Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2009

LA FOTO

Bella la foto che riporta il quotidiano Primo Piano di oggi. La composizione del comitato pro ospedale nato per dare una mano a Giardino e Quici, traditi da Michele Iorio ed offesi, avendoli trattati come servi nel momento in cui non ha avuto neanche la bontà di avvisarli del disastro che andava a combinare con la delibera n° 1261, quella del 28 novembre scorso, che addebita all’ospedale di Larino tutti i mali della sanità molisana.

Significativa: ci sono tutti quelli che hanno dormito fino ad ora dopo la sconfitta di aprile: Palmieri, Mili, Puntillo, perfino Sabetti che tutti davano per emigrato da qualche parte.

C’è anche Andrea Vitiello, noto campione di sommersione. Se c’è lui, non c’è il figlio e viceversa per non dare l’impressione di invadenza, riservati come sono.

Tutti ben disposti a cavalcare la tigre dell’ospedale. Mancano solo i consiglieri regionali, quelli che, si dice, sono a rappresentare gli interessi d Larino e del suo territorio, perché impegnati a riflettere sulle ind…

LA FOTO DEL GIORNO DOPO

E’ quella che mostra anche i consiglieri regionali rappresentanti di questo territorio. Anche se un po’ sfocata fatta in controluce, presenta il grande Pangia, il piccolo D’Alete, l’imbiancato Bonomolo e il mediano Totaro.

Ci sono, esistono. A nessuno più è concesso di malignare che stanno in consiglio regionale a bivaccare.

Sono lì, insieme ai due creduloni, Giardino e Quici, giustamente incazzati con Iorio per come li ha trattati. Senza alcun rispetto e questo non è giusto per chi ha dimostrato fedeltà in tutto questo periodo, sulla scia della tradizione dei buoni amministratori di Larino, democristiani e non, che hanno avuto una spiccata e naturale predilezione per i forestieri.

La conseguenza è il vuoto di una classe dirigente che farà mancare il respiro alla vecchia capitale dei frentani.

Nessun problema: un giorno o l’altro questa nuova classe dirigente arriverà con i giovani che in questi giorni scalpitano dentro e, perché no, fuori del comitato pro ospedale. Ci sono i figli dei ve…

SENZA FOTO: LA ZAPPA SUI PIEDI

In primo piano su Primo Piano di oggi, domenica, un lunghissimo articolo ( mezza pagina) del movimento Larinascita per accusare, anche di colpe che non ha, Larino Viva.

Oramai è diventato un gioco (?) di società di tutti quelli che non sono di Larino Viva e si riconoscono nel comitato pro ospedale, compresi il sindaco, il vicesindaco e la maggioranza del consiglio comunale, che, avendo altro da fare, hanno pensato bene di coprirsi dietro una sigla ad effetto, comitato, visto che dell’ospedale se ne sono ricordati dopo un mese che Iorio aveva fatto approvare la famosa delibera 1261 del 28 novembre 2008.

In verità, a seguire i loro percorsi di questi giorni e facendo fede alle date di quando scende in campo Bonomolo (prima decade di dicembre), poi Palmieri, poi Larinascita, poi, Pardo Spina (tutti fine dicembre), poi, ancora, De Camillis (seconda metà di gennaio), e poi, solo qualche giorno fa, Puntillo e Vitiello (quello che ha detto, nell’incontro con Bonomolo, che a Larino il Pd non e…

ER RIOTTA

Immagine
Zacc – mi puoi definire la clessidra?
Bélina – Riotta

CHI PAGA

Immagine
Zacc – a vedere le televisioni c’è solo lui candidato in Sardegna
Bélina – ma chi lo paga

NARCISO

Immagine
Zacc – Ha detto che la tv nazionale non è degna di un paese civile
Bélina – era, come spesso gli capita, davanti allo specchio.

SAN TORO

Immagine
Zacc – alla fine una soluzione che trovi tutti d’accordo c’è sempre
Bélina- Santoro

RICICLATOR

Immagine
Zacc – puoi dire quello che vuoi ma è lui il big della comunicazione
Bèlina – è solo una lavanderia specializzata nella ripulitura dei delinquenti

BERLUSCONI CADUTO

Immagine
Zacc – Berlusconi è andato giù alla Camera
Bélina – me ne frego.

Zacc e Bélina

IN VOLO
Zacc – ma Berlusconi dov’è?
Bélina – su un aereo dell’Air france


LA FEDE
Zacc – hai sentito Bush “Scrivo un libro e do consigli a Obama.
Dio mi ha aiutato”
Bélina - a trasformare l’Iraq in un camposanto

U SÒLE E A LUNE

Nze ne pó chiù
de cues’ta temperature
che na mane ècchiappe u sòle
e che n'ate a lune
pe metterle une de front’é ll'ate
é facce é facce é sule é sule
U prime devènde èllabbarìte
e a seconde ze fa rósce

I sènte tremà
a classeche tremarèlle
de chi na fatte na cósa bbèlle

I vvecìne sèmbe de chiù
pe èbbetuarle e guardarse nell'uocchie
e chille, n'entramiente z’ènnùsene,
i chiudene

Èllòre nge vèghe chiù
i ppicceche nase e nase
e lóre subbete ze ne èpprefittene
pe darse nu vasce.

