Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2009

IL MITO qua e là 73

Quando 4 mila persona sono tutti d’accordo e applaudono c’è qualcosa che non va per la democrazia di questo nostro amato Paese, nelle mani di uno che, non a caso, subito ne approfitta per dire che ha bisogno di avere, come capo del governo, più poteri nelle sue mani. In pratica, la possibilità di fare quello che vuole non solo di tutti noi, ma delle regole fissate dalla Costituzione, che sono alla base della vita democratica che ha fatto crescere questo Paese negli ultimi 60 anni.
Lo dice entusiasmando i 4 mila che lo trattano come un idolo, un mito, di cui non ne possono più fare a meno, visto che ormai è dentro di ognuno con le sue televisioni fatte di idiozie, banalità, schifezze, merda, tutto ciò che emana puzze insopportabili che servono per non correre il rischio che qualcuno dei 4 mila, e non solo, possa avere la tentazione di pensare.
Pensare è un optional che se lo possono permettere in pochi, visto che a pensare ci pensa lui e qualche altro, soprattutto in Parlamento. Tant’è …

QUANDO LARINO....

Quando Larino aveva molte cose importanti da insegnare agli altri traeva la sua ispirazione dal suo territorio e dalla sua agricoltura. Alla fine dell’’800 era una capitale dell’agroalimentare italiano, con i suoi “Premiati Mulini e Pastificio S.Rocco, di Ernesto Colagiovanni; i suoi quasi trenta frantoi, con quello di Iapoce appiccicato alla parete de “il Monte” che raccoglieva medaglie, soprattutto con il suo olio al limone; la nascita della elettricità con i Battista che arrivano fra i primi in Italia a offrire la nuova energia, quella elettrica, e a determinare una svolta nel campo delle attività industriale. Un territorio che metteva a disposizione, insieme all’acqua, la statale n° 87, una dorsale che oggi offre agli escursionisti la possibilità di ammirare paesaggi mozzafiato, entrare nel cuore verde del Molise e godere la natura in ogni stagione; la ferrovia che, ancora, affianca la 87 e la attraversa in più punti. Un’agricoltura che offriva il suo olio “Gentile di Larino”, fat…

Il mondo dell'olio cerca nuove strade. Per non soccombere

Soluzioni alternative ve ne sarebbero, ma occorre più coesione e un percorso comune condiviso. L'idea di predisporre un grande parco di olivi nell'ottica di un museo a cielo aperto, può forse risolvere molti tra i tanti problemi di natura commerciale. Sarà così?
di Maria Carla Squeo
Da sinistra: Politi, Caricato, Di Lena, Lombardo
Le buone performance ottenute a Trieste in occasione di "Olio Capitale" lasciano ben sperare. Certo, è pur vero che il momento attuale non è tra i più facili, ma quanto meno non c'è aria di resa. In più c'è da dire che il mondo dell'olio, trovandosi in uno stato di perenne e strutturale crisi, forse resiste meglio di altri settori alle incertezze dell'economia mondiale.Di sicuro, il sorriso gonfio di speranza che si vedeva impresso sulle facce di alcuni produttori lascia ancora aperto qualche spiraglio, non dico per una possibile svolta, ma almeno per una soluzione più positiva di quanto ci si possa attendere. C'è stato un …

GIU’ LE MANI DALLA TINTILIA

Abbiamo raccolto da più voci alcune notizie, non belle, riguardanti la Tintilia, il vino testimone assoluto del territorio molisano, quello che ha permesso, con il suo rilancio attraverso l’inserimento nella Doc “Molise”, di dare quella identità, che non aveva mai avuto, la vitivinicoltura molisana e, con essa, il suo agroalimentare.
Un duro e paziente lavoro per riportare alla memoria dei molisani, soprattutto delle aree interne, il vino che, proprio qui, nessuno chiamava vino, ma “tentije”, portato avanti prima da qualche pazzo per la propria terra e poi dalla Università, fino alle prime bottiglie della Masseria Di Majo Norante, che hanno saputo suscitare interesse e attenzioni.
Per poco, visto che era rimasto solo qualcuno a coltivare le vigne di Tintilia. Un successo che porta alcuni viticoltori a vinificare in proprio, togliendo però a Di Majo, in mancanza di materia prima, la possibilità di continuare in questo suo pregevole lavoro di promozione.
A Di Majo si sostituiscono giovani …

