IJE MÓ SÒNGHE MELESANE

Na cóse è ca une è brezzèse
Na cóse è ca une è peièse
N’ata cose è ca une è
brezzèse e pièese,
insomme melesane.

Na cóse è chi parte
N’empòrte se da u chiane
o da mentàgne
e na cóse è chi remane
é vedé passà i pecueràre
e une une
nzieme è na mórre d’anemale
pe cuis’te o quìll’u tratture.

U melesane è cuille che remane,
ch’èspètte duje staggiùnne,
a premàvére e l’auetunne,
prime de resaletà
che na s’trétte de mane
tutte chille che pàssene e vènne
da lentane.

C’eie misse cencuant’anne
pe capì ch’ija sònghe e mó
me vènn’e dice ca sème
cuille ch’ejavame na vóte.

Eh no! Ne è cuescì
Ije sònghe cóm’é cuélla róte
ch’èggire sule pe ì énnànze
maie pe ternà érréte
Cóm’u ‘hiume sciuvele,
pe fa é u mare na creiànze,
càntune dòpe càntune
préte dòpe préte
chiacchiaròne o mùte.

Ije mó sònghe melesàne
é nze descùte
Nu ciuochele, nu meràjòne
Nu titte, na merèie
de cercuele o de mentàgne
na lune , nu sòle,
na canzòne dòce,
na vòreie, nu fauneie
ch’èrrivene da lentane,
i vóte forte e àt’i vóte
chiàne
Larino, S. Pietro e Paolo 2010
ORA SONO MOLISANO
Una cosa è essere abruzzese
Una cosa è essere pugliese
Altra cosa è essere
abruzzese e pugliese
cioè molisano

una cosa è colui che parte,
non importa se dal piano
o dalla montagna,
e una cosa è chi rimane
per vedere passare i pastori
uno a uno
insieme a tanti animali,
lungo questo o quell’altro tratturo

Il molisano e colui che resta,
aspetta le stagioni,
la primavera e l’autunno,
prima di salutare di nuovo
con una stretta di mano
tutti quelli che passano e vengono
da lontano

Ho impiegato cinquant’anni
per capire chi sono ed ora
mi vengono a dire che siamo
quelli che eravamo un tempo

Eh no! Non è così.
Io sono come quella ruota
che gira solo per andare avanti
mai tornare indietro.
Come il fiume che scivola,
per fare una gentilezza al mare,
macigno dopo macigno
pietra dopo pietra,
chiassoso e silenzioso.

Io ora sono molisano
e non si discute.
Un ciocco, un muro
Un tetto, l’ombra
di una quercia o di una montagna,
luna, sole,
una canzone dolce,
bora, favonio,
che vengono da lontano,
a volte in modo violento ed altre volte dolcemente

Commenti

Post popolari in questo blog

Oleocantale, la componente fenolica dell'olio extravergine che distrugge le cellule tumorali.

Onore all'Università del Molise e a due suoi ricercatori, i proff. Biagi Angelo Zullo e Gino Ciafardini

Il Comitato Scientifico del Biodistretto Laghi Frentani ha scelto il Dr. Pasquale Di Lena come suo coordinatore.