Nge s’tà vèrse de speccecarle
S’tracche e s’trutte m'èrrènne
de fronte e chis’ti duie facce beiate
retrevanneme che na mana calle
e n'ata jelate.

1978


IL SOLE E LA LUNA

La voglia di prendere, in questa fase così tesa del mondo, la luna ed il sole, e metterli a confronto. Chi si sbianca e chi arrossisce sapendo che non si stanno comportando bene. Tremano. Vengono avvicinati sempre di più per costringerli a guardarsi negli occhi ed il risultato è che li chiudono e quando vengono costretti a toccarsi il naso ne approfit…

A VITE

A vite! Ogne memènte è nu penziere!
Farse capì
petè magnà
mparà e càmmenà
Sentirse merì
canósce e ll'àte
E s’tà nguolle
pa paure
de perde a mamme é u padre
A paure de sbajà
a colpe de iecuà
Sentì i prime vòje
cóme de na mèle da còje
U córe che sbatte
a paure de èsse matte
A ses’temaziòne
a reveleziòne
Nu munne viecchie
fatte da ll'àte
S’ta ensieme i fije
A vòje d'èrrevà
a respensabeletà
(G)uardà u passate
vederse sule
Nen capì
sentirse merì
A morte sèmpe èrret'a porte
sóne u campaniélle
e te fa sbeguettì
p'ècchempagnarte
pu ries’te da vite
senza s’trazie
se te li fatte amiche.



LA VITA

È una preoccupazione continua, dalla nascita quando haai bisogno d farti capire che hai fame o impari a camminare, scoprire il mondo che ti circonda e racchiudersi nelle braccia della madre per la paura di rimanere solo, di sbagliare e il senso di colpa di giocare, fino ai primi innamoramenti e la paura di impazzire. Poi il lavoro, la voglia di cambiare un mondo fatto da altri. La famiglia, le responsabilità, la vo…

NU JUORNE

Nu juorne che è nu juorne?
Nu cuarte d'òre de tant'a cuarte d'òre
na notte che z'èmmisse e dermì
n'affacciàte de sòle
o nu cante de gàlle che fa chicchirichí?
E' neiente de frónte e tand'a juorne
è tande de front'e nu memènte
E' na resate fatte é scuarciagòle
nu cumele de penziere e sentemènte
E' nu file che ze tèsse
fatte de recuorde é de speranze
devèrse per chì u vó cagnà
da chi pènze sule a panze
Nu juorne è pure a nòtte
che t'èbbitue e 'sctà ca mòrte.

1983




IL GIORNO

Il poeta si chiede se il giorno è un quarto d’ora di tanti quarto d’ora o una notte che ssi è addormentata. L’alba o il canto del gallo. La risposta è che è poco o niente in confronto a tanti giorni, comunque tanto di fronte all’attimo. Una risata, un insieme di pensieri e di sentimenti. E’ di sicuro un filo, fatto di ricordi e di speranze, che si tesse ed è diverso da chi sente il bisogno del cambiamento da chi, invece, pensa solo a se stesso. Comunque il giorno è anche la notte che …

QUELLI CHE...di Ro Marcenaro

Immagine
ULTIMA TROVATA di Zacc e Bélina
Zacc – la mitizzazione dei boss della mafia su face book
Bélina – dopo quella di Gelli sulle televisioni

A CEVETTE

Da uaiò m'avèvene emparate
e tené paure (fra tant'a paure)
da cevette, cielle de maleaugurie.
"Chi u sà pe chi cante"
decèvene i femmene facènnese a cròce.
Ieve padrone da notte e se cantave o chiagneve,
nesciune u sapève.
Dent'i case chiine de fije
i desgrazie nen mancavene maie:
meserie, fame, pa grazie de Diie,
mó nu muorte, mo na malatie,
mó na desgrazie 'ngòpp'a fatije,
mó na famije emmiezz'a viie.
A cólpe sèmpe du cielle de maleaugurie
che ne sbajave maie,
dò uardave cueiève.
I ggènte chiagnèvene, z'èsceppavene i capille,
èlleccuavene e pù rechemenzavene.
Munne sèmp'eguale pi speranze
che n'èrrevavene maie nciele
pe colpe da cevette che cantave.