n.70 - VIAGRA

Immagine
Oggi si è scoperto che Umberto Bossi, il capo dei leghisti – sfascisti, ce l’ha duro e, con lui ce l’hanno duro tutti i padani perché usano la pillola blu, volgarmente detta Viagra, ben tre volte in più dei meridionali. Tre volte in più, badate, è solo una media, ma significativa, come ha detto, “Capa”, che sta per Caparini uno dei tanti leghisti pensiero solo perché con la cravatta verde e il fazzoletto verde nel taschino, per dire che quelli del Nord hanno bisogno di stimoli e di supporti per fare la cosa più naturale al mondo, l’amore. Al nord non conoscono il peperoncino, il sedano, il sole, il dialogo, in parole povere “u ggire”, che ti portano a pensare e desiderare e poi a fare. Pensano solo a lavorare, e, lo fanno non tanto per vedere come arrivare a fine mese, ma a come accumulare qualche spicciolo per comprare il Viagra, dalle soluzioni miracolose per chi ha scarsità di fantasia e non sa cos’è l’emozione che solo l’amore ti può dare.È questa la notizia che più ci ha colpito…

n. 69 - San Parde e San Premeiane

SAN PARDE ESAN PREMEIANE
E’ passate l’une de nòttea campane sóne e s’devalluneSan Parde à già saletate San Premeianeprime che n’abbracce e pu che na s’trettede mane.Ze so ditte duie paróleveloce velocen’eccòne p’u callen’eccòne p’a s’tanchezzen’eccòne p’u suonnema maggiormènte pe nu delòrenu delòre de spalle pe nu colpe d’areiedurant’a precessiòne.
“A seletudene-à ditte San Premeiane- èna brutt’a bes’tie che nen te fa dermìp’i tropp'a penziere che tì”
“Duorme Nanù - ha respuos’te San Parde- cademane è fes’teè na iernate tos’te se ce s’tà u sòle,comunque te pu recreià pe cuant’a gènte te vé e demes’tràu bbéne,a deveziòne”
“Pe me ?”“Pe te Nanù”“Buonanòtte Pardù.”Encòre n'i capiteca se tu te facive i fatte tiieé te ne s’tive nu paèse tiiea cattédràle mó ze chiàmavea chiése de San Premeiane,a precessione ma facève da suleinvéce de campà nu campesantecóme nu cane sènza nesciune.”
Ci è caduto nelle mani il foglietto che riportava questa poesia in dialetto che, per noi che veniamo dall’Af…

U PAESE MIIE

U paese miie
è dénd'è nu fuosse
ngòppe nu punie de tèrre
tande da sembrà nu bas’temènte
Èttuórne u Monte, u Mentaròne e Mont'Arcane
tenute rapierte da u Vallòne da Tèrre
che z’éncontre cu Befèrne
Tutt'a nature è chiène de dolcezze
cóme u sanghe di ggènte
che té origene èssaie lendane
cóme u vérde di uelive
che (g)uardene i Triemete, u mare.

U larenese senza uelive
è nu cres’tiane tris’te
chiine de recuorde e de nes’talgie.

U paèse miie
da 'ngòppe u ponte e capabàlle
da i Caselle a Seleciate,
d’a bbeverature e sotte u carcere,
via Cluenzie, a Chiazze, via Leione
dove u suonne nen té penziere
u cellucce nen cante pe isse
ma pe farse sentì;
ogne piatte z'èccónce che l'uòie de uelive
e ce s’tà èncòre u ciucce che raje.

Dove ogni ruoie té nu 'hiate devèrse
cóme u penziere di ggènte.

Recchezze antiche nascoscte
avete che nen so sfrettate
o so repos’te.

U Paèse miie
dove u calle e u fridde
so frutte de staggiòne
cóme a vòrie e u faunie,
sémbre nu uaiò dend'a culle,
nazzecheiate da uelive e cagg…

IIE VELÉSSE DEVENDA' SINECHE

Iie velésse devendà sineche
pe fà nu menemènte é u puorche
Scine é u puorche
l'anemale che sacrifeche a vita siie
pe fà campà i cres’tiane

U puorche ne canósce a vecchiaie
pecché campe scì e no n'anne
nen té u tiempe d'èttaccarse
u padròne
pecché da nu memènte e n'ate
quis’te u fa fóre
Nen spreche niente
pecché magne tutte e tutte rènne
sfamanne a fame

E' n'anemale sante
che sa sule dà

A nzogne, u larde,
a ventresche,
a nnòje,
a savecicce, u vreccuelare,
a spalle, u presutte, u salame
a sepresciate, i setele, a ventrecine
u sanguenacce, u magnarine

Té sfamave e mèntre té sfamave
te recreiave

Ieve u re da case
prime e dope c'avève campate
ècche pecché da ogne parte
ce velésse
nu menemènte
ca còde érreceleiate
a vócche póche póche raperte
cu musse avezate
cóme e cuande cu rurù, rurù
te velève dice
scine tu, tu, proprie tu.

