigenti di grande valore.
Una notizia che ci conforta e ci lascia sperare in chi ha esperienza e capacità per dimostrare la centralità dell’Agricoltura e come il suo lento abbandono, nel corso di questi ultimi cinquanta anni, sia stato uno dei tanti errori di un sistema ormai fallito e che registra la pesant…

Terresacre a Montenero di Bisaccia

Immagine
di Pasquale Di LenaIn poco tempo - la prima bottigliaè stata chiusa solo 6 anni fa - l’azienda Terresacre di Montenero di Bisaccia (Cb) posta su una delle dolci colline di Montebello è già nota al mondo dei cultori del vino per i primi importanti riconoscimenti e la citazione sulle più diffuse guide dei vini italiani La sera del 14 novembre l’incontro, il primo, con Terresacre la cantina di Montenero di Bisaccia (Cb) posta su una delle dolci colline di Montebello, il territorio che il nome esprime magnificamente, con la sua posizione di fronte al mare, poco sopra la stretta piana che un tempo vedeva il passaggio dei pastori lungo il Regio Tratturo, L’Aquila-Foggia.

Di proprietà della società agricola il Quadrifoglio, di Anna Rosa Grifone, questa azienda, grazie alla regia di Alfredo Palladino, che ha passione e determinazione, ha dimostrato di essere partita con le idee molto chiare: una bella moderna struttura; ricerca di professionalità e costruzio…

AGROALIMENTARE MOLISANO, UN BISOGNO URGENTE DI SINERGIE

Immagine
C’è la necessità, alla luce della pesantezza della crisi e della poca o scarsa disponibilità di risorse, di rivedere tutta l’impostazione della comunicazione dell’agroalimentare e di renderla strumento di quel marketing territoriale che, fino ad ora, ha svenduto il Molise più che promuoverlo.

C’è bisogno di dialogo e collaborazione tra i diversi soggetti pubblici e privati, cioè di sinergia, di mettere in campo subito una strategia di marketing per far vivere a questo nostro Molise quell’immagine che non ha e per dare alle aziende, oggi nelle mani, nella quasi generalità, di giovani imprenditori, in gran parte donne, gli spazi necessari di mercato che servono per crescere e conquistare quel valore aggiunto che non c’è da tempo.
Un valore aggiunto che, come sa chi conosce gli imprenditori agricoli, viene utilizzato e speso nel Molise per nuovi investimenti in azienda e non portato altrove, come succede per quanti si appropriano del nostro territorio e i successi li vanno a investire alt…