LACIV ETTA

L’uccello che nella tradizione popolare portava sfortuna e quindi metteva paura da quando uno era piccolo, tant’è che le mamme dicevano, quando sentivano il canto “chi può dirlo per chi canta, anche perché se cantava o piangeva nessuno lo poteva dire per l’uccello re assoluto della notte.
Nelle case, in…

A CASETTE DE RÈNE

Da uajò nu mare
fabbrecave i casette ca rène
e ce mettève tutt'a passiòne.
Mi guardave e mi reguardave
e me sentève veramente brave.
Chiù de na vóte ce ggerave èttuórne
pe vedé se mancave caccóse:
na porte, na fenes’tre o na veiarèlle.
'Ntramiente cagnavene chelòre
pe l'accue che seccàve
e chiane e chiane, pu viente,
caccóse ze ne iave.
Prime cuerrève pe mette na pèzze
ma vedève ca tutte ze frantemave,
èllòre i dave nu cavece e i zampeiave.
M'èscèvene i lacreme pa raje
e tutte sentève cóme nu brutte uaie.
Facènneme gruosse iie capite
ca pe na case ce vònne i fondamènte
se na vu vedé sparì dént'e nu memènte,
fegurete se pu cos’truì 'ngòppe a rène
dove ogne cose dure eppène eppène.



LA CASETTA FATTA CON LA SABBIA
Iil ricordo di quando bambino costruiva con grande passine la casetta al mare con la sabbia.
Appena finita se la guardava e si sentiva soddisfatto girando intorno per vedere se mancava qualcosa. Cominciava poco dopo a cambiare colore e poi con il vento si staccava qualcosa.
Prov…

MBACCE U FEQUELARE

Véramènte ce pènze spésse a vecchiaie,
nu sacce se facce buone o male,
nu fatte però è cèrte ca a vecchiaie
ce s’tà e è nu fatte normale.
Chi pó sapé se une campe o móre
- a morte ne tozzele, éntre e zitte -
comunque ognune spère che dure u córe
e ze prepare a morte che tant'a zempitte.
Ma a a uesanze de uoje ne è cuescì,
ognune spare tutt'i cartucce che té
tante ‑ dice ‑ u des’tine miie è merì,
èllòre è mèje e campà nu memente da re.
Inzomme ce s'eccuentènte de na bbèll'a lampe
che nen sule ne fa fuoche e 'nte rescalle,
ma te bruce, te cèche l'uocchie e t'èvvampe
cu fridde che tòje u pos’te du calle.
Cèrte ne è facele preparà nu bbèlle fecuelare:
prime u ciuochele, pu lène, céppe e ceppetèlle.
Se chemènz'é peià pe s’tetarze è cosa rare.
Vide a lampe, siente u calle, tutt'è cosa bbèlle.
Cuande fenisce a lampe ne fenisce u fuoche,
u ciuochele è devendate nu tezzòne
che ògne tante zé sfotte cu 'hie'hhiafuoche.
Sott'a cenere remane sèmpe nu carevòne.
Èttuórne e u …

DEND'E NU SUONNE

Cóm’é dénde nu suonne
t'eie vis’te cuill'atu juorne.

Cuerrive vèrse de me
che l'uocchie che te rerèvene,
a faccia rosce de cuententezze,
i capille sciuovete pertate da u viente.

Sembrive nu pelidre sènza cavezze.
Iie ferme come e nu sceme
te (g)uardave e nen capève
mentre cuerrive chi vràcce spalancate
e u córe te sbattève.

Cuerrive, cuerrive, cuerrive
senz'èrrevà maie.
Iie s’tanghe de spettà eie ditte:
è mèeje che me ne vaie.


Il sogno che dà al desiderio di amore l’illusione che la donna amata sta sempre lì per arrivare con le braccia aperte e il cuore innamorato, ma che no arriva mai.
Alla fine la presa d’atto che è inutile aspettare e prendere la decisione di andare via.

U VES’TITE

Dénd'é nu ves’tite
une ce pó s’ta s’tritte
come pure ce pó s’ta larghe.
Comuncue nen è ditte
ca une 'nce pó s’ta.
Se è s’tritte trattiene u 'hiate,
se è larghe èbbuotte.
T’id’a dattà
pe fartele ì é penniélle,
se no: o te calene i vrache
o te ze rómpe u fennielle.



Il Vestito come capacità di adattamento che bisogna necessariamente avere per vivere.
Può essere abbondante o stretto, ma anche se così uno lo può comunque mettere. Basta trattenere il fiato o gonfiare.
Importante è adattarsi alle sue misure se non si vuole vedere cadere o, peggio, se non si vogliono i pantaloni strappati perché troppo stretti.

CHI CE CAPISCE E' BRAVE

Capì pe nen capì
nen capì pe capì
capì da nen capì
nen capì de capì.

Capì
nen capì
fa finte de capì
o de nen capì

Cóme u pazze che nen vo ì na guèrre
o u surde che ne è surde.
Ma cuand'a pazze e cuand'a surde
in quis’t’ u munne de furbe
dove chi ce capisce è brave!


La parola capire per mettere in luce le contraddizioni di una realtà che diventa sempre più difficile capire.
Comincia qui il gioco del poeta, il divertimento che gli procura la parola che si presta a una doppia intepretazione , che poi avrà una sua affermazione con “U fatte” scritta dopo la pubblicazione de “U penziere”