1978


La voglia di diventare sindaco per rendere omaggio all’animale più generoso per eccellenza, il maiale, un tempo un vero re della casa, in molti luoghi rispettato tanto da…

IL BEL PAESE DOVE IL NO RISUONA

Immagine
Zacc - Sa solo dir di NO. No a Petruccioli presidente Rai, No all’assegno per i nuovi disoccupati. No ai soldi, risparmiati dalle elezioni, da destinare alla polizia. No a tassare per una volta i ricchi per aiutare i poveri.
Bélina - Chissa cosa riusciranno a inventare questa volta Buonaiuti e Capezzone per dimostrare che non è lui l' uomo dei NO

n.68 - BERLUSCONI NO

Immagine
Da due giorni il sito di Larino Viva riporta l’articolo di Michele Serra, il direttore dell’inserto satirico de l’Unità, Cuore, che riprende le sceneggiate al quale il telespettatore italiano è costretto ad assistere con i mille e più portavoce di Berlusconi che si danno il cambio nei vari telegiornali. Gasparri, il pensiero; Cicchito, il piduista già socialista lombardiano; Capezzone, che fa rima con c., che di radicale gli è rimasta solo la passione per il nuovo padrone; Bocchino, l’occhialino che arreda la notizia costruita a misura di chi parla senza sapere quello che dice; Quagliarella, anche costui ex radicale e poi periano; il mitico Bonaiuti che suggerisce le battute più insulse a Berlusconi e funge da correttore, e altri ancora che non è il caso qui di elencare. Per non rovinare il pranzo o la cena a chi sta per mangiare, la digestione a chi ha già mangiato e il sonno a chi ha bisogno di riposare in questi momenti pesanti per colpa di chi dice di governare e di una sinistra c…

TOTO'

È rimasta famosa la scena in cui Totò veniva preso a schiaffi e non reagiva e a chi gli chiedeva del perché di questa sua indifferenza, rispondeva “ma io mica mi chiamo Pasquale?”
Una scena che, da quando Larino ha riscoperto la passione per il suo ospedale, si va ripetendo con una serie di personaggi che, presi per la giacca alla domanda “ma la colpa della situazione di quasi chiusura dell’ospedale di chi è?” La risposta ricorrente è “ma io mica mi chiamo Pasquale?” Personaggi di spessore come il sindaco, il vicesindaco e qualche altro collaboratore, come l’onorevole, e, anche, come qualche vecchio amministratore trombato insieme a un fascio di vecchi politici in affanno, i consiglieri regionali del territorio e altri ancora. Ognuno con la stessa risposta, quasi concordata, “ma io mica mi chiamo Pasquale?”
Come a voler far credere che la colpa della chiusura dell’ospedale è colpa di Pasquale.
Anzi ci sono alcuni, che, per averne ricevuti troppo nella loro vita, non sopportano gli schia…

I MANGANELLI DI MANGANELLI

Immagine
Zacc - La polizia usa i Manganelli contro gli studenti che gridano
" Fuori i fascisti dall' Università"
Bélina - Bisogna avvertire Manganelli che avverta la polizia che sta manganellando la Costituzione

BRAVO PETRAROIA, BRAVO TERZANO

Il sangue frentano, riferito a Terzano che non ha votato con la sua maggioranza, non mente, viene fuori nelle occasioni importanti, quando ci sono da prendere decisioni vitali per il nostro territorio, il nostro Molise.Un esempio per tutti noi, soprattutto per quanti, ultimamente hanno dato la propria adesione al Cosib.Il centro destra, con Iorio che deve recuperare punti nei confronti di Berlusconi, non poteva che respingere l’iscrizione urgente e l’immediata discussione della mozione nel corso della seduta del consiglio regionale di questa mattina, preparata dal consigliere Petraroia, il solo che fa opposizione in Regione.Berlusconi, questo nostro infinito padrone, che ha un debole per i soldi ed il potere (uno più ne ha e più ne vuole), come molti sanno, è indispettito da Iorio dopo la pagina del quotidiano La Repubblica sulla dinastia ben sistemata del nostro governatore, e, prima ancora, la faccenda del buco nero della sanità molisana (Black hole), con decine di indagati felici e…

PER I MIRACOLI CI VOGLIONO LE DONNE

Immagine
Zacc - Bonanni dice no alla proposta di mandare le donne in pensione a 65 anni
Bélina - Vuoi vedere che ha la moglie impiegata?


IN CADUTA LIBERA

Immagine
Zacc - Pil, disavanzo, programma di stabilità, deficit…tutto oltre ogni più rosea previsione
Bélina - Tutto precipita...meno l' evasione fiscale